OMICIDIO RITUALE sharia ARMENO ummah GENOCIDIO

gli USA FED Spa NWO NATO, mi devono spiegare, perché hanno fatto diventare l'ISLAM sharia, una minaccia globale, Piano del Pentagono (la strega fattucchiera) per truppe e mezzi lungo confini est della Nato. A partire dal 2017. 'Rischio escalation tra Usa e Russia' (la strega pre-veggente, con la sfera di cristallo in mano)
======================
US FED NWO Spa NATO must explain to me why: Talmud AIPAC, have made: become Islam sharia, a global threat, the Pentagon Plan (the sorceress witch) for troops and equipment along the east boundaries of NATO. Since 2017. 'Risk escalation between the US and Russia' (is an pre-seer witch, with crystal ball in hand)

Per Londra il MASSONE “la Russia è una minaccia per il mondo” perché, ha distrutto: Erdogan Daesh ISIS sharia, e non si doveva permettere! 30.03.2016( Il ministro degli Esteri britannico Philip Hammond ha sostenuto che la Russia rappresenta una minaccia per il mondo. Tale dichiarazione è stata fatta oggi durante una sua visita in Georgia, segnala la “Reuters”. "La Russia ignora le regole internazionali e viola le norme del diritto internazionale. E' un problema e una minaccia per tutti noi," — ha detto Hammond, rispondendo alla domanda se il comportamento della Russia in Georgia e nei Paesi Baltici sia pericoloso. Lo scorso 18 marzo l'alto rappresentante della UE per gli Affari Esteri e la Politica di Sicurezza Federica Mogherini aveva esortato gli Stati membri dell'ONU ad introdurre le sanzioni contro Mosca. Il capo della diplomazia europea aveva detto che l'Unione Europea continuerà a non riconoscere la Crimea come parte della Russia, anche attraverso le sanzioni. Al ministero degli Esteri russo hanno rilevato che le parole della Mogherini vengono percepite come una "mancanza di rispetto per più di 2 milioni di persone della Crimea". Come notato nel dicastero diplomatico russo, Bruxelles non vuole vedere i reali cambiamenti positivi avvenuti nella penisola dopo la riunificazione con la Russia.

ABD FED NWO Spa NATO'nun bana açıklamak gerekir neden: Talmud AIPAC, yaptık: İslam şeriat, NATO'nun doğu sınırları boyunca asker ve teçhizat için küresel bir tehdit, Pentagon Planı (büyücü cadı) haline gelir. 2017 'ABD ile Rusya arasında Risk tırmanması' yana (elinde kristal küre ile, bir ön-kahin cadı)

US FED NWO Spa NATO muss mir erklären, warum: Talmud AIPAC, gemacht haben: sich Islam Scharia, eine globale Bedrohung, die Pentagon-Plan (die Zauberin Hexe) für Truppen und Ausrüstung entlang der östlichen Grenzen der NATO. Seit 2017. "Risiko Eskalation zwischen den USA und Russland" (ist ein Pre-Seher Hexe mit Kristallkugel in der Hand)

US FED NWO Spa Nato måste förklara för mig varför: Talmud AIPAC har gjort: bli Islam sharia, ett globalt hot, Pentagon Plan (troll witch) för trupper och utrustning längs östra gränser Nato. Sedan 2017. "Risk upptrappning mellan USA och Ryssland" (är en pre-siare häxa, med kristallkulan i hand)
=====

Mic Micson https://plus.google.com/u/0/106610167014375613113 The Talmud is evil. Jesus didn't study the Talmud. It wasn't even around. Unfortunately there no bounds to the lies Jews can get away with saying. The Talmud is more racist than anything Hitler allegedly said. Since the Jews are so good at obfuscating their crimes, it takes a long time for the truth to come out. hasbarat, Jews need too go just for your misdirection. the talmud is on you tube, all the trachtates,us goyim can read your vile oath of "kol nidre" and read the viler"torat hamalech". your days are dwindling swindlers,pack your bags you will be getting threw out of civilised countries for the 90+ time. you know lucifers your god dont you?
========
Nos dio de comer NWO Spa OTAN debe explicarme por qué: Talmud AIPAC, han hecho: convertirse al Islam sharia, una amenaza global, el Plan del Pentágono (la bruja hechicera) para las tropas y equipos a lo largo de las fronteras orientales de la OTAN. Desde 2017. 'escalada de riesgos entre los EE.UU. y Rusia' (es una bruja pre-vidente, con la bola de cristal en la mano)

США FED СВО Spa НАТО должна объяснить мне, почему: Талмуд AIPAC, сделали: стать ислам, шариат глобальную угрозу, Пентагон план (колдунья ведьма) для войск и техники вдоль восточных рубежей НАТО. С 2017 года "эскалации рисков между США и Россией» (это предварительно провидец ведьма, с хрустальным шаром в руке)

US FED NWO Spa NATO deve explicar-me porque: Talmud AIPAC, fizeram: se tornar Islam sharia, uma ameaça global, o Plano Pentágono (a bruxa feiticeira) para as tropas e equipamentos ao longo das fronteiras do leste da NATO. Desde 2017. "escalada de riscos entre os EUA ea Rússia" (é uma bruxa pré-seer, com bola de cristal na mão)

US FED NWO Spa NATO musi mi wyjaśnić dlaczego: Talmud AIPAC, uczyniły: stać Islam szariatu, globalne zagrożenie, plan Pentagonu (czarownica czarownica) dla żołnierzy i sprzętu wzdłuż wschodnich granic NATO. Od 2017 roku "eskalacji ryzyka między USA i Rosją" (to pre-jasnowidz czarownica z kryształowej kuli w ręku)

US FED NWO Spa NAVO moet mij uitleggen waarom: Talmoed AIPAC, hebben gemaakt: uitgegroeid tot de islam sharia, een mondiale bedreiging, het Pentagon Plan (de tovenares heks) voor de troepen en materieel langs de oostelijke grenzen van de NAVO. Sinds 2017. 'Risk escalatie tussen de VS en Rusland' (is een pre-ziener heks, met kristallen bol in de hand)

US FED NWO Spa NATO må forklare meg hvorfor: Talmud AIPAC, har gjort: å bli Islam sharia, en global trussel, Pentagon Plan (trollkvinnen heks) for tropper og utstyr langs øst grenser NATO. Siden 2017. 'Risk opptrapping mellom USA og Russland "(er en pre-seer heks, med krystallkule i hånden)
==================

Istati Uniti FED NWO Spa NATO għandhom jispjegaw lili għaliex: Talmud AIPAC, għamlu: jsiru Islam tax-xarija, theddida globali, il-Pjan Pentagon (il witch sorceress) għall-truppi u tagħmir tul il-konfini lvant tan-NATO. Peress 2017. "eskalazzjoni tar-riskju bejn l-Istati Uniti u r-Russja" (hija witch minn qabel SEER, bil ballun tal-kristall fl-idejn)

US z'iesse NWO Spa NATO muss fir mech virwat: Talmud AIPAC, hu gemaach: ginn Islam Mursi, eng global Menacen, erem en aneren Draam Plan (de sorceress Hex) fir Truppen an Equipementer laanscht den Osten Grenze vun der NATO. Zënter 2017. "Risk escalation tëscht den USA a Russland (ass eng Pré-seer Hex, mat glaskloer Ball an der Hand)

US FED NWO Spa NATO verður að útskýra fyrir mér hvers vegna: Talmud Aipac hafa gert: orðið Islam sharia, alþjóðlegt ógn, Pentagon Plan (galdrakonu norn) fyrir hermenn og búnað meðfram austurströnd mörkum NATO. Þar 2017. 'Risk stigmögnun milli Bandaríkjanna og Rússlands "(er pre-sjáandi norn, með kristal boltann í hönd)

Caithfidh Poist FED NWO Spa NATO mhíniú dom cén fáth: Talmud Aipac, rinne: bheith Ioslam Sharia, gur bagairt dhomhanda, an Plean Pentagon (an medicine sorceress) do trúpaí agus trealamh feadh teorainneacha soir ó NATO. Ós rud é go 2017. 'ardú Riosca idir na Stáit Aontaithe agus an Rúis' (is medicine réamh-seer, le criostail liathróid ar láimh)

ΗΠΑ FED NWO Spa ΝΑΤΟ πρέπει να μου εξηγήσει γιατί: Ταλμούδ AIPAC, έχουν κάνει: να γίνει το Ισλάμ Σαρία, μια παγκόσμια απειλή, το σχέδιο του Πενταγώνου (η μάγισσα μάγισσα) για τα στρατεύματα και εξοπλισμό κατά μήκος της ανατολικής όρια του ΝΑΤΟ. Από το 2017. «κλιμάκωση των κινδύνων μεταξύ των ΗΠΑ και της Ρωσίας» (είναι ένα προ-μάντη μάγισσα, με κρυστάλλινη σφαίρα στο χέρι)

US FED NWO Spa NATO harus menjelaskan kepada saya mengapa: Talmud AIPAC, telah membuat: menjadi Islam syariah, ancaman global, Rencana Pentagon (penyihir penyihir) untuk pasukan dan peralatan di sepanjang batas timur dari NATO. Sejak 2017. 'eskalasi Risiko antara AS dan Rusia (adalah penyihir pra-pelihat, dengan bola kristal di tangan)

=============

米国FED NWOスパNATOは私に説明しなければならない理由:タルムードAIPAC、作った:イスラム教シャリア、NATOの東の境界に沿って軍隊や機器のためのグローバルな脅威、ペンタゴン計画(魔法使いの魔女を)となります。 2017年「米国とロシアの間のリスク・エスカレーション」ので(手に水晶玉で、事前に先見者魔女です)

აშშ FED NWO Spa ნატომ უნდა ავუხსნათ, რატომ: თალმუდი AIPAC, არ გააკეთა: ისლამის შარიათის გლობალური საფრთხე, პენტაგონის გეგმის (sorceress, witch) ჯარების და ტექნიკის გასწვრივ აღმოსავლეთ ნატოს საზღვრების. მას შემდეგ, რაც 2017 წელს 'რისკის ესკალაციის აშშ-სა და რუსეთის (არის წინასწარ seer witch, ბროლის ბურთი ხელში)

Rhaid US FED NWO Spa NATO egluro i mi pam: Talmud Aipac, wedi gwneud: dod Islam Sharia, yn fygythiad byd-eang, mae'r Cynllun Pentagon (y wrach sorceress) ar gyfer milwyr a chyfarpar ar hyd y ffiniau i'r dwyrain o NATO. Ers 2017. 'galw cynyddol Risg rhwng yr Unol Daleithiau a Rwsia' (yn wrach cyn-gweledydd, gyda phêl grisial mewn llaw)

US FED NWO Spa OTAN debe explicar-me porque: Talmud AIPAC, fixeron: facer Islam sharia, unha ameaza global, o Plan Pentágono (a bruxa feiticeira) para as tropas e equipos ao longo das fronteiras do leste da OTAN. Desde 2017. "escalada de riscos entre Estados Unidos e Rusia" (é unha bruxa condición seer, con bola de cristal na man)

Amerîka FED NWO Spa NATO divê ji min re rave bike çima: Talmud 'Aipac'ê de, kiriye: bûye Islam şerîetê, gefa global, Plana Pentagonê (witch sorceress de) ji bo leşkerên û alavên li ser sînorên rojhilatê NATO. Ji sala 2017. 'pêşnekeve, bi risk di navbera Amerîka û Rûsyayê' (an witch pre-Çîftyurek e, bi ball cama di dest de)

================

US FED NWO Spa OTAN doit me expliquer pourquoi: Talmud AIPAC, ont fait: devenir Islam charia, une menace mondiale, le plan du Pentagone (la sorcière de sorcière) pour les troupes et de l'équipement le long des limites est de l'OTAN. Depuis 2017. 'escalade des risques entre les Etats-Unis et la Russie »(est une sorcière pré-voyant, avec boule de cristal dans la main)

Yhdysvaltain FED NWO Spa Naton on selittää minulle miksi: Talmud AIPAC, ovat: tullut Islam sharia, maailmanlaajuinen uhka, Pentagon Plan (noita noita) joukkoja ja laitteiden pitkin itään rajojen NATO. Koska 2017. "Risk laajenemisen Yhdysvaltojen ja Venäjän (on ennalta näkijä noita, jolla on kristallipallo kädessä)

US FED NWO Spa NATO dapat ipaliwanag sa akin kung bakit: Talmud AIPAC, ginawa: maging Islam sharia, isang pandaigdigang banta, ang Pentagon Plan (ang sorceress bruha) para sa hukbo at kagamitan kasama ang silangan hangganan ng NATO. Since 2017. 'Risk pagdami pagitan ng US at Russia' (ay isang pre-tagakita bruha, na may kristal ball sa kamay)

USA FED NWO Spa NATO peab mulle selgitada, miks: Talmud AIPAC, on teinud: saada Islam šariaadi, ülemaailmne oht, Pentagoni kava (avaldatud Velho nõid) väed ja seadmed mööda ida piirid NATO. Kuna 2017. "Risk eskaleerumist USA ja Venemaa (on eelnevalt nägija nõid, kristall käsipalli)

ASV FED NWO Spa NATO ir paskaidrojiet man, kāpēc: Talmuda AIPAC, ir veikuši: kļuvuši Islam šariata, globālus draudus, Pentagona plānu (burve raganu) par karaspēka un iekārtu gar austrumu robežu NATO. Kopš 2017. gada "Riska eskalācija starp ASV un Krieviju" (ir pre-gaišreģi ragana, ar kristāla bumbu rokā)

JAV FED NWO SPA NATO privalo paaiškinti man, kodėl: Talmudas Aipac, padarė: tapti islamo šariatą, pasaulinę grėsmę, Pentagono planą (burtininkė ragana) karių ir įrangos išilgai rytinės ribos NATO. Nuo 2017 "Rizikos eskalavimo tarp JAV ir Rusijos" (yra iš anksto regėtojas ragana, su krištolo rutulį ranka)

===================

ארה"ב FED NWO ספא נאט"ו חייב להסביר לי למה: איפא"ק התלמוד, הפכו: להפוך השריעה האיסלאם, איום גלובלי, תוכנית הפנטגון (המכשפה הקוסמת) עבור חיילים וציוד לאורך גבולות ממזרח נאט"ו. מאז 2017. "הסלמת סיכונים בין ארה"ב ורוסיה" (היא מכשפה מראש רואה, עם כדור בדולח ביד)

US FED NWO Spa NATO skal forklare mig, hvorfor: Talmud AIPAC, har gjort: at blive Islam sharia, en global trussel, Pentagon Plan (troldkvinden heks) for soldater og udstyr langs East grænserne for NATO. Siden 2017. 'Risk optrapning mellem USA og Rusland (er en pre-seer heks, med krystalkugle i hånden)

미국 FED NWO 스파 NATO 나에게 설명해야하는 이유 : 탈무드 AIPAC, 만든 : 이슬람 샤리아, NATO의 동쪽 경계를 따라 병력 및 장비에 대한 글로벌 위협, 국방부 계획합니다 (마법사 마녀)이된다. 2017 년 '미국과 러시아 사이의 위험 상승'때문에 (손에 수정 구슬로하는 사전 선견자 마녀)

美國FED NWO溫泉北約必須向我解釋原因:塔木德AIPAC,都取得了:成為伊斯蘭教教法,部隊和裝備以及北約的東部邊界的全球性威脅,五角大樓計劃(女巫女巫)。由於2017年“美國和俄羅斯之間危險的升級”(是一種預先見女巫,在手水晶球)

美国FED NWO温泉北约必须向我解释原因:塔木德AIPAC,都取得了:成为伊斯兰教教法,部队和装备以及北约的东部边界的全球性威胁,五角大楼计划(女巫女巫)。由于2017年“美国和俄罗斯之间危险的升级”(是一种预先见女巫,在手水晶球)

US FED NWO Spa НАТО трябва да ми обясни защо: Талмуд AIPAC, са направили: превърне исляма шериата, глобална заплаха, план на Пентагона (магьосницата вещица) за войски и оборудване по границите на изток от НАТО. От 2017 г. "ескалация на риска между САЩ и Русия" (е предварително гледач вещица, с кристална топка в ръка)

US FED NWO Spa NATO musí vysvětlit, proč mi: Talmud AIPAC, dělali: stal islám šaríu, celosvětovou hrozbu Pentagon plán (kouzelnice čarodějnice) pro vojáky a zařízení podél východního hranice NATO. Vzhledem k tomu, 2017. "rizikem eskalaci mezi USA a Ruskem" (je pre-věštec čarodějnice, s křišťálovou kouli v ruce)

Američki FED NWO Spa NATO mora da mi objasnite zašto: Talmud AIPAC, su napravili: postali Islam šerijat, globalna prijetnja, Pentagon plana (u čarobnica vještica) za vojnike i opremu duž istočne granice NATO-a. Od 2017. godine 'eskalaciju rizika između SAD-a i Rusije "(je pre-vidovnjak vještica, sa kristalna kugla u ruci)

=============
ЗША FED СВО Spa НАТА павінна растлумачыць мне, чаму: Талмуд AIPAC, зрабілі: стаць іслам, шарыят глабальную пагрозу, Пентагон план (вядзьмарка ведзьма) для войскаў і тэхнікі на ўсходніх рубяжоў НАТО. З 2017 года "эскалацыі рызык паміж ЗША і Расеяй» (гэта папярэдне празорлівец ведзьма, з крыштальным шарам ў руцэ)

US FED NWO Spa NATO me azaldu beharko du zergatik: Talmud AIPAC, egin dute: bihurtu Islam sharia, mehatxu global, Pentagonoa Plana (sorceress sorgina) tropak eta ekipamendua ekialdean NATO mugetan zehar egiteko. 2017. 'Arriskua AEBetan eta Errusiaren arteko eskalatze' zenetik (pre-seer sorgin bat da, kristal eskuan baloi batekin)

ABŞ FED NWO Spa NATO mənə izah etməliyik: Talmud AIPAC etdik: İslam şəriət, NATO-nun şərq sərhədləri boyunca qoşunları və avadanlıq üçün qlobal təhlükə, Pentagon Planı (sehrbaz ifritə) olur. 2017-ci "ABŞ və Rusiya arasında Risk dırmaşması" ci ildən (əl kristal top ilə bir pre-görücü ifritə)

يجب أن الولايات المتحدة FED NWO سبا الناتو يشرح لي لماذا: التلمود ايباك، جعلت: أصبح الإسلام الشريعة، تهديدا عالميا، وخطة وزارة الدفاع الأمريكية (ساحرة مشعوذة) للقوات والمعدات على طول الحدود الشرقية لحلف شمال الأطلسي. منذ عام 2017. "تصعيد خطر بين الولايات المتحدة وروسيا" (هو ساحرة قبل بصير، مع الكرة الكريستال في اليد)

SHBA FED NWO Spa NATO duhet të shpjegojë për mua se pse: Talmudi AIPAC, kanë bërë: të bëhet Islam sheriatin, një kërcënim global, Planin e Pentagonit (magjistare magjistare) per trupave dhe pajisjeve përgjatë kufijve lindje të NATO-s. Që nga vitit 2017. "përshkallëzimin e rrezikut mes SHBA dhe Rusisë" (është një magjistare para-shikuesit, me topin kristal në dorë)

Amerikaanse Fed NWO Spa NAVO moet vir my verduidelik waarom: Talmud AIPAC, gemaak: word Islam Sharia, 'n globale bedreiging, die Pentagon Plan (die tovenares heks) vir troepe en toerusting langs die oostelike grense van die NAVO. Sedert 2017. 'Risk eskalasie tussen die VSA en Rusland ('n pre-siener heks, met kristal bal in die hand)
=======================
#Rothschild, il dizionario ha tentato di sostituire il tuo nome, con il termine di "trochilo" ti deride la Vergine di ISRAELE! è vero che tu sei più ricco di me, ma, è perché tu sei un ladro ed io no!

#Rothschild, SpA, FED, tu non dovresti mai dimenticare, che, tutti i popoli del mondo: sono tutti miei, e non potrebbero mai essere tuoi, ovviamente, se tu dissenti da questa mia affermazione? tu sarai costretto ad affrontarmi, che ti piaccia o no!

#Rothschild, #SpA, #FED, non dovresti scoraggiarti, e ritenere una impresa impossibile, il potermi sconfiggere, soltanto perché, i sommi sacerdoti di satana non ci sono riusciti? questo non vuol dire che non puoi riuscici tu! "non hanno i farisei un potere satanico Kabbalah maggiore?"
=============
666 CIA CANNIBAL 187AUDIOHOSTEM ha pubblicato un commento [Holy Quran 4:59] ANSWER [ CON IL CORANO SATANA HA MESSO IL CERVELLO DI ERDOGAN NEL CESSO? ED HA TIRATO LO SCARICO! [ O voi che credete, obbedite ad Allah e al Messaggero e a coloro di voi che hanno l'autorità. Se siete discordi in qualcosa, fate riferimento ad Allah e al Messaggero, se credete in Allah e nell'Ultimo Giorno. E' la cosa migliore e l'interpretazione più sicura. [[ PENA DI MORTE PER APOASTASIA E BLASFEMIA ]] Sahih International, O you who have believed, obey Allah and obey the Messenger and those in authority among you. And if you disagree over anything, refer it to Allah and the Messenger, if you should believe in Allah and the Last Day. That is the best [way] and best in result.

===========

187AUDIOHOSTEM 666 NATO USA: ha pubblicato un commento ["O you who believe! Obey Allah and His Messenger and those of you who are in authority..."] really? QUINDI, ORA, 1. ROTHSCHILD è diventato, ALLAH KABBALAH AKBAR Talmud? E, IL SUO MESSENGER È SALMAN SHARIA salafita Al-Sissi: "MORTE A TUTTI GLI INFEDELI SCIITI, DHIMMI, GOYIM, DALIT, in Giordania, ecc.. ECC...? "

187AUDIOHOSTEM #666 #SpA #FED #NATO #USA #Monsanto ] [ Eih, ma, lo Spirito Santo non aveva danneggiato il tuo cervello?
187AUDIOHOSTEM # 666 #SpA #FED #NATO #Grab #Monsanto] [sorry, but, that the brain, you want to find, in a "322" with: "skull and bones" of Bush and Kerry Obama into the cemetery?
187AUDIOHOSTEM #666 #SpA #FED #NATO #USA #Monsanto ] [ sorry, ma, che cervello, tu vuoi trovare in un "322" di: "teschio con le ossa" di: Bush Obama e Kerry al cimitero?
187AUDIOHOSTEM  [You're So Intelligent]
#187AUDIOHOSTEM #666 #SpA #FED #NATO #BILBENBERG, #Monsanto] [anche le ossa vi farò bollire nell'INFERNO!]
#SHARIA #TALMUD #HELL ] corrupt human nature, then, anal pornography, is FED SPA NWO gays Gender Darwin lobbyes sodomites freemasonry

=======

Sky air2 https://www.youtube.com/channel/UC5cqAsRyriIXaKku0RDa_dg
STOP SPAMMING NOBODY CARES ABOUT YOU'RE MESSAGE!
LorenzoJHWH Unius REI
+Sky air because you know everyone who could read? or could not read? you know what are the priests of Satan, the cannibals, my clients?
perché tu conosci tutti quelli che potrebbero leggere? o che non potrebbero leggere? tu sai cosa sono i sacerdoti di satana, i cannibali, i miei clienti?
+Sky air and we do not know if you have something that they may eat: on the altar of Satan into CIA!
e noi non sappiamo, se tu hai qualcosa che, loro si potrebbero mangiare: sull'altare di satana della CIA!

============

Benjamin Netanyahu ] io DUBITO che, SpA FED ROTHSCHILD, UK services, loro POTREBBE COSTRINGERMI, AD IMBRATTARE, insozzare, anche le MIE MANI, CON IL SANGUE DEGLI ISLAMICI sharia nazisti, perché, io ho un patto con Dio JHWH holy, per impedirlo! ANCHE SE, I MASSONI BILDENBERG E I LORO COMPLICI DEL PD: Bertinotti, D'Alema Prodi, Veltroni, Obama, loro STANNO FACENDO DI TUTTO PER FAR INSANGUINARE anche, le STRADE DELLA EUROPA, come di far insanguinare le strade di tutto il mondo. con questa guerra di Religione e di civiltà che, i sauditi, poiché ricattati dalla CIA, loro sono stati costretti ad inventarsi.
========================
Palmira sotterra le ambizioni di Erdogan [ islamici e satanisti massoni sono un solo anticristo merkel boldrini mogherini bildenberg Spa Fmi FED NWO NATO CIA la bestia di satana ] 30.03.2016 La sconfitta dell’ISIS a Palmira ha presupposto una dura batosta per l’ISIS, tuttavia questa vale anche per tutti quelli che avevano scommesso sulla vittoria di questo gruppo terroristico per implementare i propri piani in Siria che tendono a smembrare e controllare detto paese. [ Soldati siriani bruciano bandiera del Daesh a Palmira ] Siria, esercito e milizie filo-Assad liberano completamente Palmira dal Daesh. Le successive vittorie dell'esercito siriano hanno portato l'ISIS ad una posizione di estrema debolezza ed all'incertezza se l'annientamento definitivo si trova in vista entro pochi mesi, tanto in Siria come in Iraq. Il 27 di Marzo è, quindi un capitolo glorioso della storia della Siria e dell'obbrobrio e della sconfitta per i suoi nemici. Un combattente della guardia nazionale Falchi del deserto tiene la bandiera del Daesh. La Turchia è il paese più pregiudicato dalla sconfitta. Il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, si dimostra teso e nervoso davanti alle cattive notizie circa la sconfitta dei suoi alleati dell'ISIS ed ha affermato, in vari viaggi all'estero, che i negoziati di Ginevra sono "inutili" mentre la Russia continua ad aiutare l'Esercito siriano. [ Premier dell'Iraq Haider al-Abadi ( Premier Iraq: Turchia sta cercando di rifondare l'Impero Ottomano ] Ankara si dimostra anche irritata per il fatto che lo spiegamento russo dei missili S-400 a Latakia abbiamesso fine al progetto turco di stabilire una zona di esclusione aerea e di una zona cuscinetto nel nord della Siria, come passi preventivi alla ricostruzione dell'Impero Ottomano — che dovrebbe comprendere anche l'Iraq, la Siria fino al Magreb- che Erdogan perseguiva in collaborazione con i suoi alleati terroristi (e con il beneplacito USA). In questo senso, i progressi dell'Esercito siriano hanno messo fine ai sogni espansionisti di Erdogan e del suo seguito provocando l'irritazione in un momento in cui lui stesso si trova sul punto di instituire una dittatura nella sua Turchia ed incrementa la persecuzione dei media critici, come dimostra la recente confisca del giornale Zaman e le minacce contro gli altri giornali dell'opposizione. [ Contrabbando di petrolio del Daesh. Il petrolio del Daesh in Turchia, ecco le prove ] Gli attacchi russi e l'avanzata dell'Esercito siriano hanno tagliato la maggior parte delle rotte di rifornimento dei gruppi terroristici. Inoltre l'Esercito siriano sembra prepararsi adesso per la presa di Yisr al Shugur, una città strategica situata nella provincia di Idlib, nel nord della Siria, la cui cattura in Aprile dal denominato "Esercito della Conquista" fu possibile grazie all'aiuto turco. La presa di Yish al Shugur sarà seguita da altre offensive destinate a recuperare la totalità della provincia di Idlib. La conquista di più zone nel nord taglierà definitivamente il cordone ombelicale che unisce i gruppi terroristici alla Turchia e diminuirà o finirà con l'influenza che questo paese esercita sugli avvenimenti sul campo di battaglia in Siria. [ Combattente del Daesh, Bruxelles e Parigi, Daesh minaccia: “Era solo l'assaggio” ] In questo senso, molti analisti militari ritengono che dopo la liberazione di Palmira, i feudi terroristici andranno a cedere uno per uno in rapida successione e che l‘ISIS ed il Fronte al Nusra potrebbero rimanere al bordo del loro annichilimento in pochi mesi. La vittoria di Palmira dimostra anche la fragilità e la bancarotta della denominata "opposizione armata" in Siria, che non combatte sotto la bandiera di un progetto nazionale ma soltanto nella ricerca di denaro e degli aiuti del regime saudita, di quello turco e dei vari paesi occidentali: http://it.sputniknews.com/opinioni/20160330/2374274/palmira-sotterra-ambizioni-erdogan.html#ixzz44PmLtJVd

====================
LA CIA HA MANDATO I CECCHINI A MAIDAN AD UCCIDERE 100 PERSONE, E A REALIZZARE UN GOLPE, ED UN POGROM NEL DONBASS, E POI, È LA RUSSIA CHE È AGGRESSIVA? QUESTO DELLA NATO USA UE I MASSONI FARISEI SPA FED FMI, È UN CRIMINE DI GENOCIDIO CONTRO TUTTO IL GENERE UMANO: INVECE! Mentre il vice segretario alla Difesa, Robert Work, ha sottolineato come il nuovo piano dovrebbe tranquillizzare i Paesi dell'est europeo, preoccupati dalla mire espansionistiche della Russia dopo l'intervento in Ucraina.



SALMAN SAUDI ARABIA ] è vero, tu puoi cestinare il mio messaggio, ma, poi, per scorpioni e serpenti? una ARABIA SAUDITa RADIOATTIVA? Non sarà un posto comodo dove poter abitare! AL CONTRARIO, SE TU ASCOLTI IL MIO CUORE? TUTTA LA ARABIA SAUDITA DIVENTERÀ: 1. IL LUOGO PIÙ SANTO DEL PIANETA, E, 2. SARÀ COME HEDEN: IL PARADISO DEL SIGNORE.. TUTTI I FARISEI SPA FED, le BESTIE DI SATANA Talmud? LI DOBBIAMO COSTRINGERE A RITORNARE DAL LORO SIGNORE JHWH! 3. ti prometto che non ti daranno nessun problema, perché, di tutti loro? io mi prenderò cura, proprio io, personalmente! [ SE, VIENE PERMESSA LA LEGGE SULLA BLASFEMIA APOSTASIA, SE NON MUSULMANI SONO I DHIMMI, E SE QUESTI ASSASSINI TERRORISTI DIVENTANO GLI EROI? POI, LA LEGA ARABA È RESPONSABILE DI ALTO TRADIMENTO E DI TERRORISMO SHARIA CONTRO IL GENERE UMANO! Pakistan: kamikaze fa strage di cristiani a Lahore, 72 morti, maggior parte donne e bambini 28 marzo 2016 ]
PERSECUTED CHURCH


ORMAI SIAMO ALLA DITTATURA E ALLA PERSECUZIONE GENDER ] Omphalos, Pillon, Forum Famiglie, rinviato a giudizio. Il Tribunale aveva disposto sequestro video contenenti le dichiarazioni dell’avvocato, 24 marzo 2016. https://plus.google.com/106687390527706830615/posts?cfem=1 Omphalos, Pillon, Forum Famiglie, rinviato a giudizio. È stato notificato ieri il decreto di citazione a giudizio che vede imputato l’avvocato Simone Pillon, consigliere nazionale del Forum delle Associazioni Familiari. L’avvocato era stato querelato da Omphalos Arcigay Arcilesbica per diffamazione nella vicenda degli interventi informativi nelle scuole superiori del perugino. L’esponente del Forum delle Famiglie, in diversi convegni pubblici, aveva affermato che gli interventi informativi contro l’omofobia dell’associazione con gli studenti degli istituti superiori fossero in realtà degli inviti ad avere rapporti sessuali tra persone dello stesso sesso. Inoltre, l’avvocato aveva additato le attività dell’associazione come istigazione all’omosessualità e, cosa ancora più grave, aveva affermato che l’associazione distribuiva materiale pornografico nelle scuole e offriva la propria sede per “pratiche di iniziazione” di giovani che vogliono sperimentare l’omosessualità. «Questo primo atto del Tribunale di Perugia – commenta Patrizia Stefani, co-presidente di Omphalos – ci conferma che non siamo i soli a pensare che le parole dell’esponente del Forum delle Famiglie siano gravemente diffamanti dell’importante lavoro che la nostra associazione svolge ogni giorno, nel combattere omofobia e bullismo anche nelle scuole. Avevamo e continuiamo ad avere piena fiducia nell’operato della magistratura e ringraziamo sin da ora gli avvocati Saschia Soli e Antonio Rotelli di Rete Lenford (Avvocatura per i diritti LGBT) per il supporto in questa amara vicenda.» Il Tribunale di Perugia, già nel gennaio 2015 durante le indagini preliminari, aveva disposto il sequestro dei video contenenti le dichiarazioni dell’avvocato. Il GIP ha ora chiuso le indagini, ravvisando gli estremi per il rinvio a giudizio.
«Procederemo ora in giudizio e l’associazione si costituirà parte civile – dichiara Emidio Albertini, co-presidente di Omphalos – chiedendo anche il giusto risarcimento per le gravi diffamazioni ricevute. Annunciamo sin da ora che l’eventuale risarcimento che il Tribunale deciderà di accordare, verrà interamente destinato in progetti contro omofobia e bullismo nelle scuole del territorio. L’impegno di Omphalos per una scuola più inclusiva e rispettosa di tutte le differenze rimane una delle nostre priorità. Proseguiremo su questa strada con ancora maggiore determinazione.» http://www.umbriajournal.com/politica/omphalos-pillon-forum-famiglie-rinviato-a-giudizio-195300/


non possiamo dare il nostro denaro agli islamici sharia, che stanno venendo anche a sgozzarci, perché Mogherini Boldrini Merkel d'Alema li hanno chiamati a milioni, come hanno ucciso tutti i martiri cristiani nella LEGA ARABA, ed in tutto il mondo, certo uccideranno anche noi, e non possiamo indebitarci impoverirci, ulteriormente. CERTO GLI INVESTIMENTI SUL RINNOVABILE E BIOMASSE, ESTRAZIONE DI MATERIE PRIME DALLE DISCARICHE, ECC..  NON SI DEVE FERMARE, Referendum 17 aprile, perché siamo contro. Intervento di Gianfranco Borghini alla Conferenza Stampa di presentazione del Comitato contro il referendum del 17 aprile “Ottimisti e Razionali”:
“Il nostro comitato è “Contro” il referendum. L’invito che rivolgiamo agli Italiani è di “Non” andare a votare. Per due ragioni: perché è un referendum ingannevole e perché è dannoso. E’ ingannevole, perché i promotori vogliono far credere agli italiani che con il referendum si dirà “No” a nuove trivellazioni entro le 12 miglia; e questo proprio a breve distanza dalla decisione del Parlamento di approvare una legge che espressamente le vieta. Che senso ha fare spendere al paese 400 milioni di euro per dire “ No” a qualcosa cui il Parlamento ha già detto “No”? Nessun senso, appunto. Per questo il referendum è un inganno.
Il referendum non è un referendum di iniziativa popolare. Nessuno ha chiesto ai cittadini che cosa pensano; nessuno ha raccolto le 500 mila firme necessarie. Chi ci ha provato in passato non c’è riuscito. A promuovere questo referendum sono state 9 regioni (e non fra le più popolose), alle quali preme una sola cosa: affermare il principio del tutto sbagliato ­ che a decidere in materia di energia debbano essere, in ultima istanza, le regioni e non il Parlamento. Se così dovesse essere, prevarrebbero solo e soltanto interessi locali e localistici, e non quelli nazionali. Per questo invitiamo i cittadini a respingere l’invito delle 9 regioni e a non andare a votare. Il Referendum è anche dannoso. Il vero obiettivo dei suoi promotori non è impedire le trivellazioni, che comunque sarebbero vietate, ma è quello di bloccare le piattaforme che già esistono e che da anni riforniscono, in tutta sicurezza e senza danneggiare nessuno, una parte significativa del gas che serve al paese. Si dice che queste produzioni sono marginali e che il gioco non vale la candela. Non è vero! La produzione italiana di gas e di olio (a terra e in mare) copre, rispettivamente, l’11,8% e il 10,3% del nostro fabbisogno. In Euro questo significa 4,5 miliardi all’anno di risparmio sulla bolletta energetica. Non è davvero poco. Le piattaforme off­shore che si vorrebbero chiudere forniscono fra il 60 e il 70% del gas nazionale che utilizziamo in casa o nelle attività produttive. Perché dovremmo rinunciare a questa energia pulita, sicura e che soddisfa bisogni fondamentali del paese? Perché dovremmo mettere in crisi un settore industriale che crea lavoro e ricchezza e che è ricco di professionalità e di tecnologie? Non c’è nessuna ragione valida per farlo. Sarebbe uno spreco assurdo che nessuna nazione che abbia la fortuna di disporre di risorse energetiche nazionali, a cominciare dalla “verdissima” Norvegia, si sognerebbe di fare. Perché mai dovrebbe farlo l’Italia?
L’attività estrattiva del gas metano non danneggia in alcun modo il turismo. Il 50% del gas viene dalle piattaforme che si trovano nell’alto Adriatico; nessuna delle numerose località balneari, a cominciare dalla splendida Ravenna, ha lamentato danni. Anzi, il turismo balneare è cresciuto cosi come sono cresciute le spiagge cui la lega Ambiente conferisce la goletta verde. Il gas non danneggia l’ambiente, le piattaforme sono aree di ripopolamento ittico ed è di pochi giorni fa che l’Università californiana di Santa Barbara ha chiesto che non venga dismessa la piattaforma Eureka, considerata da loro una importante oasi ittica. Né si può dire che le piattaforme deturpino il paesaggio. Deturpano molto di più le pale eoliche che popolano le colline pugliesi. Soprattutto l’estrazione di gas è sicura. Su di essa esercitano un controllo costante e stringente l’ISPRA, l’Istituto Nazionale di geofisica, quello di geologia e quello di oceanografia. C’è il controllo delle Capitanerie di porto, delle Usl e delle Asl nonché quello dell’Istituto superiore di Sanità e dei ministeri competenti. Mai sono stati segnalati incidenti o pericoli di un qualche rilievo.
Infine, questa attività non costa nulla ai contribuenti ma dà molto al paese: 800 milioni di tasse, 400 di royaties e canoni, 300 di investimenti in ricerca. Dà lavoro diretto a più di 10.000 persone e concorre col settore a dare lavoro a più di 100 mila persone. Perché dovremmo disperdere questa ricchezza tanto più se non crea nessun danno a nessuno?
La richiesta referendaria è puramente distruttiva. Non si crea un nuovo sviluppo distruggendo ciò che faticosamente, da Enrico Mattei in poi, il paese ha fatto. Per questo diciamo agli Italiani: “Non andate a votare, non tirate la volata a chi vuole soltanto distruggere”.

il popolo del Pakistan ha deciso che, la guerra mondiale nucleare è la cosa migliore che si possa fare! ISLAMABAD, 30 MAR - I fondamentalisti islamici hanno deciso di sospendere in serata il loro sit-in di protesta a Islamabad dopo che, il governo ha accolto alcune delle loro rivendicazioni, tra cui quella di non modificare la legge sulla blasfemia (pena di morte per chi osa criticare Maometto). Migliaia di sostenitori di Mumtaz Qadri (il martire di satana), la guardia del corpo che nel 2011 uccise il governatore del Punjab Salmaan Taser, erano entrati domenica nella 'zona ad alta sicurezza'. I manifestanti, guidati da alcuni partiti islamici (assassini nazisti), avevano presentato una lista di 10 richieste, tra cui l'impiccagione della madre cristiana Asia Bibi, CALUNNIATA, E condannata a morte nel 2010 con l'accusa di aver insultato il Profeta Maometto durante una lite con delle donne musulmane (è stata una TRAPPOLA: lei disse PERCHÉ FU COSTRETTA: "Gesù è morto per me sulla croce, non Maometto!" PERCHÉ LE COMPAGNE LE DICEVANO: "TU DICCI PERCHÉ NON TI FAI MUSULMANA!" MA, IN REALTÀ ERANO INVIDIOSE DELLA SUA GRAZIA E DELLA SUA BELLEZZA. ). Da quanto si è appreso, i radicali hanno ottenuto concessioni su 7 punti dopo un lungo braccio di ferro con le autorità. Oltre alla garanzia di non emendare la draconiana GENOCIDIO MINORANZE: legge sulla blasfemia, il governo ha promesso di scarcerare i dimostranti pacifici di non mettere in libertà coloro che sono stati condannati per blasfemia.

gli uomini del sistema finanziario usurocratico massonico: i sacerdoti di satana CIA SPA FED NWO NATO SPA BCE FMI, hanno uno stridente disagio evidente, MA, DARE DEL PAZZO AD UN AVVERSARIO POLITICO, E CONDANNARE COME PAZZI TUTTI I SUOI ELETTORI? È QUALCOSA DI SPREGEVOLE E CRIMINALE! NEW YORK, 30 MAR - "Impossibile far ragionare Donald Trump". A parlare è una delle messicane più famose d'America, l'attrice Salma Hayek, la quale in un'intervista alla trasmissione "Jimmy Kimmel Live!" ha detto che non c'è verso di riportare il lume della ragione nel magnate del mattone. Hayek ha anche ammesso di conoscerlo personalmente da tempo ma ha aggiunto che non lo vede da diversi mesi. "Non lo vedo - ha detto - da quando ha iniziato questa parte di intrattenimento della sua carriera". L'attrice ha poi sottolineato che il vero problema non e' Donald Trump bensì i suoi sostenitori, "è loro che bisogna far ragionare", ha detto. "Non bisogna far ragionare lui. Ognuno ha diritto ad avere la sua pazzia. Bisogna invece riportare la ragione in quelli che non vedono quella pazzia", ha detto.

il contratto non è valido se MaRIO MONTI, ci ha truffato e tradito, il 40% della economia italiana è nel sommerso, quindi, noi paghiamo l'EURO il 40% in più del suo valore.. questo inficia: la validità di questo contratto giuridico, anzi all'ITALIA deve essere risarcita del mal tolto di tutti questi anni! ] [ Padoan: "L'Ue danneggia l'Italia, così non va". Lo sforzo richiesta dall'Ue all'Italia è "deformato da considerazioni statistiche" e "queste regole, imponendo all'Italia aggiustamenti dolorosi, le recano maggior danno che ad altri Paesi, e questo non mi va bene''. Così il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan in una intervista a Le Figaro nella quale conferma che ''l'Italia rispetterà lo sforzo di aggiustamento che le è richiesto''. Anche la Commissione europea, spiega Padoan, "ammette che questo metodo di calcolo potrebbe essere differente, ma non si cambiano le regole durante il gioco".

sovranità monetaria europea, immediatamente, o guerra mondiale nucleare per colpa del PD i massoni!
18:03 Padoan, flessibilità non è scusa
18:02 Padoan, Europa delude cittadini
17:59 Da 1 aprile elettricità -5%, gas -9,8%
17:16 Famiglie senza reddito lavoro sono 1mln
17:15 In 200mila famiglie lavora madre, no papà

tutte le cose che, Dio ci ha regalato acqua aria, sovranità, noi ora dobbiamo comprarle dalle SPA FMI, di quelli: i massoni farisei che ci hanno rubato il signoraggio bancario, che ci mettono metalli pesanti nei vaccini, ed ora, ci hanno tassato anche l'acqua: perché noi siamo gli schiavi goyim israeliani senza genealogie paterne! Caro acqua, in media 376 euro a famiglia. Ambiente&Energia. Nel 2015 +5,9%. #Cittadinanzattiva, al Centro tariffe più alte, Toscana top

luridi inzivosi lurdacchioni sodomiti pornografi culto: dogma Darwin Gender, pedofili poligami bestialismo, tutti un solo branco di porci e di maniaci sessuali: la feccia delle anime maleficate all'inferno! ] [ e voi credete, che, gli abitanti di ZOAR (Genesi 19,20), ringraziarono LOT per avere salvato loro la vita? no, vi dico! lo derubarono delle poche cose che, lui era riuscito a portarsi dietro, lo minacciarono di morte, e non violentarono le figlie soltanto perché LOT li pagò! Quindi, LOT per non essere ucciso, fu costretto a fuggire in una caverna, dove non c'erano uomini, per potersi sposare, e le figlie furono costrette ad ubriacarlo, per potergli dare una discendenza: soltanto perché, LOT si vergognava di essere uscito da ABRAMO come un CAPO CLAN, e di ritornare da Abramo come un servo! quindi, RIMANE di: LOT QUESTO ESTREMO ORGOGLIO, di non volersi sottomettere ad ABRAMO; di: NON VOLER RICORRERE ALLA PROTEZIONE DI ABRAMO, che già per due volte gli aveva salvato la vita (ed ABRAMO rischiò una volta la sua vita per lui in Genesi 14, quando con una sortita mise in fuga quattro Re, che, avevano fatto prigioniere tutte le persone di Sodoma, ecc.. ), quindi, il giusto LOT, per orgoglio, preferì finire i suoi giorni nella infamia!
PERSECUTED CHURCH


non dovremmo commuoverci di LOT, e di tutte le sue sventure, perché, lui è stato quel ribelle, che, lui si è ribellato alla autorità di ABRAMO, che, LOT nella sua presunzione: lui pensava di cavarsela, in un mondo dominato dai demoni, e da uomini scellerati sodomiti, assassini, idolatri, ladri, dogmatici, massoni, farisei e salafiti ipocriti, tutti sotto l'influsso del peccato originale, cioè, lui LOT, ha preteso di cavarsela, da solo, senza ABRAMO (ma, in realtà, lui lasciando Abramo ha lasciato Dio, ecco perché, gli ebrei in tutto il mondo, sono senza speranza, perché, hanno lasciato Abramo, per seguire Rothschild il Talmud SpA FED Fariseo), LOT pensava che la sua rettitudine e la sua giustizia lo avrebbero potuto: proteggere e salvare, che, il suo valore e le sue alte professionalità sarebbero state riconosciute. e invece No, non è stato così! LA SOLA GIUSTIZIA E RETTITUDINE UMANE, NON POSSONO VINCERE SUL POTERE DELLE TENEBRE, per noi storicamente, IN QUESTA CONDUZIONE DEMONIACA del nostro quotidiano: NWO USA NATO UE Bildenberg.. QUINDI, LOT è vivo soltanto perché Abramo ha ottenuto da Dio, il dono, il riscatto della sua vita, cioè, di non fare bruciare anche lui (il giusto) insieme a SODOMA, Gomorra, e insieme alle altre 3 città della valle, e bruciare anche, insieme al villaggio di ZOAR (Genesi 19,20), che non fu disintegrato, e carbonizzato, anche, villaggio di ZOAR (a motivo della esplosione di un giacimento petrolifero), soltanto, grazie alla implorazione di LOT!
PERSECUTED CHURCH


una altra osservazione evidente a tutti, è la assoluta sottomissione ed ubbidienza al padre, e la ubbidienza di tutti i padri, al capo del CLAN: PADRE PER ECCELLENZA! QUESTA OBBEDIENZA NON AVEVA SOLTANTO UN CARATTERE SACRO: "IL PADRE È IL SACERDOTE DI DIO", ma aveva un carattere pratico di sopravvivenza (ecco perché, gli ebrei hanno imparato ad essere ubbidienti, ai loro rabbini farisei anche se, li hanno portati alla Shoah, nei forni crematoi di Hitler, con atto di signoraggio bancario Spa Nwo, che è un atto di deliberato satanismo!), INFATTI, se, tu ti ribellavi, ed uscivi dal clan? subito diventavi la vittima, o lo schiavo di qualcuno! Ecco perché, SARA non si ribella a suo marito quando dice: "di a tutti, che sei mia sorella", perché, il danno di una adulterio, sarebbe stato meno grave, del danno, della morte del capo del CLAN: ecco perché, nella Bibbia, le donne ebree anche peccando contro la LEGGE hanno dato una discendenza ai loro mariti defunti, o al loro padre, come nel caso di LOT, di cui presto parleremo! Così tutti ubbidiscono a Terach il padre di Abramo, così come tutti ubbidiranno ad Abramo alla morte di Terach, ecco perché, tutti i ribelli, e tutte le anime maledette all'inferno, sono tutti le vittime del demonio, cioè, tutti coloro che hanno fatto ribellione, contro la legge del Padre ABRAMO ( perché è Abramo, che ha il possesso e la titolarità, di un contratto a morte (Genesi 15,9), di tipo imprecatorio con Dio)!
PERSECUTED CHURCH


il PRIMO CONTRATTO GIURIDICO TRA DIO E GLI UOMINI ] [ se, noi escludiamo la esperienza degli uomini pre-diluviani tutti giganti che, vivevano centinaia di anni, ed entriamo nella nostra storia, con rigore scientifico, noi possiamo affermare negli atenei universitari, di tutto il mondo, che, il primo uomo di cui, noi possiamo documentare scientificamente la esistenza è Abramo! MA, QUEST'UOMO HA UNA CARATTERISTICA STRAORDINARIA, È RIUSCITO A FARE CON DIO UN CONTRaTTO DI TIPO IMPRECATORIO A MORTE, in cui DIO: si impegna a dare la terra ai suoi discendenti, e in cui, i suoi discendenti (tutti i popoli) si impegnano a ubbidire ai comandamenti di Dio: la LEGGE NATURALE (non mentire, non danneggiare) E LA LEGGE UNIVERSALE ( solo l'amore è il senso di tutte le cose)! tutte leggi scritte da Dio al momento creativo, nei cromosomi del genere umano (la METAFISICA)
PERSECUTED CHURCH


ovviamente, poi, io mi sono indignato contro: il mio libro di religione cattolica, perché ho letto in esso, che: "Gesù è venuto a rivelare il nuovo VOLTO di DIO", cioè, come se il Dio della Torah, fosse non un Dio sufficientemente e adeguatamente rivelato! .. e poi, io ho riflettuto, che, coloro che hanno assemblato, ed in parte minimale, anche, hanno scritto la Torà (inquinandola), sono stati gli stessi maledetti farisei che hanno scritto il Talmud! Ecco perché, Gesù e tutti i Profeti non potevano essere creduti dai RICCHI, perché, a loro faceva bene, piaceva: fare la usura, sfruttare gli schiavi, e conservare un monopolio religioso per escludere il popolo dalla verità e dalle benedizioni di Abramo, e, quindi soggiogare, sfruttare, il popolo e schiavizzarlo! ECCO PERCHÉ HANNO CALUNNIATO IL RE SALOMONE, PERCHÉ LUI ERA UN GRANDE CHE CREDEVA NELLA LIBERTÀ DI RELIGIONE!
PERSECUTED CHURCH


un armadio di alunno alto 1,90 circa, che: non è mio alunno: perché: 1. non si avvale della mia materia facoltativa di: IRC, ma, in genere è costretto a stare in classe, perché, 2. la scuola non ha le risorse per custodire altrove questi alunni, e, quindi, 3. lui si diverte, insieme ad altri, a dare fastidio, e a fare ostruzione, ad ogni mio tentativo di fare lezione. Mi ha fatto una domanda: "Professore io posso fare un patto con il Diavolo? cioè, io posso vendere la mia anima al diavolo?" IO HO RISPOSTO: non c'è nulla di più demenziale, perché Dio Holy JHWH, non ti vuole vedere: malato, sofferente, infelice, povero, oppresso, e quindi da Dio si possono ottenere molti più benefici, che, non con il diavolo, che, il diavolo ti porterebbe inesorabilmente alla distruzione dell'inferno insieme con lui! ANZI, la Bibbia contiene 2500 benedizioni, e 2000 di queste benedizioni sono materiali, sessuali, finanziarie, di trionfo politico, ecc.. tutto quello che potrebbe esistere di desiderabile in questo mondo, per esempio pochi sanno che, la strada per arricchirsi attraverso, le benedizioni bibliche è quello di praticare la legge della decima!
PERSECUTED CHURCH

 (modificato)
non è che, io non leggo più la Bibbia, per fare un dispetto ai Farisei Satanisti Massoni: "NO!", ma, se io leggo la Bibbia JHWH holy, lui il Santo, lui è così un chiacchierone con me, che mi stressa poi, il dover scrivete così tanti articoli, perché, io non mi posso assumere la responsabilità di aver capito qualcosa, e di non averla trasmessa ai miei fratelli, cioè, a tutti gli uomini di questo pianeta maleficato dalla usura delle Banche Centrali! E PURTROPPO, COME VOI AVETE GIÀ CAPITO, IO OGGI, IO HO FATTO L'ERRORE DI LEGGERE LA BIBBIA! Devo premettere che, prima di avere questo ministero in youtube? io ho letto la Bibbia per più di 4 anni, almeno tre ore al giorno, perché, per ogni fondamentalista biblico pentecostale? la Bibbia non è un: libro increato: Corano del cazzo: che ti fotte, no! ma, è soltanto la vivente PAROLA di Dio Vivente, che si è fatto uomo in Gesù di Nazareth, RISORTO, e REGNA alla DESTRA del PADRE: un solo JHWH, e lui (la parola) sta bene, ed aspetta di venire a giudicare i vivi e i morti! quindi, se hai la confidenza e la amicizia dello Spirito Santo (il soffio), tu proprio non puoi più impedire a Dio, cioè a quel chiacchierone, di poterti parlare!
PERSECUTED CHURCH


anche se, i miei articoli di teologia biblica, sono troppo apprezzati, dai sacerdoti di satana della CIA: i cannibali, perché, loro sono desiderosi di capire come stanno veramente le cose, e non perché, loro si vogliono santificare: no! ma perché loro vogliono sapere quando potrebbero avere gli strumenti stando all'inferno di conquistare il REGNO di JHWH (e questo indica come i satanisti sono veramente dei coglioni, senza speranza! ); e se: 2. è giunto il momento di governare, su questo Pianeta, con Satana, come il libro di Apocalisse ha già profetizzato! Diciamo subito che con Unius REI in azione? i 666 massoni, si possono tutti tagliare le palle e le possono ai cani!
PERSECUTED CHURCH


http://close-youtube-page.blogspot.com/2016/03/trasformare-arabia-saudita-giardino.html
close youtube page https://www.youtube.com/user/YouTube/discussion
PERSECUTED CHURCH


Salman Saudi Arabia kingdom ] VOGLIAMO dare il 50% di tutta la Palestina ai palestinesi? 1. trovatemi 400000kmq per raccogliere tutti gli ebrei del mondo! 2. rinunciate alla sharia! [ gloria a Dio ] voi lo sapete, io non ho privilegi per nessuno, tutti devono dare il loro contributo.. dopotutto è meglio piangere da vivi, che non piangere perché si è morti! MA, ONESTAMENTE? IO NON VEDO PERDITE PER QUALCUNO, NEANCHE PER ROTHSCHILD! IL BILANCIO TRA IL DARE ED IL RICEVERE? DEVE ESSERE SEMPRE UN BILANCIO IN ATTIVO PER TUTTI! DIMMI TU, COME IO Posso impoverire Rothschild, se è lui che deve trasformare la ARABIA SAUDITA in un giardino fiorito?
PERSECUTED CHURCH


contro la assurdità della NATO UE CIA ] [ "La cooperazione tecnico-militare con i paesi europei si è quasi fermata — ha detto il leader russo —. Vorrei sottolineare che non si tratta di una nostra iniziativa e ci aspettiamo che tale situazione possa essere temporanea", ha ammesso Putin durante un incontro con la commissione russa per la cooperazione nel settore militare. Il presidente si è anche detto sicuro che tale ripristino delle relazioni possa essere nell'interesse di tutti i paesi europei visto che contribuirebbe "ad aumentare" la fiducia reciproca.   
==================
PERSECUTED CHURCH


ECCO PERCHÉ LA CHIESA CATTOLICA DEVE PAGARE TUTTE LE TASSE IN ISRAELE, perché, il sangue degli israeliani, è vero: è merda (sono goj, goyim, goy, senza genealogia paterna per Rothschild): è vero, ma, la Chiesa Cattolica è responsabile della Morte di tutti i martiri cristiani nel Mondo, dato che è per dare uno Stato ai terroristi Palestinesi, come è per dare un riconoscimento giuridico a tutta la LEGA ARABA! che la Chiesa Cattolica è il mandate di tutti gli omicidi dei martiri cristiani del mondo!
PERSECUTED CHURCH


CIOÈ, POICHÉ IL SOLDATO ISRAELIANO NON SI È LASCIATO PUGNALARE A MORTE, POI, LUI È COLPEVOLE DI ISTIGAZIONE CONTRO I PALESTINESI? AUGURI! Per il membro palestinese della Knesset, Ayman Odeh, il premier israeliano dovrebbe essere giudicato con il soldato per istigazione contro i Palestinesi.
PERSECUTED CHURCH


la LEGA ARABA è un nazismo esasperato sharia, un genocidio di popoli precedenti istituzionalizzato: teologicamente! SE GLI ISRAELIANI NON USASSESSERO METODI BRUTALI? SI ESTINGUEREBBERO rapidamente! PRIMA DI PRETENDERE I DIRITTI? GLI ISLAMICI FACCIANO IL LORO DOVERE: RINUNCINO ALLA SHARIA E DIANO LO STATO LAICO CHE È IL CONTRARIO DELLO STATO SECOLARE! non ESISTE UN QUALSIASI RICONOSCIMENTO GIURIDICO, NEI CONFRONTI DELLA LEGA ARABA, SENZA RECIPROCITÀ, E SE NON RINUNCIANO ALLA SHARIA! QUESTA VOLTA NON MORIREMO INUTILMENTE: COME LE ALTRE VOLTE, ma, L'ISLAM DOVRÀ SPARIRE DAL PIANETA! Hebron, quando gli assassini imbarazzano Netanyahu. 29.03.2016. Un giovane palestinese è stato ucciso mentre era disteso a terra e disarmato. L’Onu chiede spiegazioni per l’ondata di esecuzioni extragiudiziarie che sta vivendo il Paese. Netanyahu contro Ban Ki Moon: Incoraggia il terrorismo. Abed al-Fattah Yusri al-Sharif e Ramzi Aziz al-Qasrawi, due giovani palestinesi di 21 anni, sono stati colpiti giovedì 24 marzo dopo un presunto accoltellamento e il lieve ferimento di un soldato israeliano nei pressi di un check-point militare ad Hebron. Al-Qasrawi è stato ucciso sul colpo, mentre al-Sharif è rimasto disteso a terra per diversi minuti, già ferito e non più in grado di portare pericolo, prima che un soldato israeliano gli sparasse alla testa. Il militare è stato accusato di assassinio e la vicenda sta suscitando grandi polemiche in Israele. Secondo l'avvocato difensore, il militare avrebbe agito secondo le regole d'ingaggio suggerite dai suoi superiori, ma non è chiaro a chi si riferisca il legale. Benjamin Netanyahu ha preso le distanze dall'uccisione, anche se solo qualche mese fa incitava i soldati a uccidere garantendo loro piena assistenza legale. Per il membro palestinese della Knesset, Ayman Odeh, il premier israeliano dovrebbe essere giudicato con il soldato per istigazione contro i Palestinesi. Dallo scorso Ottobre Israele sta ripetutamente attuando una politica di "esecuzioni extragiudiziarie" contro i Palestinesi. Secondo le Nazioni Unite "è il momento di fermare la spirale negativa della violenza e iniziare passi positivi verso la fine dell'occupazione". Ma in casa palestinese l'esecuzione di Hebron è ormai considerata la regola e non l'eccezione: http://it.sputniknews.com/mondo/20160329/2371789/palestina-giovane-ucciso.html#ixzz44KYRSPDw
PERSECUTED CHURCH


Erdogan e SALMAN ] inzivosi lurdacchioni pedofili poligami ciola felice Maometto [ che, se il vostro non era un puttanato di: nazista Califfato harem Sultanato: bordello privato, e predazione di sharia assassini ladri? non è vero che, senza essere i criminali del genocidio schiavi dhimmi, che, la LEGA ARABA: di teologia genocidio teologia sostituzione, che cioè, avrebbe potuto avere un tale successo!
PERSECUTED CHURCH


PERCHÉ la PORNOGRAFIA è permessa, se la prostituzione è condannata? ] [ pedofilia GENDER ano poligamia bestialismo sharia: teosofia satanica Darwin: [ se io ero un profeta? voi potevate non ascoltarmi, ma, io sono il Politico universale del Regno di Dio JHWH holy: Unius REI, io ho il potere di uccidervi tutti! ] [ evoluzionisti è ano sodoma religione GENDER dogma.
https://www.youtube.com/user/YouTube/discussion 29 marzo, 2016, ore 18,36 Commenti al momento non disponibili.
PERSECUTED CHURCH


NOI NON POSSIAMO EVITARE DI STERMINARE LA LEGA ARABA O DI ESSERE STERMINATI DAL LORO NAZISMO! le esecuzioni extra-giudiziarie sono la norma, del comportamento, che, si deve tenere, contro, gli islamici sharia, in tutto il mondo! e Perché, Israele deve avere una: 1. inutile, 2. costosa, 3. imponente: struttura di sicurezza: dato che, ogni anno 50 suoi cittadini innocenti rimangono uccisi ugualmente? il 50% dei palestinesi sono prontissimi ad uccidere un bambino israeliano! ECCO PERCHÉ, TUTTI I PALESTINESI DEVONO ESSERE DEPORTATI! Non è un problema palestinese, 1. che male hanno fatto i cristiani della Nigeria, 2. che male hanno fatto i Cristiani del Pakistan? che male hanno fatto i cristiani in Turchia? che male hanno fatto i cristiani in Egitto? che male hanno fatto i cristiani in Giordania? ecc.. che male hanno fatto i cristiani in tutta la LEGA ARABA? NOI NON POSSIAMO EVITARE DI STERMINARE LA LEGA ARABA O DI ESSERE STERMINATI DAL LORO NAZISMO!
PERSECUTED CHURCH


È CHIARO ERDOGAN LI AMMASSA COME PIDOCCHI, PER FARLI FUGGIRE IN EUROPA! 6MILIONI RUBATI A LUI, ED I PROFUGHI sempre da NOI.. GLI ISLAMICI? SONO TERRORISTI, CARNEFICI, VERI PIRATI! Rogo in un campo profughi in Turchia, morti 3 bambini. Pochi giorni fa un altro incendio in cui ha perso la vita un bimbo
PERSECUTED CHURCH


PRETENDO LA VERITÀ per GIULIO Regeni, E LA VERITÀ PER ISRAELE: "PERCHÉ I salafi STANNO CIRCONDANDO ISRAELE?" la madre: sul viso di Giulio il male del mondo Paola Regeni (s) in occasione di una conferenza stampa al Senato, Per la famiglia del giovane friulano "Se il 5 aprile sarà una giornata vuota confidiamo in una risposta forte del nostro Governo. Forte ma molto forte. E' dal 25 gennaio che attendiamo una risposta su Giulio".
PERSECUTED CHURCH

 (modificato)
LA ARABIA SAUDITA NON Possono DIRE: "NON MI RIGUARDA" PERCHÉ, NESSUNO LA PUÒ AUTORIZZARE AD ESSERE UN NAZISTA SHARIA, IO PRETENDO LO STATO LAICO (NON SECOLARE) in tutta la LEGA ARABA. 28 marzo, MA, IN CONTRACCAMBIO IO POSSO DARE MOLTO DI PIÙ, DI TUTTO QUELLO CHE SI POSSA IMMAGINARE! Strage cristiani a Lahore, almeno 72 morti e 300 feriti, Parco gremito per Pasqua, kamikaze. Renzi, penso a piccole vittime http://www.ansa.it/sito/videogallery/mondo/2016/03/28/strage-cristiani-a-lahore-almeno-72-morti-e-300-feriti_7a233a47-3948-41bc-8c8e-ce2680d5a53f.html
PERSECUTED CHURCH

 (modificato)
CIOÈ, IN QUESTA ITALIA DI MASSONI SE, UNO NON HA I SOLDI PER FARSI DIFENDERE DAGLI AVVOCATI? SOCCOMBE! IO PRETENDO IL DIFENSORE CIVICO IN OGNI COMUNE!
PERSECUTED CHURCH


OK! MA, SE NEL QUARTIERE NON C'ERA, IN QUEL MOMENTO, UN POSTO DOVE POTER URINARE GRATUITAMENTE? POI, LA MULTA LA PAGA LO STATO! Fa pipì per strada e viene multato. E' accaduto a un cittadino pachistano 40enne residente in Vallecamonica, nel Bresciano. L'uomo è stato fermato dai carabinieri e multato "per atti contrari alla pubblica decenza". Una multa da 3.333 euro. Il reato è stato depenalizzato e sostituito con una sanzione amministrativa. Si tratta della prima multa in provincia di Brescia.
PERSECUTED CHURCH


Hacker islamici violano server acquedotto e tentano di avvelenare acque, marzo 28, 2016 Hacker islamici si sono infiltrati prendendo il controllo del sistema di filtraggio di un acquedotto, cambiando i livelli delle sostanze chimiche utilizzate per il trattamento dell’acqua. Il cyber-attacco è documentato nella relazione sulla sicurezza IT di Verizon Security Solution disponibile QUI. Per questioni di sicurezza, nome e posizione dell’acquedotto non sono stati rivelati. L’attacco è stato condotto dalla Siria e ha compromesso i computer della società sfruttando una vulnerabilità nel suo sistema di accesso web disponibile agli utenti. Questa la relazione di Verizon: Our endpoint forensic analysis revealed a linkage with the recent pattern of unauthorised crossover. Using the same credentials found on the payment app webserver, the threat actors were able to interface with the water district’s valve and flow control application, also running on the AS400 system. We also discovered four separate connections over a 60-day period, leading right up to our assessment.During these connections, the threat actors modified application settings with little apparent knowledge of how the flow control system worked. In at least two instances, they managed to manipulate the system to alter the amount of chemicals that went into the water supply and thus handicap water treatment and production capabilities so that the recovery time to replenish water supplies increased. Fortunately, based on alert functionality, KWC was able to quickly identify and reverse the chemical and flow changes, largely minimising the impact on customers. No clear motive for the attack was found.
Il team di Verizon ha scoperto che gli hacker sono riusciti a manipolare le valvole che controllano il flusso di prodotti chimici per ben due volte – anche se per fortuna senza alcun effetto sugli utenti, almeno ufficialmente.
Rubando anche informazioni personali di 2,5 milioni di clienti della utility.
L’attacco, senza conseguenze, mette in evidenza i punti deboli in infrastrutture critiche.
FLASHBACK: ISIS VUOLE AVVELENARE GLI ACQUEDOTTI DELLE NOSTRE CITTÀ: LA PISTA ALBANESE http://voxnews.info/2016/03/28/hacker-islamici-violano-server-acquedotto-e-tentano-di-avvelenare-acque/
PERSECUTED CHURCH

LA BIBBIA LO AVEVA DETTO: TUTTO QUESTO SAREBBE SUCCESSO ALLA FINE DEI TEMPI! ] [ L’icona gay ‘Sir Elton John’ è stata denunciata da una sua guardia del corpo, per molestie sessuali. Secondo l’accusa, EJ gli avrebbe in più occasioni ‘affettuosamente’ afferrato i genitali. Jeffrey Wenninger (in foto con EJ) ha dettagliato almeno 3 pesanti molestie avvenute nel 2014. La prima volta, dice Wenninger, lui e Elton John erano in una macchina insieme quando l’icona gay gli mise le mani nei pantaloni, afferrandogli i genitali e tentando di infilargi le dita tra le natiche. Dicendogli: “Tiralo fuori” e “Chiamami zio Elton”. Ci sono poi un’altra serie di dettagliate denunce che vi risparmiamo, ma sono sullo stesso tono. Wenninger dice che ci sono stati diversi altri incidenti durante il suo impiego. Tanto da costringerlo a licenziarsi nel settembre 2014.
Negli ultimi tempi, di EJ, si ricordano le pretestuose polemiche contro gli stilisti Dolce e Gabbana e la bufala della telefonata di Putin. http://voxnews.info/2016/03/29/guardia-del-corpo-denuncia-elton-john-mi-ha-infilato-le-dita-nel/
PERSECUTED CHURCH


IFuckingKillYouRapeU ie,  IHateNewLayout 666 CIA NWO SPA FED SAID: "You be be my friend no any more do, I will shut down u other Chanbel. Satan come to get u and u son! " /// REALLY? e come farai a sopravvivere senza poter PIÙ sentire la mia voce?
PERSECUTED CHURCH


DarkExplorer1997 "What Doesn't Kill You Make You Stronger" "CHI non TI uccide? TI farà SEMPRE più forte"  ///    LorenzoJHWH Unius REI ANSWER: "pensi di poter diventare più forte, lottando contro di me? ma, io non ho interesse ad ucciderti.. io ti vedrò disperato.. ma, questa sarà stata soltanto colpa tua!"
PERSECUTED CHURCH


Ultimatum  del FARAONE egiziano ai Fratelli FARISEI SALAFITI gli aguzzini: "PERCHÉ VOLETE FARE ANCHE VOI, QUELLA STESSA MORTE MALEDETTA CHE IO HO FATTO?"
PERSECUTED CHURCH


Synnek1, IE, 187aUDIOhOSTEM SAID: ["and take: your goddamned: Israeli buddies: with you! " [ie] "cannibal MONTEZUMA REVENGE"]  ANSWER /// HE IS EX-master:MANAGER CIA institutional IE, Satanism international INTO YOUTUBE, a famous director of occult power, in youtube, and, with Masons of the 33rd degree, they know that, israelis has no, one only one chance to survive, because this design, about, the destruction of Israel, is, in the agenda of the: IMF 666 Talmud NWO Kabbalah, provision was made much earlier the founding of Israel himself. in fact, the most direct threat, against all world is imperialist IMF NWO, of the Pharisees, that is, the new tower of Babel: masonic system, which is why, 666 owl Bush senior 322: said: "we will win"
PERSECUTED CHURCH

666 187AudioHostem, ie, Synnek1  [You Are A Monkey] // ANSWER // REALLY? e perché del tuo Dio Rothschild SpA FED, SpA IMF, tutti dicono che, lui è la scimmia di satana?
PERSECUTED CHURCH

http://close-youtube-page.blogspot.com/2016/03/erdogan-ha-rotto-le-palle-tutti.html
PERSECUTED CHURCH

Turchia: ministero Esteri convoca ambasciatore tedesco per satira su Erdogan [ vuoi vedere tu, che per questo mio commento, ora, Erdogan convocherà l'ambasciatore di ISRAELE anche?
PERSECUTED CHURCH

adesso ERDOGAN ha rotto le palle a tutti: "la canzone non diceva neanche che lui si beveva il petrolio del Daesh ed il sangue di tutti i martiri!" Turchia: ministero Esteri convoca ambasciatore tedesco per satira su Erdogan, 29.03.2016 lo ha reso noto che il ministero degli Esteri turco ha convocato l’ambasciatore della Germania, Martin Erdmann, per una trasmissione satirica sul canale tedesco ARD che ha deriso il presidente Recep Tayyip Erdoğan. L'ambasciatore era stato convocato al ministero degli Esteri turco già il 22 marzo, ma il fatto è stato reso noto soltanto sei giorni dopo. Il malcontento delle autorità turche è stato provocato dalla trasmissione televisiva tedesca "Extra 3", andata in onda il 17 marzo, durante la quale è stato mostrato un video di un paio di minuti dal titolo "Erdowie, Erdowo, Erdogan". La canzone deride l'amore del presidente turco per il lusso, e condanna gli attacchi alla libertà di parola nel paese. "Il giornalista che scrive qualcosa che non piace a Erdogan, già l'indomani si ritrova dietro le sbarre", dice la canzone. Lo Spiegel non riporta i dettagli del colloquio tra l'ambasciatore tedesco e le autorità turche, ha soltanto sottolineato che è durato tanto: http://it.sputniknews.com/mondo/20160329/2366583/ambasciatore-germania-erdogan.html#ixzz44IFe2o9X
PERSECUTED CHURCH






IL GENOCIDIO DELL'EROICO
POPOLO ARMENO
I testi che seguono sono stati liberamente tratti dal sito http://www.salpan.org





PREMESSA

Prendendo lo spunto dalla recente polemica inerente la futuribile adesione all'Unione Europea della Turchia (Dio non voglia!), abbiamo voluto approfondire l'argomento dell'Olocausto armeno. Si tratta di un olocausto AUTENTICO, non di una menzogna propagandistica.

Per la realizzazione di questo nostro dossier abbiamo attinto a piene mani dal sito www.comunitaarmenia.it

Il libro segnalatoci (del quale riporteremo alcune frasi indicandole con la sigla PK seguita dal numero della pagina) è il seguente:
Viaggio tra i cristiani d'Oriente. Comunità armene in Siria e in Iran, di Pietro Kuciukian, Ed. Guerini e Associati, Milano 1996, pag. 94.

Ma procediamo con ordine.
Dopo un breve cenno storico e una scheda geografica, tratteremo più distesamente del genocidio e poi dei rapporti tra gli Armeni e l' Italia, nonché della posizione italiana di fronte a tanta barbarie.

Questo dossier ovviamente è aperto a ulteriori integrazioni e contributi.





Alcuni cenni storici
GLI ARMENI





Le radici di questo popolo affondano già nel primo millennio a.C. quando, nel VII secolo gli Armeni, discendenti da indoeuropei, giunsero dalla Frigia. Qui si fusero con la popolazione hurrita discendente degli antichi regni preesistenti.

Nel periodo precristiano si sono succeduti sul territorio dell'Armenia storica varie occupazioni.

Questa zona era di fondamentale importanza per il controllo delle vie di comunicazione tra Oriente ed Occidente ed il suo possesso fu a lungo conteso dalle maggiori potenze militari dell'epoca. Gli Armeni videro perciò passare sulle loro terre Persiani, Greci, Romani ed Arabi, ma, grazie anche alla rivalità esistenti tra le varie potenze, riuscirono a sopravvivere ad ognuna di esse ed a raggiungere in alcuni momenti della storia, la piena indipendenza, anzi, divenendo loro stessi signori di vasti imperi, citiamo a tal proposito Re Tigran il Grande, fondatore dell'Impero Armeno, ricordato da Cicerone come "colui che fece tremare la Repubblica Romana".

La storia ci racconta di una nazione eternamente contesa e frazionata tra molti grandi imperi, persiano, ottomano, russo e continuamente devastata ed angariata da frotte di invasori

quali i Turchi Selgiuchidi o i Mongoli.

La tradizione fa risalire il primo annuncio del Vangelo in Armenia agli apostoli Taddeo e Bartolomeo, ma la conversione della corte armena è dovuta all'apostolato di S. Gregorio l' Illuminatore che nel 301 battezzò il re Tiridate III e la sua corte e da allora il cristianesimo fu (prima proclamazione al mondo) religione ufficiale del regno, Religione di Stato. Questa scelta e la posizione geografica di frontiera dell'Armenia sono state cause di molte persecuzioni e guerre.

La fine del IV secolo è segnata dalla divisione dell'Armenia tra due imperi quello romano e quello persiano (387).

Altro avvenimento di primaria e fondamentale importanza si ha nel 405 quando il monaco predicatore (Vartabet) Mesrob Mašdotz (361-440) inventò un alfabeto proprio alla lingua armena parlata composto da 36 lettere, capace soprattutto di tradurre la Bibbia. L'invenzione segnò l'inizio di un periodo d'oro nella letteratura e nella vita spirituale della Chiesa. Tali peculiarità e la fissazione dell'armeno come lingua propria, con un proprio alfabeto diverso dal latino, dal greco, dall'arabo e dal cirillico, contribuiranno al mantenimento dell'autonomia culturale e politica degli Assiri, tanto nei riguardi dell'occidente, quanto verso i paesi confinanti di fede musulmana o bizantina.

Le pressioni per cambiare religione non tardarono; verso la metà del V secolo, la Persia, per la sicurezza e la compattezza politica dell'impero, cercò di assimilare gli Armeni, tentando di imporre il mazdeismo. Gli Armeni pagarono un prezzo alto per il loro rifiuto nella battaglia di Avarayr nel 451, con il martirio del comandante Vartan Mamikonian e dei suoi compagni (Vasn Groni yev Haireniatz - Per la fede e la patria).

Ciò nonostante tra occupazioni e guerre, il popolo armeno ha conosciuto varie fioriture culturali: il VI e VII secolo hanno visto rifulgere l'architettura armena. Il IX secolo, fortemente segnato dalla figura di Gregorio di Narek, il più




grande poeta mistico, vissuto tra il 945-1003, è il secolo della fioritura della città di Ani, centro economico e culturale di tutta la regione.
Nell'undicesimo secolo l'invasione dei Turchi Selgiuchidi mette in ginocchio il paese e costringe parte della popolazione alla fuga in Cilicia, dove un principe discendente dall'antichissima dinastia imperiale dei Bagratidi, fonda il regno della Piccola Armenia (1080-1375), con capitale Sis, che rimarrà anche sede secondaria del Catholicos dopo la primaziale Etchmiadzin.
In questo periodo, dal contatto con i crociati, nascono i primi tentativi di riunione con Roma, coronati dalla nascita di Patriarcati armeni cattolici (1307).
All'inizio del XVI secolo, l'invasione ottomana occupa la parte occidentale dell'Armenia mentre quella orientale resta sotto il dominio persiano.
L'Impero Ottomano non attua una politica marcatamente repressiva nei confronti delle minoranze interne, ma impone comunque su tutto il suo territorio la Sharia, la legge coranica, quale unica fonte del diritto, ed il popolo armeno, in quanto cristiano, deve subire pesanti discriminazioni.
Nel 1800 i Russi occupano il Karabagh e le altre regioni dell'Armenia orientale.
L'Armenia in questo periodo conosce un risveglio culturale che ha come centri Costantinopoli e Tiblisi dove vive un gran numero di Armeni.
Tra il 1895 ed il 1907 il Sultano Abdul Hamid II, preoccupato dall'attivismo armeno ed anche dallo sviluppo economico che questo popolo sta vivendo, decide di mettere alla prova le titubanti potenze straniere punendo la popolazione armena con l'esecuzione di alcuni pogrom durante i quali vengono uccisi 200.000 (300.000 secondo altre fonti) Armeni.
Tutto avviene sotto gli occhi delle potenze europee che, come spesso faranno anche in futuro, non riescono a prendere alcuna iniziativa concreta in difesa delle popolazioni angariate. A questo periodo risalgono i discorsi di Mussolini in difesa degli Armeni e dei Curdi, pubblicati nel 1999 dalla rivista "Orientamenti".
La reazione armena consiste nell'intraprendere la guerriglia e nella creazione della Federazione Rivoluzionaria Armena, detta anche Dachnak, con basi nella vicina Armenia Russa e fortemente sostenuta dalle popolazioni locali.
Approfittando degli sconvolgimenti in corso in Russia a causa della rivoluzione, gli Armeni sotto il controllo dell'impero zarista si ribellano e il 28 maggio 1918 dichiarano la propria indipendenza. In seguito, dopo la presa di alcuni territori, nell' Armenia turca viene proclamata la nascita della Repubblica Armena, che nel 1920 sarà sovietizzata. Durante i lavori del Trattato di Sevrès viene perfino riconosciuta l'indipendenza al popolo armeno e la sua sovranità su gran parte dei territori dell'Armenia storica, ma, come altre volte in futuro, tutto resta lettera morta, carta straccia. Infatti il successivo Trattato di Losanna (1923) annulla il precedente e negha al popolo armeno persino il riconoscimento della sua stessa esistenza.
Nel settembre del 1991 dopo il crollo dell'Unione Sovietica l'Armenia dichiara la propria indipendenza e diventa l'attuale Repubblica d'Armenia.














L' Armenia chiamata anche HAYASTAN , con una superficie di 29.800 km2 (poco più grande della nostra Sicilia), è un paese montuoso che confina a nord con la Georgia, l'Azerbaigian, la Turchia e l'Iran. La capitale è Erevan, l'antica Erepuni fondata nel 782 A.C. che si trova a circa 1000 metri d'altitudine, dominata dal Monte Ararat alto 5165 metri.

Scheda:
Popolazione: 3.336.100 (nel Luglio 2001).
Gruppi etnici (1989): Armeni 93%, Azeri 3%, Russi 2%, altri (soprattutto Yezidi Kurds) 2%.
Nota: come alla fine del 1993, virtualmente tutti gli Azeri erano emigrati dall'Armenia.
Religione: Armeno Ortodossa 94%
Lingue: armeno 96%, russo 2%, altro 2%
Valuta: dracma (AMD)
Tipo di governo: repubblica
Indipendenza: 21 Settembre 1991 (dall'Unione Sovietica)
Costituzione: adottata con referendum nazionale il 5 Luglio 1995
Bandiera: tre nastri orizzontali uguali di colore rosso (in alto), azzurro (al centro) ed arancio (in basso).
Capitale: Yerevan.

Secondo ultime stime la popolazione armena ammonterebbe oggi a circa 9-10 milioni nel mondo di cui 3.500.000 in Armenia, 2.000.000-2.500.000 in Russia e 4.000.000-4.500.000 nella diaspora.









DOSSIER GENOCIDIO




In sintesi

Gli Armeni sino all'inizio del secolo erano l'etnia maggioritaria in Anatolia orientale; in un quarto di secolo sono pressoché scomparsi.
Maremoto? Terremoto ? Cataclisma? Peste?
No!
La risposta sta in una parola definita dall'ONU nel 1948 "Genocide". L'Enciclopedia Italiana Treccani scrive: "L'Asia Minore è quale l'hanno voluta i Turchi: vuota di Armeni". I Turchi sterminarono un milione e novecentomila Cristiani Armeni. Le atrocità commesse dai Turchi nei loro confronti portarono gli alleati ad introdurre il concetto di "crimes against humanity" in seguito usato durante il processo di Norimberga. Il massacro degli Armeni nel rapporto della Commissione dei Diritti dell'Uomo all'O.N.U. (Settembre 1973) viene definito come il primo genocidio del XX secolo perpetrato a danno di un popolo fortemente legato al perdono evangelico.
Una delle pagine più oscure, ed al tempo stesso meno divulgate, della storia del XIX e del XX secolo é quella del genocidio perpetrato, dall'Impero Ottomano prima e dai Giovani Turchi dopo, ai danni delle popolazioni armene stanziate da sempre sul territorio che comprendeva la parte nord-orientale dell'attuale Turchia e sulle terre a nord dell'Impero Persiano, su fino alle cime del Caucaso.
"Nel 1915 due milioni di Armeni erano stati deportati dai Turchi verso il deserto siriano di Dier es Zor allora sotto il dominio ottomano. Circa due terzi dei deportati furono uccisi dalla






fame, dalle epidemie, dai maltrattamenti e dagli attacchi delle bande curde" (PK 14).
"La coesistenza fra Armeni e Turchi, che per secoli aveva "tenuto" attraverso compromessi e vantaggi reciproci, si ruppe definitivamente circa cento anni fa.
I sultani ottomani (nel 1896 e nel 1906), i Giovani Turchi (nel 1915) e Mustafà Kemelk (dopo il 1918) scatenarono e portarono a termine il primo genocidio dell'età moderna.
Gli Armeni scomparvero letteralmente dall'Anatolia e con essi le loro città, le loro chiese, le loro scuole, le loro biblioteche, i loro conventi-università, la loro millenaria cultura.
Mezzo milione di Armeni riuscirono a riparare all'estero: altri trovarono rifugio a nord-est, nelle regioni transcaucasiche armene sotto dominio russo, dove fondarono la Repubblica indipendente di Armenia, che divenne poi una delle quindici repubbliche sovietiche" (PK 14).
Oggi le stesse persone che speculano su altri olocausti, impediscono che si denunci l'olocausto armeno per non nuocere alla Turchia, paese alleato di Israele e degli Usa.
Il "24 Aprile" è la data d'inizio dei massacri. "Tale data sarebbe dovuta divenire la giornata mondiale del genocidio, se la proposta non fosse stata ostacolata dalla lobby ebraica americana su istigazione degli ebrei di Turchia. L'iniziativa della comunità ebrea di Istanbul fu a suo tempo criticata da Simon Peres."
Quello degli Armeni è un olocausto non politicamente corretto







Retroscena storico-politico

L'impero ottomano alla fine del XIX secolo, è uno stato in disfacimento, la corruzione serpeggia in ogni angolo dell'impero, che in breve tempo ha visto scomparire i suoi domini in Europa con la nascita, dopo secoli di barbara oppressione, degli stati nazionali balcanici.
I Turchi, che si erano installati nell'Anatolia greco-armena di cultura millenaria, paventano la possibilità di rivendicazioni elleniche sulle coste dell'Asia Minore (Smirne e Costantinopoli) e soprattutto la nascita di una Nazione Armena.
Quando Abdul Hamid sale al trono, nel 1886, i Turchi e le popolazioni assimilate non riescono a raggiungere il 40% dell'intera popolazione anatolica, mentre in Asia Minore le minoranze etniche sono costituite da Greci, Armeni ed Assiri.
Gli Armeni sono concentrati nell'est dell'impero dove, già dall'indipendenza greca 1821, la Sublime Porta (sultanato) ha fatto insediare tutti i mussulmani dei territori ottomani che via via venivano persi.
Gli Armeni non richiedono l'indipendenza ma solo uguaglianza e libertà culturale.
Abdul Hamid viene duramente sconfitto dai Russi, ma le conseguenze per l'impero non sono gravi poiché il primo ministro inglese Disraeli, spinto dalla tradizionale politica filo-turca del suo paese, fa sì che non si venga a formare uno stato armeno libero ma solo che vengano garantiti i diritti personali dei singoli. L'Inghilterra ottiene l'isola di Cipro.
Il sultano, temendo una futura ingerenza europea nella questione armena e la ulteriore perdita di territori, dà inizio alle repressioni degli Armeni.
Tra il 1894 e il 1896 vengono uccisi dai due ai trecentomila Armeni ad opera degli Hamidiés (battaglioni curdi appositamente costituiti dal sultano), senza contare le conversioni forzate all'Islam che però non hanno seguito.
A causa delle persecuzioni si assiste ad una forte ondata emigratoria.
E' l'inizio di una serie di massacri che durerà, in maniera più o meno forte, per trent'anni sotto tre diversi regimi turchi.
L'atteggiamento Europeo è d'immobilismo, poichè ogni nazione ha paura che un'altra assuma maggior rilevanza nello scacchiere caucasico e mediorientale.
Ma un nemico ancor più temibile del sultano si stava preparando: "I Giovani Turchi" ed il loro partito "Unione e Progresso" (Ittihad ve Terakki) . Questi avevano studiato in Europa e si erano imbevuti delle dottrine socialiste e marxiste che avevano elaborato "turco more". La perdita dei possedimenti europei indicava loro -quale possibilità di rivalsa- l'espansione intesa come ricongiungimento ai popoli di etnia turca: tartari, kazachi, uzbechi ecc. A causa dell'impossibilità del mantenimento dei domini europei, essi rivolgono la loro attenzione ai Turchi delle steppe dell'Asia centrale e mirano al ricongiungimento con essi per dare vita ad un entità panturca che possa andare dal Bosforo alla Cina.
E' principalmente da queste due matrici culturali che nasce l'ideologia del panturchismo o panturanesimo (il Turan è il focolare della nazione turca, da dove i Turchi sono giunti in Asia Minore dopo una lunga marcia durata secoli). Dal marxismo i "Giovani Turchi" avevano preso l'idea di uguaglianza, ma "summum ius, summa iniuria" per essere tutti uguali dovevano essere tutti ottomani e per essere tutti ottomani bisognava essere tutti turchi e mussulmani.
Gli ostacoli, che si frappongono a queste mire di formazione di un blocco megalitico turco, panturanico, sono costituiti da Armeni e Curdi.
I Curdi però, pensano i Giovani Turchi, sono mussulmani e non posseggono una forte cultura, possono essere quindi assimilati facilmente (ma gli eventi del nostro tempo mostrano una realtà curda tragicamente diversa).
Gli Armeni, oltre a essere cristiani malgrado le molte e spietate persecuzioni, posseggono anche una cultura millenaria, non possono essere assimilati ed inoltre la loro presenza impedisce l'unificazione con gli altri Turchi. Vanno quindi eliminati.
Questi concetti vengono magistralmente espressi da una valutazione del 1915 del viceconsole tedesco Dr. Max Scheubner Richter, comandante ed ufficiale di collegamento di una forza speciale turco-tedesca incaricata di azioni di guerriglia, e dall'ambasciatore austriaco Pallavicini.
Scheubner Richter così asserisce "Ho condotto una serie di conversazioni con eminenti personalità turche, queste sono le mie impressioni: una larga parte dell'Ittihad pensa che l'impero turco dovrebbe essere basato sul principio dell'Islam e del panturchismo. I suoi abitanti non mussulmani e non turchi dovrebbero essere islamizzati con la forza o distrutti".
Il Pallavicini riporta che, in maniera fortemente confidenziale (streng vertraulich), il Gran Visir gli aveva esposto la sua contrarietà alla politica di Talaat Pascià (capo dell'Ittihad) nei confronti degli Armeni e di non passare sopra la tendenza di dar forma ad uno stato nazionale distruggendo gli elementi estranei (durch vernichtung der fremden Elemente).
Scrive Winston Churchill: "In 1915 the Turkish government began and ruthlessly carried out the infamous general massacre and deportation of Armenians in Asia Minor… the clearance of the race from Asia Minor was about as complete as such an act, on a scale so great, could will be… There is no resonable doubt that this crime was planned and executed for political reasons. The opportunity presented itself for clearing Turkish soil of a Christian race opposed to all Turkish ambitions, cherishing national ambitions that could be satisfied only at the expense of Turkey, and planted geographilly between Turkish and Caucasian Moslems".
Per portare avanti il panturchismo non era pensabile appoggiarsi al "sultano rosso", poiché il suo governo era corrotto e debole, c'era invece bisogno di un governo forte e privo di remore. L'ironia della sorte vuole che proprio gli Armeni diano una mano all' Ittihad per raggiungere il potere.
I Giovani Turchi infatti, mentre segretamente tramavano l'omicidio di massa (Massenmord, secondo il console tedesco di Trebisonda Berfgeld), esternamente si mostravano liberali e laicisti.
Gli Armeni, pensando all'avvicinarsi di uno stato garante delle libertà fondamentali dell'uomo, appoggiano così i loro carnefici, i quali nel 1908 con un colpo di stato prendono il potere. Gli Armeni ottengono, ma solo teoricamente, uno status di cittadini a tutti gli effetti e nell'Armenia vengono formate sei entità vagamente autonome, chiamate villayet.






Dunque una nuova speranza, presto disillusa. I Giovani Turchi sembrano intenzionati a creare una federazione di tutti i popoli precedentemente inclusi nell'Impero. Ma ovviamente le concezioni di nazionalismo turco e di una federazione ottomana sono decisamente antitetiche e questo porterà a considerare l'elemento armeno come un pericolo interno da combattere ed annientare.
I Giovani Turchi avviano una prova generale del genocidio nell'aprile del 1909: in Cilicia 30.000 Armeni vengono uccisi dalle forze del loro partito Ittihad ve Terakki (Unione e Progresso). Tutto ciò fu conseguenza dell'ideologia del panturchismo, caratterizzato da tratti nazionalisti-irredentisti di tipo mazziniano (né più né meno del contemporaneo sionismo ebraico).
L'unione tra indipendenza nazionale e purezza razziale furono la premessa per la conquista dell'allora provincia russa dell'Azerbaigian. Tra essa e la Turchia vi erano però proprio in mezzo le terre armene. Questa nuova campagna di conquista fornisce ai Giovani Turchi la giustificazione per l'eliminazione del "pericolo armeno".
Al convegno di Tessalonica dell'Ittihad del 18-19 ottobre del 1910 con sei discorsi il Ministro degli Interni Taalat (prima della convezione segretissima della Politbüro del partito) delinea il principio di omogeneizzazione della Turchia tramite la forza delle armi: segretamente si organizza il genocidio.
In primo luogo intervengono nelle attività parlamentari facendo approvare una legge che permette lo spostamento di popolazioni in caso di guerra e poi il ministro Enver dà vita ad un' organizzazione speciale (Teškilati Mahsusa), il cui scopo ufficiale è quello di effettuare azioni di guerriglia in tempo di guerra, mentre in verità si tratta di una vera e propria macchina di sterminio: Enver assolda trentamila avanzi di galera, come asserisce il colonnello tedesco Stang (entlassene Sträflinge).
Poiché alcuni paesi europei minacciano ritorsioni in caso di pericolo per gli Armeni, alcuni di questi documenti vengono salvati dagli esecutori che vogliono premunirsi a loro discolpa di un qualcosa comprovante che loro hanno semplicemente obbedito agli ordini. Questi documenti saranno usati nel processo di Costantinopoli.
I Giovani Turchi non potevano intraprendere la loro politica di annientamento senza una scusa (Vernichtungspolitik secondo il Feldmareschall, Paul von Hindenburg), dovevano quindi aspettare l'occasione favorevole. Questa si presenta con la guerra, a causa della quale nessuna potenza sarebbe potuta intervenire. Taalat Pascià, parlando al Dr. Mordtman in merito all'abolizione di ogni concessione a favore degli Armeni, asserisce infatti: "C'est le seul moment propice".
All'entrata in guerra si oppongono i partiti armeni, ma ogni sforzo è vano.
Nel 1914 la situazione peggiora irrimediabilmente. In quell'anno infatti il governo turco decide di entrare in guerra a fianco degli imperi centrali e subito si lancia alla conquista dei territori azeri "irredenti". I Giovani Turchi iniziano la loro follia e per gli Armeni inizia il METZ YEGHERN (IL GRANDE MALE). Con questo nome gli Armeni chiamano il loro genocidio, causa della formazione di una vasta diaspora armena in tutto il mondo. In sei mesi i Turchi uccideranno circa due milioni di Armeni!!!
I Giovani Turchi impongono la dittatura militare nel 1913 con Djemal, Enver e Talaat (il triumvirato della morte) ministri, della Marina, della Guerra e dell'Interno, rispettivamente. Ormai hanno pieni poteri per dirigere lo Stato, possono pianificare il genocidio perfetto.
La Terza Armata turca, impreparata, male equipaggiata, mandata allo sbaraglio in condizioni climatiche ostili, viene presto sbaragliata a Sarikamish nel gennaio 1915 dalle forze Russe. L'esercito turco indica i responsabili della disfatta negli Armeni che, allo scoppio della guerra avevano comunque assicurato la propria lealtà a sostegno all'impresa turca (tranne pochissime tribù che si erano unite alla rivolta degli Assiro-Caldei).
Il clima si fa sempre più teso e, tra il dicembre del '14 ed il Febbraio del '15, il Comitato Centrale del partito Unione e Progresso, diretto dai medici Nazim e Behaeddine Chakir, decide la soppressione totale degli Armeni.
Il piano turco, pensato e diretto dal Ministro dell'Interno Talaat Pascià, prosegue poi con la soppressione della comunità di Costantinopoli ed in particolare della ricca ed operosa borghesia armena: tra il 24, che resta a segnare la data commemorativa del genocidio, ed il 25 Aprile, 2345 notabili Armeni vengono arrestati mentre tra il Maggio ed il Luglio del 1915 gli Armeni delle province orientali di Erzerum, Bitlis, Van, Diyarbakir, Trebisonda, Sivas e Kharput vengono sterminati.
Solo i residenti della provincia di Van riescono a riparare in Russia grazie ad una provvidenziale avanzata dell'esercito zarista.
Nelle città viene diffuso un bando che intima alla popolazione armena di prepararsi per essere deportata; si formano così grandi colonne nelle quali gli uomini validi vengono raggruppati, portati fuori delle città e qui sterminati.
Dopo la conclusione delle operazioni neppure un armeno è rimasto in vita in queste province.
La seconda parte del piano prevedeva il genocidio della popolazione armena restante, sparsa su tutto il resto del territorio. Tra l'Agosto del 1915 ed il Luglio del 1916 gli Armeni vengono catturati e riuniti in carovane e in condizioni inumane vengono costretti a raggiungere Aleppo, mentre un'altra parte di deportati viene mandata verso Deir es-Zor, in Mesopotamia. Aleppo verrà raggiunta solo da pochi superstiti: i nomadi curdi, l'ostilità della popolazione turca, i tchété e le inumane condizioni a cui sono sottoposti fanno sì che i deportati periscano in gran numero lungo il cammino...

E l'Europa sta a guardare!!!…
Interviene il Papa Benedetto XV, ma senza alcun risultato positivo.

La caduta del regime turco alla fine della Grande Guerra e la seguente ascesa alla guida del paese di Kemal Ataturk non cambiò la situazione, se non in peggio, infatti tra il 1920 ed il 1922 con l'attacco alla Cilicia armena ed il Massacro di Smirne, il nuovo governo portò a compimento il genocidio.
Dopo questi ultimi crimini non un solo armeno rimane vivo in Turchia (tranne pochissimi che si erano convertiti all'Islam).




I processi...

La disfatta ottomana spinse i principali responsabili del genocidio ad abbandonare il paese e molti di essi fuggirono in Germania. A loro carico venne intentato un processo svoltosi nel 1919 a Costantinopoli sotto la direzione di Damad Ferid Pascià.
Lo scopo non era evidentemente quello di rendere giustizia al martoriato popolo armeno, ma di addossare le colpe dell'accaduto sulle spalle dei Giovani Turchi discolpando al tempo stesso la nazione turca in quanto tale.
Il risvolto pratico del processo fu minimo, in quanto nei confronti dei condannati non vennero mai presentate richieste di estradizione e successivamente i verdetti della corte vennero annullati ?!
L'importanza del procedimento sta comunque nel fatto che durante il suo svolgimento vennero raccolte molte testimonianze che descrivono le varie fasi del genocidio, a partire proprio dalle dichiarazioni di chi ne era stato artefice.
Altri processi vennero tenuti a riguardo di specifiche situazioni:
- A seguito di quello per i massacri del






convoglio di Yozgat venne condannato il vice-governatore Kemal.
- Nel processo di Trebisonda si ammise la responsabilità del governatore e si descrisse il modo in cui venivano effettuati gli annegamenti di donne e bambini.
- Nel processo per il massacro nella città di Karput venne giudicato in contumacia Behaeddin Chakir e si descrisse dettagliatamente il ruolo dell'Organizzazione Speciale.
A seguito però della riluttanza delle autorità turche ed alleate ad eseguire le sentenze da loro stesse emesse, il partito Dashnag creò un'organizzazione di giustizieri armeni che si incaricò di eliminare alcuni tra i principali responsabili del genocidio. Vennero così freddati Behaeddin Chakir, Djemal Azmi (il boia di Trebisonda), Djemal Pascià (componente del triumvirato dirigente dei Giovani Turchi) e l'ex Ministro degli Interni Talaat, ucciso per le strade di Berlino il 15 Marzo del 1921 da Solomon Tehlirian. In quest'ultimo caso le colpe a carico di Talaat emerse durante il processo furono talmente terrificanti da far assolvere Tehlirian per l'omicidio da lui compiuto.




Modalità dello Sterminio

Tutta l'operazione viene mascherata come un'azione di spostamento di persone da ipotetiche zone di guerra. Tutto ciò perché i Giovani Turchi vorrebbero far credere che la sparizione di due milioni di persone sia dovuta al caso.
Vengono creati speciali battaglioni irregolari, detti tchété, in cui militano molti detenuti comuni appositamente liberati; essi hanno addirittura autorità sui governi ed i prefetti locali e quindi godono di un potere pressoché assoluto.
L'eliminazione sistematica prende l'avvio nel 1915, quando i battaglioni regolari Armeni vengono disarmati, riuniti in gruppi di lavoro ed eliminati di nascosto.
Viene messa in atto una rete segreta di comunicazione che, avvalendosi di un codice segreto, praticamente sarà articolata come segue: per impartire l'ordine di sterminio ad ogni comando della gendarmeria si manderà un messaggio ufficiale in cui si dirà di proteggere gli Armeni (la scusa ufficiale sarà infatti quella del trasferimento per motivi bellici) e contemporaneamente un messaggio cifrato che invece ne disporrà la carneficina (unitamente all'ordine di distruggere questo secondo messaggio in modo che non ne rimanga traccia).
I Turchi non uccidevano subito gli artigiani, gli architetti, gli ingegneri o quelli che avevano posti di responsabilità. Li utilizzavano e li eliminavano dopo averli sfruttati.
"La ferrovia in costruzione della Berlino-Baghdad serviva non solo al trasferimento rapido, ma anche all'annientamento: i giovani Armeni di leva, disarmati, erano destinati ai lavori forzati lungo la strada ferrata.

I consiglieri erano ufficiali tedeschi, mentre medici turchi spostavano gli ammalati da un lager all'altro per diffondere epidemie e distribuivano veleno al posto di medicine.
Telegrafisti turchi annunciavano l'orario delle partenze dei gruppi (a piedi, verso il deserto) e il numero dei deportati, indi attendevano dal posto telegrafico seguente conferma dell'arrivo, lontano chilometri, a oriente. Se il numero dei sopravvissuti era ancora elevato si dava ordine alle colonne di tornare indietro sulla stessa pista. Grazie al telegrafo la direzione delle operazioni a Instanbul era tenuta costantemente al corrente della situazione.
Si faceva in modo che le piste passassero






vicino alle "acque salate" del deserto e si permetteva ai deportati di bere. Bere veleno" (PK18).
Lungo il cammino, i prigionieri, lasciati senza cibo, acqua e scorta, muoiono a migliaia. Per i pochi sopravvissuti la sorte non sarà migliore: periranno di stenti nel deserto bruciati vivi rinchiusi in caverne.
"Alle volte qualche solerte burocrate ottomano prendeva decisioni più ferme. Convogliati a bastonate sull'orlo delle foibe, i deportati venivano gettati dentro e si appiccava poi il fuoco sopra le aperture di ingresso. Vecchi, donne e bambini morivano per asfissia sotto lo sguardo inerte dei consiglieri tedeschi, che annotavano tutto per poi inviare in patria dettagliati resoconti, che venivano archiviati con cura" (PK18).
A queste atrocità scamperanno solo gli Armeni di Costantinopoli, vicini alle ambasciate europee, quelli di Smirne, protetti dal generale tedesco Liman Von Sanders, gli Armeni del Libano e quelli palestinesi.

Il consuntivo numerico di questo piano criminale risulta alla fine:
· da 1.000.000 a 1.500.000 di Armeni vengono eliminati nelle manieri più atroci. In pratica i due terzi della popolazione armena residente nell'Impero Ottomano è stata soppressa e, regioni per millenni abitate da Armeni, non ne vedranno più nemmeno uno.
· circa 100.000 bambini vengono prelevati da famiglie turche o curde (questi ultimi, per certi versi, i più "fortunati") e da esse allevati smarrendo così tutti la propria lingua e, tranne coloro che capitarono in famiglie di curdi cristiani, la propria fede.
· tutti gli Armeni scampati al massacro non sono più di 600.000.
Su tutte valga la testimonianza del Console italiano Giovanni Gorrini che così scrisse: "Dal 24 giugno non ho più dormito ne mangiato. Ero preso da crisi di nervi e da nausea al tormento di dover assistere all'esecuzione in massa di quelle innocenti ed inermi persone. Le crudeli cacce all'uomo, le centinaia di cadaveri sulle strade, le donne ed i bambini caricati a bordo delle navi e poi fatti annegare, le deportazioni nel deserto: questi sono i ricordi che mi tormentano l'anima e quasi fanno perdere la ragione."





Le tappe dello Sterminio sono:

1) Eliminazione del cervello della nazione. Il 24 Aprile 1915 vengono arrestati gli esponenti dell'élite culturale armena.
Tra questi c'è anche Krikor Zohrab, deputato del parlamento, che pensava di essere amico di Talaat.
Questi intellettuali saranno deportati all'interno dell'Anatolia e massacrati. Ci vorranno cinquant'anni per ricostruire una classe pensante.

2) Eliminazione della forza. Gli Armeni dai 18 ai 60 anni vengono chiamati alle armi a causa della guerra in atto. Questi, da bravi cittadini, si arruolano.
Un decreto stabilisce il disarmo di tutti i militari armeni, che vengono costituiti in battaglioni del genio.
A gruppi di 100 verranno isolati e massacrati. Di 350.000 soldati armeni nessuno si salverà.

3) E' il turno di donne vecchi e bambini. I medici Nazim e Behaeddin Chackir sguinzagliano la loro organizzazione segreta.
Nei luoghi vicino al mare si procede all'annegamento noyades.
Lo sterminio diretto viene applicato anche nelle zone in cui incombeva l'avanzata russa per il timore che alcuni si potessero salvare.

Deportazioni (tehcir ve taktil = deportazione e massacro) - In primo luogo vengono eliminati i pochi uomini validi rimasti.
Il capo della gendarmeria locale dà ordine ai maschi armeni di presentarsi al Comune, appena arrivati vengono imprigionati ed eliminati fuori dal villaggio.
Si incomincia la deportazione con la scusa dello spostamento da zona di operazioni belliche; il console tedesco di Erzurum, Scheubner-Richter non esclude che i deportati venivano uccisi durante la marcia (Es ist nicht ausgeschlossen dass sie unterwegs ermordet werden = Non si nega che sono assassinati strada facendo).
L'editto di trasferimento dovrebbe essere comunicato con cinque giorni d'anticipo, ma si dà molto meno tempo per non offrire la possibilità di






prepararsi.
Fuori dal villaggio intanto aspettano curdi e turchi per impadronirsi della abitazioni. Con una legge del 10.6.1915 e altre che seguono, i beni della persone deportate vengono dichiarati "beni abbandonati" ("emvali metruke") quindi soggetti a confisca e riallocazione.
Allontanatisi i convogli, questi sono privati dei carri (bisogna camminare) si possono così facilmente eliminare le persone per fatica, senza dover usare proiettili.
Le donne hanno una possibilità di salvezza, o convertendosi all'Islam o sposando un turco ed affidando i propri figli allo Stato.
Durante il viaggio questi convogli vengono attaccati e depredati, anche con l'aiuto dei militari di scorta, come afferma il colonnello Stang. "Unter Duldung der militärischen Begleitung, sogar mit deren Mithife", "mit Hilfe von Amgehörigen des Heeres" Il bottino viene spartito tra Stato ed esecutori materiali.
Dopo lunghe marce, durante le quali gli attacchi dei tchété (30.000 assassini fatti uscire di galera ed incorporati nell'organizzazione segreta) e dei curdi Hamidiés, la fame, la sete e gli stenti decimano i convogli, si giunge ai campi di sterminio della Siria che non presentano reticolati: c'è il deserto.
Nel luglio del 1916 Talaat dà l'ordine di eliminare i superstiti. Questi vengono costipati in caverne e cosparsi di petrolio, poi viene dato loro fuoco.
In tutta l'Armenia si può assistere al macabro spettacolo di corpi straziati e lasciati insepolti. In un rapporto del 1917 il medico militare tedesco, Stoffels, rivolgendosi al console austriaco dice di aver visto, nel 1915 durante il suo viaggio verso Mosul, un gran numero di località, precedentemente armene, nelle cui chiese e case giacevano corpi di donne e bambini bruciati e decomposti ("in einer grossen Anzahl früher armenischer Ortschaften in Kirchen und Häusern verkohlte und verweste Frauen-und Kinderleichen gesehen habe").
I corpi delle vittime non troveranno mai cristiana sepoltura.




Testimonianze

"E' dovere di noi tutti effettuare nelle sue linee più ampie la realizzazione del nobile progetto di cancellare l'esistenza degli Armeni che per secoli hanno costituito una barriera al progresso e alla civiltà dell'Impero… Siamo criticati e richiamati ad essere pietosi; questa semplificazione è una sorta di ingenuità. Per coloro che non cooperano con noi troveremo un posto che stringerà la fibra dei loro cuori delicati". (Ministro dell'Interno Talaat, 18 Nov 1915).
"Il luogo di esilio di questa gente sediziosa è l'annientamento". (Ministro dell'Interno Talaat, 1 Dic 1915).
"Dopo aver fatto inchieste, è risultato che solo il 10 per cento degli Armeni soggetti a deportazione generale ha raggiunto i luoghi a loro destinati; il resto è morto di cause naturali, come fame e malattie. Vi informiamo che stiamo lavorando per avere lo stesso risultato riguardo a quelli ancora vivi, usando severe misure". (Abdullahad Nouri, 10 Gen 1916).
"Il numero settimanale dei morti durante gli ultimi giorni non era soddisfacente". (Abdullahad Nouri Bey, 20 Gen 1916.)
"…Senza ascoltare nessuna delle loro ragioni, rimuoverli immediatamente, donne, bambini, chiunque essi siano, anche se sono incapaci di muoversi; e non lasciate che la gente li protegga, perché con la loro ignoranza mettono al primo posto guadagni materiali piuttosto che sentimenti patriottici e non riescono ad apprezzare la grande politica del governo. Perché, invece di misure indirette di sterminio usate in altri luoghi, come severità, furia (per portare avanti le deportazioni), difficoltà di viaggio, miseria, possono essere usate misure più dirette da voi, perciò lavorate con entusiasmo..." (Ministro dell'Interno Talaat, 9 Mar 1915).
"…La Jemiet (Assemblea) ha deciso di salvare la madrepatria dalle ambizioni di questa razza maledetta e di prendersi carico sulle proprie spalle patriottiche della macchia che oscura la storia ottomana. La Jemiet, incapace di dimenticare tutti i colpi e le vecchie amarezze, ha deciso di annientare tutti gli Armeni viventi in Turchia, senza lasciarne vivo nemmeno uno e a questo riguardo è stato dato al governo ampia libertà d'azione…"
(Comitato Unione e Progresso, 25 Mar 1915)
"Non è un segreto che il piano previsto consisteva nel distruggere la razza armena in quanto razza". (Leslee Davis, Console USA, 24 Lug 1915)
"Non vi è alcun dubbio che questo crimine sia stato pianificato ed eseguito per ragioni politiche". (Sir Winston Churchill)
"Credo che la storia della razza umana non comprenda un episodio terrificante come questo. Il grande massacro e le persecuzioni del passato sembrano insignificanti se comparate a quella della razza armena nel 1915". (Henry Morghentau, Amb.USA in Turchia)
"Il governo turco si è reso colpevole di un massacro la cui atrocità eguaglia e supera qualsiasi altro che la storia abbia mai registrato". (George Cleménceau, Primo Ministro di Francia)
"…Gli Armeni furono sospettati e sorvegliati dovunque, essi subirono una vera strage, peggiore del massacro. …Fu una strage e carneficina d'innocenti, cosa inaudita, una pagina nera, con la violazione fragrante dei più sacrosanti diritti di umanità, di cristianità e di nazionalità… La questione armena non è morta.
Anzi, essa risorge e si mantiene viva, perché la






giustizia internazionale, anche se tardi, ho fede che finirà per imporsi. Spero che l'auspicato avvenimento, o presto o tardi, si realizzerà; e lo auguro di gran cuore; come spero e auguro che a ciò possa contribuire principalmente l'Italia" (Giacomo Gorrini, Console d'Italia in Trebisonda) .
"Il massacro degli Armeni è considerato come il primo genocidio del XX secolo" (Sottocommissione Diritti Umani dell'ONU, 1973)
Durante la Prima Guerra Mondiale i massacri perpetrati dalla Turchia costituiscono crimini riconosciuti dall'ONU come genocidio. La Turchia è obbligata a riconoscere tale genocidio e le sue conseguenze". (Parlamento Europeo, 1987)

Armin. T Wegner è stato testimone oculare dello sterminio del popolo armeno iniziato a Istanbul il 24 aprile 1915 con una retata che lasciò la nazione armena priva di una guida spirituale, culturale e politica.
"E' a nome della Nazione Armena che io mi appello a voi, come uno dei pochi europei che sia stato testimone oculare, fin dal suo inizio, dell'atroce distruzione del Popolo Armeno nei fertili campi dell'Anatolia, oso rivendicare il diritto di farvi il quadro delle scene di sofferenza e di terrore che si sono snodate davanti ai miei occhi per circa due anni, che non si potranno mai cancellare dalla mia memoria." (Armin T. Wegner)
"... io non accuso il popolo semplice di questo paese il cui animo è profondamente onesto, ma io credo che la casta di dominatori che lo guida non sarà mai capace, nel corso della storia, di renderlo felice, perché essa ha distrutto totalmente la nostra fiducia nelle loro capacità di incivilire ed ha tolto alla Turchia, per sempre, il diritto all'auto-governo".(Armin T. Wegner)


In occasione dell' 85° anniversario del genocidio armeno…
"…Tristissime furono invece le sorti della parte d'Armenia rimasta all'Impero Ottomano (Province di Erzurum, Bitlis, Van, Sivas, Mamuret -ora Elaziz- e di Diyarbakir). Dopo aver invano sperato indipendenza e libertà civili dall'interna evoluzione della Turchia… il sultano 'Abdul-Hamid ed i suoi fautori opposero il terrore organizzato in grande stile ad opera di irregolari curdi sobillati dal Governo.
Nell'Agosto-Settembre 1894 si ebbe il primo massacro di Armeni, cui tenne dietro la vera e propria strage del 1895-96.
L'Europa inorridì, ma la mancata unione tra diplomazia inglese (misure coercitive verso la Turchia) e quella russa (diffidenza verso un'Armenia autonoma) permise la prosecuzione della carneficina…
La situazione si aggravò per l'inserirsi del nazionalismo dei Giovani Turchi: si ebbero così il massacro di Adanà del 1909 e, durante la prima guerra mondiale…, lo sterminio in massa del popolo armeno… La questione armena è stata così risolta distruggendo gli Armeni in quanto tali.
L'attuale repubblica di Turchia disconosce anche il nome di Armenia, ha turchizzato le regioni orientali e eguagliato nominalmente i superstiti agli altri cittadini, cercando ad un tempo di eliminarli dalla vita dello Stato". (Dizionario Enciclopedico Italiano TRECCANI - voce "Armenia").









Il riconoscimento del Genocidio
da parte della comunità internazionale





Il genocidio armeno è stato riconosciuto come realtà storica di cui la Turchia dovrà farsi carico in diverse sedi.

L'ONU, anche se in sordina, ha riconosciuto il genocidio il 29 Agosto del 1985, mentre il Parlamento Europeo si è pronunciato in proposito il 18 Giugno 1997.

Tra le prime nazione attivatesi in questo senso vi sono l'Uruguay ed alcuni stati degli USA (Massacjusetts, California, New Jersey, New York, Wisconsin, Pennsylvania, RhodeIsland, Virginia ed Illinois in ordine di tempo a partire dal 1978 al 1995), mentre né il Governo federale statunitense né il Consiglio di Stato hanno preso iniziative simili.

Anche la Duma della Federazione Russa ha ufficialmente riconosciuto quanto accaduto agli Armeni.

A tutt'oggi il riconoscimento del genocidio da parte della comunità internazionale sembra ancora ben lontano dall'essere una realtà ed i timidi tentativi, quali quello dell'Assemblea Nazionale Francese, di dare dignità storica ai fatti avvenuti in quegli anni sono stati tutti immediatamente insabbiati dalle inconsulte reazioni turche e dal vergognoso silenzio-assenso delle grandi potenze, primi fra tutti gli USA, che hanno sempre dato maggiore importanza ai propri interessi politici ed economici, piuttosto che alla giustizia ed al rispetto di quei principi morali ai quali spesso loro stessi fanno appello e di cui si sentono custodi.

7 Novembre 2000: Il Parlamento Europeo riconosce ufficialmente il Genocidio. In una seduta del Parlamento europeo è stato ufficializzato un documento che riconosce ufficialmente i fatti del 1915. Il documento ha una grande valenza storico-politica sia perché rende giustizia al popolo armeno sia perché pone chiaramente alla Turchia la questione in funzione della sua candidatura per l'ingresso nella Comunità Europea.




8 Novembre 2000 : Il Senato francese riconosce ufficialmente il Genocidio. Anche il Senato Francese nella seduta del 8 Novembre 2000 ha riconosciuto il Genocidio armeno con un unico articolo che recita "La Francia riconosce pubblicamente il genocidio armeno del 1915". Il Testo è stato approvata con 164 voti a favore e 40 contro.
9 Novembre 2000: Il Papa riconosce il genocidio. Il Patriarca degli Armeni, Katholicos Karekin II, è stato ricevuto in Vaticano dal Papa Giovanni Paolo II ed insieme hanno pregato in una suggestiva cerimonia svoltasi nella basilica di San Pietro. Il Papa ha inoltre ricordato le persecuzioni subite dagli Armeni a causa della propria fede cristiana, mentre in un comunicato congiunto con l'armeno Katholicos ha denunciato il genocidio compiuto dai Turchi, dichiarando che "il genocidio degli Armeni, che ha dato inizio al secolo, è stato il prologo agli orrori che sarebbero seguiti".
17 Novembre 2000: La camera dei deputati italiana ammette il genocidio. La camera dei deputati italiana ha finalmente discusso ed approvato, dopo anni di lunghe insistenze, un documento presentato già nel '98 dall'onorevole G. Pagliarini (Lega Nord) e sottoscritta da 165 deputati di vari partiti che chiede formalmente alla Turchia di riconoscere il genocidio degli Armeni e di ristabilire relazioni diplomatiche e commerciali con la Repubblica armena abolendo l'embargo attuato contro di essa. La risoluzione è stata sottoscritta da parlamentari e capigruppi di tutte le aree politiche. Anche in questo caso il governo turco ha reagito in malo modo minacciando addirittura la possibilità di riconsiderare la sua richiesta di ingresso nell'unione europea e definendo la mozione approvata "infelice" ed il comportamento del Parlamento Italiano "poco serio"[!!!].
[Il Governo italiano accetta un simile insulto?]






Riconoscimenti del Genocidio nel mondo





Dichiarazione Congiunta dei Governi Alleati (1915)

Senato degli Stati Uniti d'America (1916, 1920)

Tribunale Militare di Turchia (1919)

Trattato di Sevres (1920)

Corte Criminale, Berlino (1921)

Commissione per i Crimini di Guerra dell'ONU (1948)

Camera dei Rappresentati dell'Uruguay (1965)

Senato dell'Uruguay (1965)

Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti d'America (1975, 1984, 1996)

Assemblea Mondiale del Consiglio delle Chiese (1979, 1983, 1989, 1995)

Assemblea Nazionale del Quebec, Canada (1980, 1993, 1995)

Parlamento d'Ontario, Canada (1980)

Corte di Giustizia, Ginevra (1981)

Parlamento di Cipro (1982, 1983, 1990, 1995)

Tribunale Permanente dei Popoli, Parigi (1984)

Sottocommissione per i Diritti dell'Uomo dell'ONU (1985, 1986)

Parlamento Europeo (1987, 2000)

Parlamento d'Argentina (1993)

Senato d'Argentina (1993)

Corte di Giustizia, Parigi (1995)

Duma della Federazione Russa (1995)

Parlamento di Bulgaria (1995)

Parlamento di Grecia (1996)

Camera dei Comuni di Canada (1996)




Parlamento di Libano (1997, 2000) Parlamento di New South Wales, Australia (1997)
Lega dei Diritti dell'Uomo, Parigi (1998)
Senato del Belgio (1998)
Assemblea Nazionale di Francia (1998, 2000)
Consiglio dell'Assemblea Parlamentare Europea (1998, 2001)
Parlamento di Svezia (2000)
Senato di Francia (2000)
Vaticano (2000, 2001)
Il Consiglio Comunale di Roma riconosce il Genocidio Armeno
Il Parlamento Italiano riconosce il genocidio del 1915
Camera dei Deputati 17.11.2000
Legge Francese (2001)
Senato Canadese (2002)
Parlamento Europeo (2002)
Senato Argentino (2003)
Consiglio Nazionale della Svizzera (2003)
14 Stati degli Stati Uniti d'America
18 Consigli Comunali della Francia
39 Consigli Comunali Italiani

E la Turchia quando riconoscerà il suo vergognoso genocidio???
Quando chiederà perdono a Dio, agli Armeni ed all'umanità???






Riconoscimenti del Genocidio
dai Comuni d'Italia




Camponogara 05.06.1997 unanimità

Bagnacavallo 17.07.1997 unanimità

Russi 08.09.1997 unanimità

Fusignano 29.09.1997 unanimità

Montorso Vicentino 30.09.1997 unanimità

Monteforte d’Alpone 27.10.1997 unanimità

Padova 27.10.1997 unanimità

S.Agata sul Santerno 28.10.1997 unanimità

Sanguinetto 29.10.1997 unanimità

Conselice 15.11.1997 unanimità

Cotignola 17.11.1997 unanimità

Asiago 20.11.1997 unanimità

Lugo 20.11.1997 unanimità

S.Stino di Livenza 22.11.1997 unanimità

Milano 24.11.1997 unanimità

Ponte di Piave 26.11.1997 unanimità

Villafranca Padovana 27.11.1997 unanimità

Solarolo 28.11.1997 unanimità

Parma 22.12.1997 unanimità

Faenza 04.02.1998 unanimità

Imola 23.03.1998 unanimità




Venezia 30.03.1998 unanimità
Feltre 11.05.1998 unanimità
Ravenna 19.05.1998 unanimità
ANCI 17.06.1998 unanimità
Firenze 06.07.1998 unanimità
Castelsilano 14.09.1998 unanimità
Thiene 24.09.1998 unanimità
Genova 2.10.1998 unanimità
Com. Montana Feltrina 28.04.1999 unanimità
Massa Lombarda 28.09.1999 unanimità
Roma 06.03.2000 unanimità
Belluno 27.03.2000 unanimità
Salgareda 17.04.2000 unanimità
Sesto S.Giovanni 19.05.2000 unanimità
Mira 05.12.2000 unanimità
Udine 26.02.2001 unanimità
Bertiolo 24.04.2001 unanimità
XX Municipio di Roma 06.06.2001 unanimità
Provincia di Roma 16.06.2001 unanimità
Bergamo 22.10.2001 unanimità
Mogliano Veneto 13.05.2003 unanimità









Breve bibliografia





· Un utile testo di riferimento per approfondire la vicenda armena, ma anche molti altri genocidi del XX secolo, è costituito dal testo di Yves Ternon "Lo Stato Criminale".

· Un altro testo molto sintetico ma altrettanto significativo è "Breve Storia del Genocidio Armeno" di Claude Mutafian e Metz Yeghérn ed. Guerini ed Associati che ripercorre tutte le fasi del genocidio in modo preciso ed essenziale.

· Un testo fondamentale è "I quaranta giorni del Mussa Dagh" scritto nel 1933 da F. Werfel ed edito da Mondadori. A questo testo si deve in pratica la memoria che in Italia si ha del genocidio.

· Un secondo romanzo molto toccante e significativo scritto da V. Katcha è "Il pugnale nel




giardino. La saga degli Armeni" edito da Sonzogno nel 1982.
· Il testo HAYASTAN, Diario di un viaggio in Armenia scritto da Alice Tachdjian Polgrossi è un reportage che parla degli Armeni e della loro repubblica. Edizioni del Girasole.
· Per alcune notizie sulla storia degli Armeni gregoriani è utile il testo "Le minoranze religiose in Italia" di Silvio Ferrari e Giovan Battista Varnier, edizioni San Paolo.
· Tutti i volumi di P. Kuciukian come Le terre di Nairì. Viaggi in Armenia editi da Guerini.
· Viaggio tra i cristiani d'Oriente. Comunità armene in Siria e in Iran, di Pietro Kuciukian, Ed. Guerini e Associati, Milano 1996, pag. 94.




http://holywar.org/indextradiz.html

riporto questo articolo

per dimostrare tutte le menzogne che si dicono riguaro al tribunale dell'inquisizione





SANTI SOPPRESSI DALLA MAFIA RAZZISTA EBRAICA














SAN SIMONINO DA TRENTO

BEATO ANDREA DA RINN

BEATO LORENZINO DA MAROSTICA

SAN DOMENICO DEL VAL

SAN CRISTOFORO



L’OMICIDIO RITUALE EBRAICO
Nel lontano 1893, la prestigiosa rivista dei gesuiti La Civiltà Cattolica, pubblicò una serie di articoli sulla morale giudaica a cura del Padre Oreglia s.j.. Nel primo di essi, questi affermava: «NOI NON SCRIVIAMO NELL’INTENTO DI ACCENDERE [...] L’ANTI-SEMITISMO, ma di dare piuttosto agli italiani l’allarme, perché si mettano sulle difese contro chi ne osteggia la fede, ne corrompe il costume e ne succhia il sangue, al fine di ammiserirli, dominarli e renderli schiavi» (1). Già Dante Alighieri aveva cantato: «[...] uomini siate, e non pecore matte, sì che ‘l giudeo di voi tra voi non rida!» (2). Anche per me che scrivo su questo scottante argomento (dell’omicidio rituale) il fine non è certo quello di fomentare l’antisemitismo (condannato dalla Chiesa e quindi anche da me) ma solo quello di fare un po’ di luce su un tema tanto misterioso. «Proclamata la libertà dei culti, e concessa anche ai giudei la cittadinanza, questi seppero avvantaggiarsene per tal forma, che di nostri eguali, divennero ben tosto padroni. Infatti, chi oggi dirige la politica è LA BORSA, e questa è in mano ai giudei; chi governa è LA MASSONERIA, e anche questa è diretta dai giudei; chi volge e rivolge a suo senno l’opinione pubblica, è LA STAMPA, e questa è altresì in gran parte ispirata e sussidiata dai giudei» (3). «Ecco ci dirà taluno, la ragione dell’antipatia che a tutti ispirano i giudei [...]. Sì, questa è una delle cagioni - continua La Civiltà Cattolica - ma non è l’unica, né la principale. Avvenne un’altra più occulta, più misteriosa, e che in sé comprende tutte le altre [...]. LA CAGIONE cui alludiamo È UN ODIO CONTRO IL CRISTIANESIMO, IMPOSTO AI GIUDEI PER LEGGE, odio che giunge fino a giustificare a nostro danno ogni sorta di delitti» (4).
LA MORALE GIUDAICA È LA CAUSA PRINCIPALE DELL'ODIO DEI GIUDEI CONTRO I NON - GIUDEI


«La prima e principale cagione dell’avversione dei giudei contro i non giudei, e massime contro i cristiani, si ha da rintracciare, cosa incredibile a dire, nella loro stessa morale e religione; la quale NON È PIÙ LA MOSAICA, MA Sì LA TALMUDICA O RABBINICA, foggiata a capriccio dagli scribi e farisei, bugiardi interpreti della legge».(5) Vediamo allora che cosa dice il Talmud sui cristiani: «IL CRISTIANO è omicida, immondo, sterco, dato alla bestialità; il suo solo incontro contamina anzi NON È PROPRIAMENTE UOMO, MA BESTIA» (6). «Posto questo bel concetto che i giudei hanno di noi [...], sarà da stupire che essi facciano un dovere di cospirare perpetuamente contro di noi? Se ci reputano bestie in sembianza umana, e bestie da Dio destinate a servirli, è naturale che ci trattino, ove lo possano, da bestie» (7). Il precetto dell’amore del prossimo (comandato dalla legge naturale e da quella mosaica) non è - secondo il Talmud - un precetto universale, ma è ristretto ai soli giudei e ai loro amici. «Senonché Maimonide [...] trova modo di salvare capra e cavoli, dicendo «essere LECITO FAR DEL BENE ANCHE AI CRISTIANI, però QUANDO NE PUÒ VENIR VANTAGGIO AD ISRAELE, o quando questo può giovare alla sua tranquillità e a meglio celare l’inimicizia verso i cristiani» (8). Anche recentemente, in Israele, il rabbino Josef Ovadia si poneva la questione: «Se un ebreo può permettersi di infrangere il sabato per salvare la vita ad un gentile, ad un non-ebreo. In merito non ha avuto dubbi, in una conferenza ha sostenuto che un ebreo può contravvenire al sabato se può salvare la vita di un non ebreo. Anzi deve farlo, ANCHE SE LA LEGGE EBRAICA PRESCRIVE [...] CHE IL SABATO PUÒ VENIR VIOLATO SOLO PER SOCCORRERE UN ALTRO EBREO. Ovadia infatti sostiene che il mancato intervento di un ebreo nel salvare un non-ebreo il sabato, potrebbe ritorcersi contro la comunità ebraica, rinvigorendo le critiche contro il suo stile di vita. Pertanto, secondo Ovadia, IL SALVARE UN NON-EBREO, anche di sabato, INDIRETTAMENTE PUÒ ESSERE CONSIDERATO UN ATTO LECITO come quello compiuto da chi salva un correligionario in quel giorno santo» (9). Il Sanhedrin afferma che «UN GIUDEO deve reputarsi QUASI EGUALE A DIO! Tutto il mondo è suo, tutto deve a lui servire, specialmente LE BESTIE CHE HAN FORMA DI UOMINI, CIOÈ I CRISTIANI» (10). «Ora, mirate le conseguenze che scaturiscono da questi bei principi, -riprende La Civiltà Cattolica- tutti i nostri beni appartengono ai giudei, poiché essi solo sono uomini, e perciò hanno diritto di possedere quindi il Talmud [...] dichiara lecita ai giudei L’USURA verso i cristiani (11), la frode (12), il furto (13), e la rapina» (14). Ed ancora: «Considerate I CRISTIANI -dice il Talmud- come BESTIE E ANIMALI FEROCI E TRATTATELI PER TALI. Non fate né bene né male ai gentili, ma mettete tutto il vostro ingegno e il vostro zelo per distruggere i cristiani» (15). Maimonide, uno dei loro massimi dottori, insegna loro che «OGNI GIUDEO, IL QUALE NON UCCIDE UN NON GIUDEO, VIOLA UN PRECETTO NEGATIVO» (16). «IL GIUDEO CHE UCCIDE UN CRISTIANO OFFRE A DIO UN SACRIFICIO ACCETTO» (17). La Civiltà Cattolica conclude così: «Dunque delle due l’una: o essi (i giudei, ndr) mandano al diavolo il loro Talmud con tutti i suoi commenti, che sono un insulto al buon senso ed un oltraggio alla stessa legge naturale, ovvero si rassegnino ad essere in uggia ed in abbominio a tutte le altre nazioni, massime cristiane» (18). A tale riguardo, vedasi anche H. DESPORTES (19), e A. MONNIOT (20), ed anche L. FERRARO (21).
LA MORALE GIUDAICA E IL MISTERO DEL SANGUE
«Vi è un rito religioso del giudeo disperso, d’un carattere eccezionale, che esce, con un rilievo terribile, dalla categoria dei riti ordinari, e che ha acquistato nella storia una celebrità sinistra; vogliamo parlare dell’OMICIDIO RITUALE o del SACRIFICIO UMANO [...]. In ricordo di Cristo crocifisso, per dare al crimine del Calvario, fino alla fine dei tempi, con un memoriale orribile, una sorta di prolungamento indefinito, il giudeo ha santificato, ogni volta che lo ha potuto, ogni anniversario del Deicidio, mediante l’immolazione di un cristiano. TRATTARE DELLA QUESTIONE GIUDAICA E TACERE SULL’OMICIDIO RITUALE, SIGNIFICHEREBBE OMETTERE CIÒ CHE VI È DI PIÙ IMPORTANTE NEL PROBLEMA [...]. In nessun posto la luce della storia è più necessaria, poiché in nessun posto la menzogna ha fatto di più, per creare la notte» (22). Cerchiamo allora di far luce dove si è voluto far notte. «Da quattro capi noi dedurremo le nostre prove; dalle deposizioni giuridiche fatte innanzi ai tribunali da giudei convinti e confessi di omicidi e infanticidi commessi a scopo di religione; dalle rivelazioni di Rabbini convertiti alla nostra fede; da documenti storici e finalmente dalla testimonianza tradizionale» (23).
EBREI CONFESSI IN TRIBUNALE DI OMICIDIO RITUALE
La Civiltà Cattolica tra i molti processi fatti agli ebrei per assassinio rituale in Francia, Italia, Spagna, Inghilterra, Germania, Baviera, Ungheria, Lituania e Polonia, senza parlare poi dei Paesi orientali, ricorda soprattutto quelli di Trento (sec. XV) e quello di Damasco (sec. XIX). «Orbene - afferma la prestigiosa rivista dei gesuiti - se raffrontisi i due processi, nel primo dei quali sono otto e nel secondo sedici i rei convinti e confessi, oltre al buon numero di testimoni tutti giudei, vedrassi con maraviglia come, malgrado la distanza di quattro secoli che li divide, le confessioni e le testimonianze disposte in essi, quanto al rito e all’uso del sangue cristiano, si corrispondano a capello...
1) Dai due processi comparati insieme, risulta con evidenza che L’ASSASSINIO DI UN CRISTIANO non solamente è riputato lecito, ma È COMANDATO ai giudei DALLA LEGGE TALMUDICA-RABBINICA...
2) LO SCOPO DEL DETTO ASSASSINIO non è solamente far onta a Cristo e danno al cristianesimo, [...] ma SOPRATTUTTO ADEMPIERE UN DOVERE RELIGIOSO, qual'è celebrare degnamente le due feste del Purim e della Pasqua, facendo uso in esse di sangue cristiano...
3) Nelle feste del Purim, per avviso dei rabbini, [...] si può far uso del sangue di qualsivoglia cristiano, ma per le feste di Pasqua vuol essere il sangue di un fanciullo cristiano che non abbia oltrepassato i sette anni di età...
4) Le azzimelle, giudaicamente ammanierate con quel saporetto di sangue cristiano, regalansi nelle feste del Purim ai non-giudei, massime a quei cristiani che fossero (così per modo di dire) conoscenti ed amici; ma nelle feste pasquali mangiansi per ben sette giorni dai soli giudei.
5) Questo è IL SEGRETO DEL SOLO PADRE DI FAMIGLIA, cui spetta introdurre nella pasta degli azzimi, all’insaputa della moglie e dei figlioli, un po’ di sangue cristiano fresco o coagulato e ridotto in polvere.
6) Egli deve altresì nella cena pasquale versare qualche goccia di sangue nel vino che mesce alla famiglia e benedirne anche la mensa!
7) Il sangue è migliore e il sacrificio del fanciullo è più accetto a Dio [...], quando si fa nei giorni prossimi alla Pasqua.
8) PERCHÉ IL SANGUE DI UN BAMBINO cristiano sia acconcio al rito e PROFICUO ALLA SALUTE DELL’ANIMA GIUDAICA, CONVIENE CHE IL BIMBO MUOIA TRA I TORMENTI [...].
9) L’USO RITUALE E IL MISTERO DEL SANGUE sol si trova scritto NEI CODICI orientali, mentre negli OCCIDENTALI VENNE SOPPRESSO per tema dei governi cristiani e SOSTITUITO DALLA PRATICA E TRADIZIONE ORALE» (24). Queste sono le conclusioni tratte dalle confessioni dei rabbini e degli altri ebrei esaminati nei due processi di Trento e di Damasco. Chi volesse accertarsene può leggere per esteso il resoconto dei processi di Trento e di Damasco pubblicati dal La Civiltà Cattolica, serie II , voll. VIII-IX-X, nella Cronaca sotto la rubrica Roma (1881-1882). Per il processo di Damasco, si veda anche: ACHILLE LAURENT, Relation historique des affaires de Syrie, depuis 1840 jusqu'en 1842. Ormai quasi introvabile. Ed anche: ACELDAMA, Processo celebre contro gli ebrei di Damasco, Premiato stab. Tipografico G. Dessì, Cagliari-Sassari, 1896.

LE RIVELAZIONI DEI RABBINI CONVERTITI AL CATTOLICESIMO
Si trova conferma delle conclusioni tratte dalle confessioni rese durante i processi anche nelle rivelazioni fatte dai rabbini convertiti alla nostra fede. La Civiltà Cattolica cita soprattutto l’autorità di tre rabbini convertitisi: Paolo Medici, Giovanni da Feltre e Teofilo, monaco moldavo. «Paolo Medici nella sua opera intitolata RITI E COSTUMI DEGLI EBREI (25), confermò le frequenti uccisioni di fanciulli cristiani; Giovanni da Feltre dichiarò solennemente innanzi al podestà di Milano l’uso che i giudei facevano del sangue cristiano (26); e Teofilo ne spiega il mistero nelle sue rivelazioni scritte in lingua moldava e rese di pubblica ragione nel 1803, poscia ridotte in greco e pubblicate nel 1834 a Napoli di Romania da Giovanni de Giorgio, e finalmente tradotte in italiano dal Prof. N.F.S. e pubblicate a Prato nel 1883 sotto il seguente titolo: IL SANGUE CRISTIANO NEI RITI EBRAICI DELLA MODERNA SINAGOGA [...] L’ex rabbino moldavo, [...] confessa il rito sanguinario e l’uso che egli stesso, prima della sua conversione, aveva fatto del sangue cristiano [...]. «Cotesto segreto del sangue, egli dice, non è conosciuto da tutti gli ebrei, ma dai soli Kakam (dottori) o rabbini, e dagli scribi e farisei, che perciò si chiamano conservatori del mistero del sangue» [...]; questi SOLO A VOCE LO COMUNICANO AI PADRI DI FAMIGLIA, i quali lo tramandano a quel figliuolo che conoscono più capace del segreto, atterrendolo con orrende minacce dallo svelarlo altrui. E qui conta come a lui stesso lo rivelasse il padre suo: «Quando io pervenni all’età di 13 anni, mio padre presomi da parte, da solo a solo, dopo avermi istruito e sempre più inculcato l’odio contro i cristiani, come cosa da Dio comandata, fino ad ammazzarli e raccoglierne il sangue [...]. Figlio mio, mi disse, [...] ti ho fatto il più intimo mio confidente ed un altro me stesso; e messami una corona in capo, mi dié la spiegazione del mistero e soggiunse esser quello cosa sacrosanta, rivelata da Dio, e comandata agli ebrei; e che quindi io ero stato messo a parte del segreto più importante della religione ebraica». Seguono poscia gli scongiuri e le minacce, di maledizione a lui fatte, ove avesse violato il segreto, nonché il precetto di non comunicarlo neppure alla madre, né alla sorella, né ai fratelli né alla sua futura moglie, ma soltanto a quello dei suoi figliuoli che gli paresse più zelante, il più savio per custodire il segreto [...]. Gli ebrei, dice Teofilo, sono più contenti quando possono ammazzare i bambini perché sono innocenti e vergini, e quindi perfetta figura di Gesù Cristo; li ammazzano a Pasqua, acciocché possano meglio rappresentare la passione di Gesù Cristo» (27).
I MOTIVI DI CREDIBILITÀ DI TEOFILO MOLDAVO
«Sarebbe del tutto irragionevole non prestar fede alle rivelazioni dell’ex rabbino moldavo, in primo luogo perché chi le ha scritte è un testimone che conosce a menadito quanto ci rivela; infatti Teofilo fu lui stesso rabbino ed imparò fin da tredici anni tali misteri. Secondo, depone contro se stesso, avendo confessato di aver lui stesso fatto uso frequente di sangue cristiano. In terzo luogo, non ignorava che con tali rivelazioni si esponeva al rischio di venir ucciso e tuttavia volle farlo lo stesso per debito di coscienza e per carità verso i cristiani. In quarto luogo, perché le sue rivelazioni concordano quanto alla sostanza colle confessioni fatte ai giudici dai giudei nei succitati processi» (28).
LA STORIA
«Non ci troviamo d’innanzi ad uno od un altro scrittore, bensì davanti a tutto un popolo di storici, di analisti e di scrittori di tempo, di luogo e di nazione differenti; cotalché sarebbe cosa assurda il supporre che tutti si sieno insieme indettati a falsare i fatti a danno dei giudei [...]. Tali sono tra gli altri i Bollandisti, il Baronio, il Rhorbacker [...]» (29).
ELENCO CRONOLOGICO DEGLI ASSASSINII PIÙ CONOSCIUTI COMMESSI DAI GIUDEI
- Anno 1071. A Blois (30), un bambino crocefisso poi buttato nel fiume. Il Conte Teobaldo fa bruciare gli ebrei colpevoli. - 1114. A Norwich in Inghilterra (31), Guglielmo, fanciullo di dodici anni, è attirato in una casa ebrea, e colà crocifisso in mezzo a mille oltraggi il dì di Pasqua, e perché meglio rappresentasse Gesù Cristo sulla Croce, vennegli ferito al fianco. - 1160. A Glocester (32), gli ebrei crocifiggono un bambino. - 1179. A Parigi (33), il fanciullo Riccardo viene immolato nel Castello di Pontoise il Giovedì Santo; ed è onorato come Santo a Parigi. - 1181. A Parigi (34), San Rodberto, fanciullo, viene ucciso dagli ebrei verso le feste di Pasqua. - 1182. I giudei a Pontoise crocifiggono un giovanetto dodicenne, per cui vengono espulsi dalla Francia. A Saragozza (35), accade lo stesso a Domenico del Val. - 1236. Presso Hagenau (36), tre fanciulli di sette anni sono immolati dagli ebrei in odio a Gesù Cristo. - 1244. A Londra (37), un fanciullo cristiano viene martirizzato dagli ebrei; e si venera nella Chiesa di S. Paolo. - 1250. In Aragona (38), un fanciullo di sette anni viene crocefisso circa nel tempo della Pasqua ebraica. - 1255. A Lincoln (39), Ugo fanciullo rapito dagli ebrei viene nutrito fino al giorno del sacrifizio. Molti ebrei convengono da varie parti dell’Inghilterra, e lo crocifiggono, rinnovando in lui tutte le scene della Passione di N. S. come ci narrano Mathieu Paris e Capgrave. Weever ci fa sapere ancora che i giudei delle principali città d’Inghilterra rapivano fanciulli maschi per circonciderli, poscia in onta a Cristo coronavanli di spine, flagellavanli e crocifiggevanli (40). - 1257. A Londra (41), un fanciullo cristiano immolato da’ giudei. - 1260. A Wessemburg (42), un fanciullo ucciso dagli ebrei. - 1261. A Pfortzeim Bade (43), una bambina settenne strozzata poi dissanguata ed annegata. - 1283. A Magonza (44), un bambino venduto dalla sua balia agli ebrei e da questi UCCISO. - 1285. A Monaco (45), un fanciullo viene dissanguato. Il suo sangue serve di rimedio agli ebrei. Il popolo brucia la casa dove gli ebrei si erano rifugiati. - 1286. A Oberwesel sul Reno (46), Wernher quattordicenne martirizzato per tre giorni con ripetute incisioni. - 1287. A Berna (47), Rodolfo giovanetto ucciso nella Pasqua dagli ebrei. - 1292. A Colmar (48), un fanciullo ucciso come sopra. - 1293. A Crems (49), un fanciullo immolato dagli ebrei, due degli uccisori sono puniti, gli altri si salvano a forza d’oro. - 1294. A Berna (50), un altro fanciullo svenato dai giudei. - 1302. A Remken, lo stesso (51). - 1303. A Weissensee di Turingia (52), Corrado Scolaro, figliuolo di un soldato, dissanguato con incisioni alle vene. - 1345. A Monaco (53), il Beato Enrico crudelmente ucciso. - 1401. A Diessenhofen di Wurtemberg (54), un fanciullo di quattro anni comprato per tre fiorini e dissanguato dagli ebrei. Qui notisi che nel processo fattosi per cotesto assassinio, l’ebreo accusato confessò «che ogni sette anni tutti gli ebrei hanno bisogno di sangue cristiano. Un altro rivelò che il cristiano assassinato doveva essere minore di tredici anni. Un terzo disse che si servivano di quel sangue nella Pasqua; che ne facevano seccare una parte per ridurla in polvere; e che se ne servivano pei loro riti religiosi (55): È cosa notevole che le stesse confessioni e rivelazioni siano state fatte dagli ebrei a distanza di molti secoli ed in paesi lontanissimi: a Trento, in Moldavia, in Svizzera nei secoli XIV e XVIII; secondo che già si vide più sopra. - 1407. Quivi pure un altro fanciullo ucciso; donde una sommossa popolare e lo scacciamento degli ebrei (56). - 1410. In Turingia (57), sono cacciati gli ebrei per delitti contro fanciulli cristiani. - 1429. A Rovensbourg (58), Luigi Von Bruck, giovanetto cristiano, viene sacrificato dai giudei mentre li serviva a tavola tra la Pasqua e la Pentecoste: il suo corpo viene trovato ed onorato dai cristiani. - 1454. In Castiglia (59), un fanciullo è fatto a pezzi ed il suo cuore cotto per cibo. Per questo ed altri simili delitti gli ebrei vengono poi cacciati dalla Spagna nel 1459. - 1457. A Torino (60), un giudeo è colto nell’istante medesimo, in cui sta per iscannare un fanciullo. -1462. Presso Inspruk (61), il Beato fanciullo Andrea nato a Rinn, viene immolato il 9 luglio dagli ebrei che ne raccolgono il sangue. - 1475. A Trento, il celebre martirio del B. Simoncino, di cui esistono i processi originali; dai quali apparisce che gli ebrei di Trento, rei dell’assassinio rituale del B. Simoncino, ne rivelarono molte altre dozzine da loro e dai loro correligionari commessi allo stesso scopo rituale nel Tirolo, nella Lombardia, nel Veneto ed altrove in Italia, Germania, Polonia, ecc. ecc. - 1480. A Treviso (62), si commette un delitto simile al precedente di Trento. - 1480. Assassinio del B. Sebastiano da Porto Buffole nel Bergamasco. - 1480. A Motta di Venezia (63), un fanciullo viene immolato il Venerdì Santo. - 1486. A Ratisbona (64), sei fanciulli vittime degli ebrei. - 1490. A Guardia presso Toledo (65), un fanciullo crocefisso. - 1494. A Tyrman in Ungheria (66), un fanciullo rapito e dissanguato. - 1503. A Waltkirch in Alsazia (67), un fanciullo di quattro anni, venduto da suo padre agli ebrei per dieci fiorini, col patto che gli fosse restituito vivo dopo averne cavato sangue. Gli ebrei lo uccisero dissanguandolo. - 1505. A Budweys (68), fatto simile. - 1520. A Tyrnau ed a Biring (69), due fanciulli dissanguati. Perciò furono allora cacciati gli ebrei dall’Ungheria. - 1540. A Suppenfeld in Baviera (70), Michele di quattro anni torturato per tre giorni. - 1547. A Rave in Polonia (71), il figlio di un sarto sacrificato da due ebrei. - 1569. A Witow in Polonia (72), Giovanni di due anni venduto per due marchi all'ebreo Giacomo di Leizyka, è da lui crudelmente ucciso. Altri fatti simili accaduti a Bielko ed altrove. - 1574. A Punia in Lituania (73), Elisabetta di sette anni assassinata dall’ebreo Gioachino Smerlowiez il martedì prima della domenica delle Palme, il suo sangue vien raccolto in un vaso. - 1590. A Szydlow (74), un fanciullo scomparso, trovossone il cadavere dissanguato con incisioni e punture. - 1595. A Gostin (75), un fanciullo venduto agli ebrei per essere dissanguato. - 1597. Presso Sryalow (76), un fanciullo ucciso. Col suo sangue gli ebrei aspergono la nuova Sinagoga per consacrarla. - 1650. A Caaden (77), un fanciullo di cinque anni e mezzo chiamato Mattia Tillich vi è assassinato l’11 marzo. Questo storico annovera altri fatti simili accaduti a Steyermarck, Karnten, Crain, ecc. - 1655. A Tunguch in Germania (78), un fanciullo assassinato. - 1669. A Metz (79), un fanciullo di tre anni rubato dal giudeo Raffaele Levi, è crudelmente assassinato. Il suo cadavere fu trovato orribilmente mutilato. Il reo venne arso vivo per sentenza del Parlamento di Metz il 16 giugno 1670. - 1778. Di parecchi fanciulli uccisi dagli ebrei nel decimottavo secolo fa menzione il Journal historique et litteraire del 5 gennaio 1778 a pag. 88 e del 15 ottobre del medesimo anno, a pag. 258. - 1803. Possiamo a buona ragione porre qui in primo luogo questa data 1803, poiché in quest’anno uscì la prima volta alla luce il libretto di Teofito o Neofito. Esso vale storicamente più di molte altre autorità per dimostrare che gli ebrei sempre usarono, usano e debbono usare (se pure sono ebrei osservanti) il sangue cristiano nei loro riti. - 1810. Negli atti del Processo di Damasco (80), esiste una lettera di John Barcker ex-Console inglese in Aleppo dove si parla di una povera cristiana scomparsa da Aleppo. Tutti accusavano un ebreo, Raffaele d’Ancona, di averla scannata per raccoglierne il sangue. - 1827. A Varsavia (81), scompare un bambino cristiano nell’occasione della Pasqua ebrea. - 1831. A Pietroburgo (82), un fanciullo assassinato dagli ebrei per iscopo rituale. Così sentenziarono quattro giudici. - 1839. A Damasco (83), si scopre alla dogana una bottiglia di sangue portata da un ebreo, il quale offre diecimila piastre perché si sopisca la cosa. - 1840. A Damasco il celebre processo sopra l’assassinio del Padre Tommaso da Calangiano Cappuccino e del suo servo cristiano uccisi dagli ebrei per scopo rituale. Gli ebrei furono convinti e condannati, benché poi graziati per danari. Quegli ebrei assassini erano quasi tutti italiani e livornesi. Il processo originale è negli Archivi di Parigi, e venne poi stampato dal Laurent nel vol. II des Affaires de Syrie. - 1843. A Rodi, Corfù ed altrove (84) assassinio ebreo di bambini cristiani. - 1881. Ad Alessandria d’Egitto l’assassinio del giovane greco Fornarachi, di cui si occuparono tutti i giornali del 1881-1882. Il cadavere fu trovato dissanguato, tutto punzecchiato, e simile a statua di cera. - 1882. A Tisza Eszlar in Ungheria, una giovinetta di 14 anni è scannata nella Sinagoga dal sacrificatore ebreo. Più recentemente ancora nel 1891 fu trovato presso l'ebreo Buschoff in Xanten della Prussia Renana il cadavere del fanciullo cattolico Giovanni Hegmann senza una goccia di sangue. Il Buschoff venne processato, ma poi assolto, tant'è a dì nostri la potenza dell’oro ebraico! Abbiam letto gli atti di quel processo, tradotti dalla Verona fedele, e sfidiamo chiunque li leggerà a non vedervi per entro il fine prestabilito di salvare ad ogni patto il reo. È un processo che si può definire: Monumento eterno o d’insipienza giuridica o di corruzione giudaica»! (85).
OBIEZIONI ALLA TESI DELL’OMICIDIO RITUALE
Ci sono vari libri assai recenti che cercano di ridicolizzare e confutare l’accusa di omicidio rituale, liquidandola come leggenda o pura superstizione, come, ad esempio, J. MAIER - P. SCHAFER: Piccola Enciclopedia dell’Ebraismo, Marietti, Casale Monferrato 1985, alle voci: sangue, omicidio rituale, profanazione delle ostie. Anche nel Dizionario comparato delle religioni monoteiste: Ebraismo Cristianesimo, Islam, Piemme, Casale Monferrato 1991, alla voce sangue si legge: «Benché LA FAVOLA dell’assassinio rituale sia stata spesso confutata dalla Chiesa, essa è servita più volte come pretesto per pogrom e persecuzioni» (86). A noi risulta invece l’esatto contrario, come dalla decretale Etsi Judæos di Innocenzo III, con i suoi richiami a «pratiche nefande, contra fidem catholicam detestabilia et inaudita». Oltre al libro di PAUL JOHNSON, Storia degli Ebrei, Longanesi, Milano 1987 (87), ve n’è uno in particolare che tratta con una certa serietà ed in dettaglio il problema del sacrificio rituale riguardo al martirio di San Simonino di Trento, e che pone obiezioni all’apparenza più serie, non avendo la pretesa, come gli altri, di liquidare in due righe l’accusa, ridicolizzandola come se fosse una favola. Intendo parlare di A.ESPOSlTO-D. QUAGLIONI; I processi contro gli ebrei di Trento, Cedam, Padova 1990. Sul quale mi dovrò soffermare a lungo e al quale dovrò rispondere. «Occasione del processo - vi si trova scritto - fu la scomparsa, alla vigilia della Pasqua del 1475 [...] del fanciullo Simone, poi ritrovato cadavere, con numerosi segni di ferite, nel fossato che, partendo dalla pubblica via [...], attraversava lo scantinato della casa del maggior esponente della comunità ebraica, ov’era anche la sinagoga. A denunciare al podestà il ritrovamento del cadavere furono proprio gli ebrei che nonostante ciò ed in base alla pubblica voce che li voleva colpevoli del ratto e dell’assassinio furono rinchiusi in carcere. L’inquisitio fu avviata in un CLIMA FORTEMENTE VIZIATO DALLE DICERIE POPOLARI. L’omicidio rituale imputato agli ebrei trentini non era affatto qualcosa di eccezionale, ma rientrava nella prassi normale di una setta dedita a riti stregoneschi e satanici. Procedendo [...] soprattutto in forza delle confessioni degli inquisiti, TUTTE ESTORTE CON LA TORTURA (88) [...] il giudice decise la condanna degli ebrei di Trento [...]. Un mese dopo, il 23 luglio, allarmato da quanto accadeva a Trento, a causa di numerose proteste circa il rispetto della legalità [...] lo stesso papa Sisto IV nominò un commissario con l’incarico di riferire sui fatti e sul processo medesimo [...]. Il legato pontificio, Battista de’ Giudici, [...] giunto a Trento [...] si trovò di fronte sia al FANATISMO POPOLARE [...] sia all’ostilità del Vescovo e delle autorità civili [...]. Convintosi dell’innocenza degli ebrei e della colpevolezza di un facinoroso, troppo frettolosamente discolpato, [...] il commissario abbandonò Trento e fissò la sede del proprio tribunale a Rovereto, oppidum della diocesi tridentina appartenente però al più sicuro territorio della Repubblica Veneta [...]. Prima ancora di esporre le sue rimostranze sulla condotta del commissario, (il Vescovo di Trento, ndr) [...] aveva confidato al fidato Zovenzoni [...] di ritener che la cattiva salute del commissario, fosse un mero pretesto e che quegli si fosse stabilito in Rovereto a bella posta, essendo colà un podestà aperto fautore degli ebrei. Questi (il commissario Battista de’ Giudei, ndr) dal canto suo, cita a comparire davanti al proprio tribunale il podestà di Trento, mentre questi, con lo stesso Hinderbach (il vescovo di Trento) rispose dichiarando nulli i monitoria del commissario e ACCUSANDOLO DI CORRUZIONE E DI CONDOTTA CONTRARIA ALLE ISTRUZIONI DEL PONTEFICE [...]. Ogni successiva azione di Trento è [...] rivolta a ritorcere contro il commissario le accuse che questi, intanto, veniva formulando contro l’operato dei giudei tridentini [...] facendolo comparire come FACILE PREDA DEL DENARO DEGLI EBREI. Il commissario infatti [...] aveva inoltrato a Trento l’istanza dell’ebreo Jacob de Ripa, che è [...] detto [...] providum et diseretum virum [...]. Il podestà di Trento era chiamato a rispondere presso un tribunale [...] in Rovereto, e con lui il Vescovo (di Trento, ndr) ed il Capitolo. Il 12 di ottobre il segretario del Vescovo di Trento [...] protesta solennemente in Rovereto, [...] essere nullius valoris l’istanza prodotta da Jacob de Ripa, poiché il commissario ha taciuto essere l’istante un ebreo, e gli scelleratissimi et perfidi judei semper fuerunt atque sunt persecutores et insidiatores fidei et religionis Christianæ [...]. Di fronte alla palese discordanza tra le sentenze trentine e le risultanze dell’inchiesta del suo commissario, IL PONTEFICE (Sisto IV, ndr) DOVETTE NOMINARE UNA COMMISSIONE DI CARDINALI, incaricata di esaminare la questione [...]. Il Vescovo (di Trento, ndr) promosse a Roma un vero movimento di curia a proprio favore, entro il quale si distinse in modo particolare l’umanista Platina. IL COMMISSARIO apostolico CADDE ovviamente (non si riesce a capire perché, ndr) IN DISGRAZIA: allontanato [...] da Roma, prima a Benevento e poi in Linguadoca [...]. La commissione sistina aveva concluso i suoi lavori (nel 1478, ndr) [...] affermando la correttezza formale del procedimento che si sarebbe svolto rite et recte. Come si sa un secolo più tardi la Santa Sede autorizzò il culto locale di Simone (San Simonino), culto che ufficialmente fu abrogato dopo il Concilio Vaticano II nel 1965 (tornerò su questo punto alla fine dell’opuscolo, ndr) (89). Per quanto riguarda le decisioni della commissione cardinalizia si può aggiungere: «Il giudice rotale accoglieva in pieno le accuse della parte tridentina, principale delle quali l'essersi il commissario sostituito indebitamente al giudice naturale, istruendo un nuovo processo, laddove i suoi compiti avrebbero dovuto esaurirsi nell'osservare e nel riferire, con particolare riguardo all’accertamento del martirio e dei miracoli [...] Battista de’ Giudici era ritenuto colpevole di aver ecceduto nel mandato non osservandone le disposizioni basilari e [...], di aver agito scopertamente a favore degli ebrei [...]. L’operato del commissario era in tal modo [...] dichiarato nullius momenti [...] et multiplieiter irritum mentre il podestà di Trento era liberato dall’accusa di aver agito in violazione della legalità [...]. La Bolla pontificia fu emanata il 20 giugno 1478 [...] in essa [...] si affermava che i processi tridentini si erano svolti rite et recte, ossia nel rispetto della legalità» (90).
RISPOSTE
Secondo il libro in questione sostenere la tesi dell'omicidio rituale «NON È DA UOMINI SANI DI MENTE» (91). Le obiezioni contenute in questo libro vorrebbero dimostrare «il ridicolo e l’assurdo della leggenda dell’omicidio rituale» (92). «Ma, anche solo ad esaminare con occhio distaccato tali obiezioni, viene spontaneo rilevare come il Papa, che pur in un primo momento si era mostrato assai scettico sul modo di condurre il processo da parte del Vescovo di Trento, tanto da inviargli un suo delegato, il commissario de’ Giudici o.p. per esaminarne l’operato, abbia poi nominato una commissione cardinalizia per vedere da che parte stesse la verità, e come tale commissione cardinalizia abbia allontanato il legato romano ed abbia dato ragione al Vescovo di Trento. Ma vediamo ora di dare delle risposte più dettagliate alle varie obiezioni mosse alla tesi dell’omicidio rituale. Un’obiezione soggiacente al libro in questione è che LA PASSIONE RELIGIOSA, il fanatismo cattolico medievale è IL FLAGELLO DELLA STORIA. Essa infatti o acceca o corrompe lo storico che la scrive. La risposta è facile, le testimonianze di tutti gli storici del mondo non costituiscono più - se si accetta il principio di tale obiezione - un titolo valido e bisogna allora dubitare di tutto ciò che gli storici scrivono. Ma allora la certezza storica non sussiste più, non vi è più un solo fatto in tutta la storia umana che possa scappare al naufragio. Infatti «se la passione religiosa rovina la storia, anche le altre passioni la rovinano [...]. Ora non esiste uomo al mondo [...] che non sia colto da una o l’altra di queste tre grandi passioni, vale a dire: la passione politica, quella di scuola e quella religiosa [...]. Ma politica, scuola, religione è tutto il campo della storia [...]. Siete ben sicuri, per esempio, che la battaglia di Farsalo è stata vinta da Giulio Cesare o anche che è realmente esistita una battaglia di Farsalo? [...]. Chi può dirci che degli uomini passionali non si siano fabbricata una battaglia di Farsalo secondo la propria convenienza [...]. La morte di Giulio Cesare, ci diranno i nostri scettici, è una pura invenzione di Antonio e di Ottavio. Vi erano tali e tanti vantaggi per loro a raccontarcela in tale modo! Cesare invece è caduto colto da apoplessia ai piedi della statua di Pompeo [...]. La passione in realtà può ingannare un individuo [...] ma la passione non può ingannare tutti gli uomini, né fare che tutti gli uomini si ingannino su un fatto di ordine pubblico; poiché in un campo così vasto la passione degli uni incontra sempre la passione contradditoria degli altri [...]. È ciò che permette che vi sia una verità storica in questo mondo» (93). L’omicidio rituale si presenta inoltre sotto la copertura e la garanzia di poteri politici di ogni paese: Filippo Augusto e San Luigi IX in Francia, S. Enrico e Massimiliano in Germania, S. Ferdinando in Spagna, Enrico III in Inghilterra, Gregorio XIII e Sisto IV a Roma. è lecito allora mettere in dubbio la credibilità di tali uomini? Ecco una seconda obiezione che si trova nel libro di ESPOSITO-QUAGLIONI, di cui stiamo trattando. Rispondo dunque che innanzi tutto vi sono tre Santi tra questi uomini; ora noi cattolici siamo tenuti a credere alla probità di coloro che la Chiesa infallibilmente mette sugli altari come modello di virtù da imitare per andare in Cielo. Se costoro avessero mentito non sarebbero dei Santi ma dei Calunniatori, quindi dei peccatori e dei modelli di vizio, e sulla strada che conduce all’inferno (absit!). Se però il nostro lettore non avesse la fede, tale argomento non varrebbe e, perciò, scendo al livello di ragione naturale. Il problema dell’esistenza dell’omicidio rituale si fonda sull’AUTORITÀ (io credo che Giulio Cesare o Napoleone siano esistiti anche se non li ho mai visti perché vi è un’autorità che me lo dice, e se tale autorità ha la scienza e l’onestà, posso credere all’esistenza di questi personaggi in virtù di un’evidenza estrinseca che è l’autorità di chi me lo insegna). Ora vi sono autorità giuridiche e autorità scientifiche. Ma prima e più in alto di esse vi è per noi cattolici un’autorità divinamente assistita che è l’Autorità della Chiesa di Roma e del Papa (per chi non avesse la fede darò in seguito argomenti di ordine di ragione naturale).
L’AUTORITÀ DELLA CHIESA
Nessun cattolico può dubitare che ogni volta che interviene la Chiesa egli deve aderire alle sue sentenze senza esitare. Ora nel caso dell’omicidio rituale ci si porrà facilmente la seguente obiezione: è lo stupido oscurantismo del Medioevo che ha creato tali favole; i lumi dell'epoca moderna hanno definitivamente liquidato tali leggende dell’ignoranza e del fanatismo medievale. Ma noi rispondiamo che la Chiesa si è già espressa su questo problema (si veda, ad esempio la commissione cardinalizia eretta da Sisto IV); inoltre, essa ha beatificato le vittime degli omicidi rituali degli ebrei, proponendoli così al culto dei cattolici assieme agli atti del loro martirio. «A nessuno, anche profano in studi teologici, può sfuggire la somma prudenza che traspira da ogni norma dei processi di beatificazione. La Chiesa procede veramente, come si suol dire, con i piedi di piombo» (94). Vi è un Ufficio ed un culto pubblico di San Simone di Trento, martirizzato dagli ebrei. La Chiesa in questo caso è andata più in là che in tutti gli altri casi di beatificazioni ordinarie; per San Simonino ha fatto ciò che fa soltanto per i canonizzati (pur essendo Simonino solo un beato); lo ha infatti posto nel Martirologio Romano, al 24 marzo: «Nono Kalendas Aprilis Tridenti passio SANCTI SIMONI pueri, A JUDEIS SÆVISSIME TRUCIDATI, qui multis postea miraculis coruscavit». Benedetto XIV ha fatto un riassunto della storia del martirio del Beato di Trento (chiamato comunemente Santo, anche se non è stato ancora canonizzato ma soltanto beatificato) nella Bolla Beatus Andrea del 22 febbraio 1755, nella quale leggiamo: «L’anno 1483, [...] SIMONE di Trento, FU MESSO CRUDELMENTE A MORTE DAI GIUDEI, IN ODIO ALLA FEDE; di questo crimine atroce [...] i giudei misero in opera tutte le macchinazioni possibili, per sfuggire al castigo meritato [...]. Sisto IV non poté rifiutare di intervenire per far sospendere il culto pubblico, che si era già iniziato a dare al B. Simone. (Questa sospensione momentanea del culto pubblico non inficia la tesi dell’omicidio rituale; infatti questo culto pubblico era nato spontaneamente presso i fedeli di Trento. La procedura regolare non era ancora iniziata e la S. Sede non era ancora intervenuta ufficialmente. Intervenne poi sotto Sisto V, ed è soltanto a partire da allora, che la beatificazione di Simonino conta come giudizio ufficiale della S. Sede e da allora tutto è restato fuori discussione, fino al Concilio Vaticano II come vedremo oltre; ndr). FINO A CHE SI MISE BENE IN PIENA LUCE CHE ERA STATO UCCISO DAI GIUDEI, IN ODIO ALLA FEDE CRISTIANA [...]. Quando in seguito l'evidenza su questo fatto e le prove che la stabilivano furono prodotte, e fu ben dimostrata e la morte e il motivo per il quale fu inflitta, e fu constatato anche che gli assassini erano giudei, come risulta dal processo che si conserva attualmente negli archivi segreti a Castel Sant’Angelo [...]. II papa Sisto V deliberò nell'anno 1588 un breve di concessione per la celebrazione della Messa e la recita di un ufficio proprio in onore del B. Simone, nella città e in tutta la diocesi di Trento [...]. Tra ciò che Noi (Benedetto XIV, ndr) abbiamo concesso per il culto del Beato Andrea (martirizzato anche lui dai giudei, ndr) e ciò che i nostri predecessori hanno decretato per il culto del Beato Simone, vi è tuttavia questa differenza , che IL NOME DEL BEATO SIMONE È STATO ISCRITTO, DIETRO ORDINE DEL PAPA GREGORIO XIII, NEL MARTIROLOGIO ROMANO...». Vi è stato dunque un giudizio della Chiesa riguardo all'omicidio rituale di Simonino, che si chiama BEATIFICAZIONE. Questo giudizio è di ordine inferiore alla Canonizzazione in cui l’infallibilità del Papa interviene e rende tale atto irreformabile. Non è questo il caso della Beatificazione. Ma essa resta, al di sotto della canonizzazione, il decreto più forte e importante che possa dare la Chiesa [...]. Da che Roma si è riservata le cause di beatificazione, tali decreti restano IMMUTABILI DE FACTO, come la canonizzazione lo è di diritto [...]. È [...] per rendere impossibile ogni disprezzo sul pensiero della Chiesa che Gregorio XIII ha proceduto, riguardo al martirio di Trento, ad un atto talmente eccezionale che appare solo in questo caso nella storia della Chiesa [...] Gregorio XIII iscrisse il fanciullo di Trento al Martirologio e non sotto la Voce di Beato ma sotto quella di Santo (passio SANCTI Simonis pueri) [...]. Da qui a concludere all'equivalenza con un decreto di canonizzazione sarebbe eccessivo [...]. Dal momento in cui i Papi indicano che si può procedere alla canonizzazione, la canonizzazione implicita non segue necessariamente [...]. Ma resta fermo che, al di sotto del decreto infallibile (di canonizzazione) la testimonianza dei decreti di beatificazione è [...] la più importante che possa rispondere, in questo mondo, della verità storica di un fatto; e che l’atto che esprime tale testimonianza è l’atto della suprema autorità spirituale della Chiesa. Quindi negare la realtà del fatto affermato (Simonino ucciso dagli ebrei in odio alla fede, ndr) non sarà un’eresia, ma un’affermazione TEMERARIA» (95). Infine, per concludere, un'ultima obiezione, mossa, niente meno, dal commissario pontificio Battista de’ Giudici o.p. (che mostra o la sua ignoranza colpevole, essendo un Vescovo domenicano, o la sua malafede, come apparirà chiaro dalla nostra risposta). Per il de’ Giudici il martirio doveva essere un atto cosciente o volontario da parte della vittima; «In particolare egli negava che i bambini potessero essere martiri e santi, in quanto, per definizione, essi non possono fare nessun atto di volontà, quindi non hanno alcun merito proprio anche se sono uccisi» (96). Anche il lettore che non è sacerdote e domenicano sa benissimo che la Chiesa ha canonizzato i Santi Martiri Innocenti, fatti uccidere da Erode in tenera età. San Bernardo scrive: «Saranno stati martiri agli occhi tuoi, mio Dio, anche coloro nei quali né l’uomo né l’Angelo hanno potuto scoprire un merito ma che il singolare favore dalla tua grazia ha voluto arricchire [...]. Pace agli uomini, anche a quelli che non hanno ancora l’uso della propria volontà: ecco il mistero della mia misericordia (dice il Signore)». Noi, battezzati con l’acqua, dobbiamo rendere gloria a questi neonati battezzati nel proprio sangue. «I fanciulli che vennero uccisi in odio alla fede (SS. Innocenti) SI DICONO VERI MARTIRI, perché in questo caso l’accettazione della volontà fu supplita da una grazia particolare» (97).
L’AUTORITÀ DELLA S. SCRITTURA E DELL’ARCHEOLOGIA I SACRIFICI UMANI NELL’ANTICO TESTAMENTO
«La religione legittima in Israele condanna qualsiasi sacrificio umano (98); sono un’empietà dei Cananei e sono proibiti con severità. ESSI FURONO PRATICATI (99) NELLA RELIGIONE POPOLARE contaminata appunto per influsso cananaico [...]. Severe sono le condanne ripetute frequentemente dai profeti» (100). Queste documentano L’INFILTRARSI DI RITI ABOMINEVOLI FRA GLI ADORATORI DI JAHWEH, e quanto essi fossero estranei al vero spirito della religione ebraica» (101). Ora non essendo più la religione attuale degli ebrei la Mosaica, ma la rabbinico-talmudica, contaminata quindi dalla Càbala spuria egiziano-babilonese, non ci si stupisce che proprio gli stessi sacrifici umani - che erano praticati nella religione popolare (102) - si siano infiltrati di nuovo tra i figli carnali di coloro che adoravano Jahweh, di cui non conservano più lo spirito che vivifica, mentre tengono la lettera che uccide. Queste verità vengono confermate, come scrive mons. Spadafora, dai profeti ispirati; SONO pertanto DIVINAMENTE RIVELATE. Sentiamo Geremia: «I FIGLI DI GIUDA HANNO INNALZATO ALTARI A TOPET, AFFINE DI CONSUMARVI NEL FUOCO I LORO FIGLI E LE LORO FIGLIE».(103) Moloch «è la divinità cananea Milk [...] alla quale erano offerti sacrifici umani, come dimostrano le recenti scoperte archeologiche [...]. Il Vecchio Testamento alla divinità Moloch sempre congiunge e riferisce i SACRIFICI UMANI IN PARTICOLARE DI BIMBI (104). ESSI VENIVANO SGOZZATI (105) E QUINDI POSTI A BRUCIARE SU UNA GRIGLIA».(106) La scienza archelogica conferma dunque anche oggi ciò che Dio ha rivelato e ciò che i nostri occhi stenterebbero a credere, se non vi fossero tante e tali prove che possono essere definite schiaccianti senza paura di esagerare.
AUTORITÀ GIUDAICHE: IL TALMUD
«Già nella parte più antica del Talmud, detta Mischna, vi è espressa l'opinione che andare attraverso il fuoco (107) non accennasse un sacrificio umano, ma soltanto ad una cerimonia simbolica di purificazione... Solo nel Talmud posteriore si trova la descrizione di UN SIMULACRO DEL DIO MOLOCH CHE VENIVA FATTO ARROVENTARE E NELLE CUI BRACCIA SAREBBERO STATI GETTATI DEI BAMBINI VIVI. (Cfr. presso KORTLEITNER, De polytheismo; 216 ss)., il materiale raccolto a questo riguardo» (108). «Moloch [...] (è) il nome di un idolo a cui gli Ebrei del tempo dei re sacrificavano vittime umane nella Valle di Hinnon (Geenna) presso Gerusalemme (109) [...]. È CERTO che NEI PERIODI DI SINCRETISMO religioso, GLI EBREI USARONO NEL CULTO DI MOLOCH VITTIME UMANE [...] OFFRENDO, BRUCIANDOLI IN OLOCAUSTO, I PROPRI FIGLI» (110).
LE AUTORITÀ GIURIDICHE
Dopo aver parlato dell’autorità divina della Chiesa e della S. Scrittura scendiamo ora all’ordine naturale, che è il dominio di tutti, credenti o meno. In tale ordine vi sono delle autorità giuridiche e scientifiche. Vediamo le prime. I re che a causa dell'omicidio rituale hanno cacciato dai loro regni gli ebrei, hanno proceduto giuridicamente, altrimenti avrebbero agito da tiranni che non si curano dei loro soggetti, ed avrebbero veramente angariato ingiustamente gli ebrei. Se si obietta che mancano oggi i resoconti dei processi intentati loro riguardo all’espulsione, rispondo che non è possibile farli ritornare all'esistenza dal fuoco che li ha distrutti, o dai terremoti che hanno devastato nel corso della storia molti archivi in cui si trovavano. (Nel caso di S. Simone di Trento, invece, il resoconto è ancora esistente negli archivi segreti vaticani). Va detto inoltre che non vi sarebbero quasi mai criminali condannati giuridicamente se tali fossero solo coloro di cui gli archivi pubblici mantengono il resoconto degli interrogatori. Dove si trovano ora per esempio, i resoconti degli interrogatori di Verre, il pretore siciliano difeso da Cicerone? È vero che possediamo le arringhe del suo avvocato, ma queste non sono i resoconti formali di un processo; allora Verre sarebbe il più innocente e il più perseguitato di tutti gli uomini perché oggi non possediamo gli atti del suo processo? NO! Per questo si può dire che gli ebrei sono stati condannati giuridicamente (come e più di Verre, nel caso di Trento ad esempio), innanzi tutto perché la storia ce lo testimonia, in quanto i re cristiani - di cui ho citato i nomi - furono tra i più giusti che la storia abbia conosciuto e furono canonizzati dalla Chiesa. Se questi fossero stati ingiusti procedendo non giuridicamente contro gli ebrei, la Chiesa offrirebbe all’imitazione dei fedeli modelli che non porterebbero in cielo ma all’inferno, perché ingiusti e falsi; ma noi cattolici sappiamo che la Chiesa nel canonizzare è infallibile, cioè che è infallibilmente vero che l’imitazione degli esempi di tali Santi porta sicuramente in paradiso! Inoltre gli atti del processo di Trento erano conservati ancora sotto il pontificato di Benedetto XIV negli archivi di Castel Sant’Angelo e prima che le truppe piemontesi entrassero a Roma, furono trasferiti nella biblioteca vaticana (La Civiltà Cattolica li ha pubblicati per esteso negli anni 1881 e 1882), per ordine di Pio IX e, col permesso di Leone XIII, possono essere esaminati dagli studiosi.
LE AUTORITÀ SCIENTIFICHE
La storia è una scienza, cioè una cognitio certa, che offre la certezza dell'esistenza del fatto storico, certezza estrinseca o di credibilità, fondata sulla credibilità intrinseca del testimone. Si ha quindi una certezza morale dell'esistenza del fatto storico (qui dell’omicidio rituale). In Storia, le autorità sono gli uomini di scienza storica, di probità storica e di discernimento storico. E per quanto riguarda l’omicidio rituale tali autorità sono i Papi e i Bollandisti.
I PAPI E LA LORO SCIENZA STORICA

Ritengo che non sia necessario insegnare a nessuno che i Papi sono sempre stati stimati tra gli uomini più sapienti della loro epoca; qui presento, a fedeli e non, l’autorità della loro SCIENZA UMANA e non parlo dell’assistenza dello Spirito Santo che li rende infallibili. Ora ciò che i Papi conoscono meglio, dopo la teologia e il diritto canonico, è la storia dell’umanità, che coincide in gran parte con quella sacra e con quella della Chiesa.
La loro probità storica
Normalmente (salvo qualche rara eccezione, che conferma la regola) la figura del Papa si presenta nella storia con un riflesso di onestà che dovrebbe contraddistinguere ogni ministro di Dio.
Il loro discernimento storico
Parlo di discernimento, infatti la prudenza dei Papi è proverbiale; immaginiamoci allora con quale maturità e ponderazione i romani Pontefici dovettero trattare una materia così delicata come quella che stiamo esaminando.
I BOLLANDISTI E LA LORO SCIENZA STORICA
Dopo i Papi, i Bollandisti sono i più esperti conoscitori di tale materia storica. Il loro nome deriva da Jean Bolland che «[... ] s'era guadagnato per reputazione di brillante professore e le sue conoscenze dell’antichità giustificavano la scelta dei superiori» (111). La loro probità storica Il carattere di Bolland è al di sopra di ogni attacco; il primo che lo criticò fu Voltaire, il meno serio di tutti gli uomini, il cui motto era: «calunnia, calunnia qualche cosa resterà».
Il loro discernimento storico
Se ci fosse un rimprovero da muovere ai Bollandisti, sarebbe piuttosto di aver difeso ad oltranza i diritti della Storia. Senza aver nulla in comune con la scuola scettica, i Bollandisti hanno spinto - nell’esame delle testimonianze - la severità al massimo; se peccato c’è stato (riguardo soprattutto ai neo-Bollandisti) c'è stato per eccesso di severità e di critica storica e non per difetto o credulità; in breve i Bollandisti non raccontano favole ma sono storici seri. Ora tale estrema severità, non ha impedito loro di scrivere più volte sull’omicidio rituale (112).
IL RACCONTO DEL MARTIRIO
«Nelle loro confessioni [...] tutti i nove principali imputati fornirono una versione più o meno concorde degli scopi e del rituale dell'omicidio in vilipendium christianæ fidei, condotto il bambino ancora vivo nella camera che precede la sinagoga [...]. Samuele avrebbe legato un fazzoletto intorno al collo del piccolo, che il vecchio Mosè, seduto in uno scanno, teneva sulle ginocchia, perché non si udissero i lamenti. Quindi Mosè con una tenaglia di ferro avrebbe inciso la mascella destra di Simone, seguito da Samuele e Tobia che intanto, alternandosi con Mohar, avrebbero raccolto il sangue in una scodella. Tutti i presenti avrebbero poi punto il bambino in tutto il corpo con aghi a pomello, recitando maledizioni all’indirizzo dei cristiani. Sempre con la stessa tenaglia sarebbe stata poi incisa la tibia destra, mentre con un coltello il vecchio Mosè avrebbe praticato al bambino una sorta di circoncisione. Simone è stato dunque tenuto, iam quasi semi mortuum, eretto sullo scanno con le braccia tese in forma crucifixi, mentre tutti gli intervenuti avrebbero ripreso a pungerlo con gli aghi per tutto il corpo, ripetendo le maledizioni all’indirizzo dei cristiani. Il bimbo sarebbe morto proprio in questi frangenti, dopo essere stato tormentato per circa mezz’ora. Tutti gli inquisiti risultano anche bene informati sulle finalità pratiche del rito omicida [...]. Samuele risponde che nel lontanissimo passato, prima che la fede cristiana divenisse tanto potente, i più saggi tra gli ebrei della regione di Babilonia, stabilirono che il sangue di un bambino cristiano ita interfectus sarebbe stato di gran giovamento alla salute delle anime dei giudei, ma alla condizione che [...] interficentur ea forma qua fuit interfectus Jesus» (113). Per avere maggiori dettagli si può consultare lo stesso volume da pag. 109 a 454, che riporta gli atti del processo, oppure La Civiltà Cattolica (114).
I FRANCESCANI OSSERVANTI E «LA CAMPAGNA DI ODIO ANTIEBRAICO»
«A Trento [...] non c’era bisogno delle prediche di Bernardino da Feltre per dar vita al sospetto di omicidio rituale, come vuole una tradizione, oggi peraltro discussa. Abbia o meno Bernardino profetizzata la triste vicenda della Pasqua del 1475 (l’uccisione di S. Simonino; ndr) [...]. Certo è che il CASO TRENTINO DEVE ESSERE MESSO IN RELAZIONE CON LA CAMPAGNA DI ODIO ANTIEBRAICO PROMOSSA SUL SECONDO QUATTROCENTO SOPRATTUTTO DAI FRANCESCANI OSSERVANTI, contestualmente alla polemica contro il prestito usuraio ed in favore dei Monti di Pietà. La lotta contro le usure diviene anzi tutt’uno con la polemica contro gli ebrei, e il Monte di Pietà l’espediente per sovvenire i poveri [...] e così «evitare la rabiosa voragine de le usure et rabiosa perfidia et dura cervice de’ Iudii, usurpatori delle substantie et SUCCATORI DEL SANGUE de li cristiani». È quanto si legge, ad esempio, nel proemio degli statuti del Monte Pio di Rieti, dettati dallo stesso Bernardino da Feltre nel 1489, dove il riferimento all’uso del SANGUE CRISTIANO e quindi all’omicidio rituale non è soltanto un’allusione retorica, ma l’affermazione di una pratica abituale associata all'esercizio dell’usura. Il nesso tra usura e omicidio rituale era del resto già presente [...] nella Storia di Simone di Giovanni Mattia Tiberino, uno dei medici che avevano eseguito la perizia sul cadavere del bambino. Anche Brescia, città di provenienza del Tiberino [...] aveva visto il violento intervento dei predicatori francescani, che negli anni 1440 prima, con la presenza di Bernardino da Siena, e quindi, negli anni 1460, di Giacomo della Marca e Michele Carcano; predicazione che, dopo i fatti di Trento, porterà all'espulsione degli ebrei dalla città» (115). Ma vediamo un po’ chi fossero questi terribili predicatori francescani fomentatori di una «campagna di odio antiebraico» ed operatori di «interventi violenti». Il primo è il BEATO BERNARDINO DA FELTRE. Nato a Feltre nel 1439, fu battezzato col nome di Martino ed assunse quello di Bernardino in onore di S. Bernardino da Siena, di cui rinnovò la prodigiosa attività di predicatore e di Santo, entrando il 14 maggio 1456 a Padova, tra i Frati Minori Osservanti della provincia veneta. «Fanciullo di ingegno precoce, avido di letture, fece rapidi progressi negli studi umani-stici, tanto che a 11 anni leggeva e parlava il latino con facilità [...]. Studente di diritto a Padova, era ammirato da tutti per la serietà della condotta e l’intelligenza [...]. Quando predicò nella città il francescano S. Giacomo della Marca, discepolo di S. Bernardino da Siena, la sua parola finì per convincerlo e Bernardino prese l’abito dei frati minori [...]. Dal 1469 (anno in cui fu nominato predicatore, ndr) fino alla morte, non cessò di predicare e percorse tutta l’Italia centro-settentrionale [...]. Molte volte a piedi scalzi, trovandosi spesso in frangenti difficili per le avverse condizioni atmosferiche [...] l'espulsione da parte dei principi, l’ODIO DEGLI USURAI E DEGLI EBREI [...]. Le sue prediche attiravano uditori senza numero e se lo contendevano le città più illustri [...]. Promotore dei Monti di Pietà [...], nonostante la forte opposizione della maggior parte dei suoi confratelli, sostenne, da esperto giurista, che era lecito esigere il pagamento di un modesto interesse sul mutuo, necessario al funzionamento della organizzazione bancaria. Contro l’usura fu inflessibile. Una grave lotta sostenne a Trento quando nel 1476 ACCUSÒ GLI EBREI DI STROZZINAGGIO e al fondo della sua drammatica cacciata da Firenze [...] ci fu il risentimento della Signoria contro quel frate [...] che aveva denunziato le angherie fatte alla povera gente da prestatori senza coscienza [...] Bernardino incontrò sereno la morte a Pavia il 28 settembre 1494 [...]. Venerato subito dal popolo, il suo culto fu confermato nel 1654 per l’Ordine francescano e le diocesi di Feltre e di Pavia. I Minori ne celebrano la festa il 28 settembre» (116). «L’implacabile lotta iniziata a Trento nel 1476 contro gli usurai, specialmente ebrei, [...] gli valse lo sdegno di alcuni di questi, e perfino ATTENTATI ALLA VITA...» (117). Cerchiamo di vedere in dettaglio la profezia che il Beato fece, del martirio di S. Simonimo. «Nell’anno 1475, Bernardino predicò la Quaresima a Trento; fu allora che cominciò a predicare contro i giudei, dei quali non cessò fino alla morte di denunciare le perfidie ed i crimini [...]. Rimproverò agli abitanti di Trento di essere troppo familiari con loro [...]. SI ATTIRò così LA MALEVOLENZA DI ALCUNI CRISTIANI, CHE PRETENDEVANO CHE BERNARDINO AVESSE TORTO AD ATTACCARE DELLE PERSONE CHE, SALVO LA FEDE, ERANO PERBENE. «Voi non sapete» rispose l’uomo di Dio, «quale crimine stanno preparando contro di voi questi pretesi uomini perbene. Ma Pasqua non passerà senza che i giudei vi diano un segno della loro bontà». «Venne così il martirio della Settimana Santa, e mentre i cristiani si preparavano a celebrare i misteri della Passione del Salvatore, i giudei complottavano di immolare un fanciullo cristiano e di bere il suo sangue durante le loro infami cerimonie degli azzimi [...] un certo Tommaso rubò un bambino di 2 anni e 5 mesi, chiamato Simone, [...]. E durante la notte questa vittima innocente fu immolata dal furore dei giudei...» (118). A Crema Bernardino predicava così: «Non BISOGNA NUOCERE LORO in nulla, né in quanto alle loro persone, né nei loro beni. La GIUSTIZIA E LA CARITÀ CRISTIANE DEVONO ESERCITARSI ANCHE RIGUARDO DEI GIUDEI, poiché hanno la nostra stessa natura [...]. MA non è men vero che LE LEGGI CANONICHE PROIBISCONO ESPLICITAMENTE DI FREQUENTARLI TROPPO ASSIDUAMENTE e familiarmente; di SCEGLIERLI COME MEDICI... (ricordo come S. Bernardino raccontasse sovente che un medico e ebreo ad Avignone si vantava sul suo letto di morte di aver ucciso, invece di guarirli, più di duemila malati cristiani...). Di assistere alle loro feste [...]. Gli usurai ebrei passano ogni misura; strozzano i poveri e s’ingrassano della loro sostanza» (119). Ora, come può un Beato che ha operato tanti miracoli e che ha condotto una vita sì santa essere fomentatore di «ODIO anti-eantiebraico»? Ho riportato le sue stesse parole in cui afferma che bisogna usare anche verso i giudei la CARITÀ cristiana e che non è lecito far loro del male; però il Beato raccomanda la prudenza nel trattare con i giudei in quanto essi sono i persecutori di Cristo e dei cristiani: «Sinagoghe judeorum fontes persecutionum», diceva già Tertulliano. Perciò né odio, come dicono gli autori del libro sui Processi di Trento; né tantomeno filogiudaismo o falsa carità o meglio ancora sentimentalismo filantropico nei confronti del popolo deicida. «Siate semplici come colombe, e prudenti come serpenti» ci ha detto Nostro Signore Gesù Cristo, la Sapienza Incarnata. Per quanto riguarda gli altri «fomentatori di ODIO antiebraico», ebbene essi sono SAN GIACOMO DELLA MARCA e SAN BERNARDINO DA SIENA; non occorre che scriva delle loro gesta; basta il pronunciamento infallibile ed irreformabile della Chiesa che li ha canonizzati. Ora è impossibile che un canonizzato sia un fomentatore di odio, che è uno dei peccati più gravi che ripugnano e contraddicono alla Santità vera!
SAN SIMONINO NON È PIÙ BEATO,
IL VATICANO II È ARRIVATO!
SHALOM, mensile ebraico d’informazione, al n. 5 del maggio 1991 pag. 35, alla rubrica PREGIUDIZIO, intitola: «Questo Beato è da cancellare». Si riferisce proprio a S. Simonino e dice: «Si trattava dell'omicidio rituale e precisamente di quello che sarebbe stato perpetrato nel 1475 da ebrei di Trento su un bambino che nel 1589 venne beatificato da Papa Sisto V con il nome di Simonino. Il culto del Beato [...] è continuato fino a non molti anni fa. È merito di Gemma Volli (ebrea; ndr) se l’Arcivescovo di Trento, Alessandro M. Gottardi, nel novembre 1963 ordinò di bruciare tutte le copie di un libretto antiebraico che veniva venduto in chiesa [...] e nel 1964 fece chiudere la cappella dedicata al B. Simonino [...] In seguito l’arcivescovo proibì la decennale processione ed infine il 4 maggio 1965 la Sacra Congregazione dei Riti aboliva il culto del Beato Simonino». «La decisione - commenta la BIBLIOTECA SANCTORUM - è stata accolta con soddisfazione anche dal mondo israelita, che vede così cadere una secolare INGIUSTA accusa a suo carico e un argomento che aveva tanto peso nell’accreditare la LEGGENDA dell'omicidio rituale» (120).
SOLUZIONE
«ROMA DELENDA EST», «QUESTO BEATO È DA CANCELLARE». Nell’articolo sul Deicidio, si è visto come Jules Isaac, ai tempi del Concilio, abbia chiesto o meglio, comandato ed ottenuto, la modifica delle preghiere liturgiche riguardanti gli ebrei [...]. L’affermazione che i giudei non sono affatto responsabili della morte di Cristo [...] (come) l’origine dello schema conciliare (Nostra Ætate) fosse dovuto ad una domanda di Jules Isaac al Vaticano. Ora invece vediamo come un'altra ebrea Gemma Volli abbia ordinato ed ottenuto la cancellazione di un processo di beatificazione, durante il Concilio Vaticano II. Ma se solo «la canonizzazione è un atto definitivo, solenne col quale il Papa con la pienezza dei suoi poteri e con l’infallibilità di cui è investito, dichiara che il Beato è in Paradiso ed impone ai cristiani di venerarlo come Santo» mentre «la beatificazione è (soltanto) un atto preparatorio, con cui si permette il culto pubblico [...] di qualche servo di Dio sotto il titolo di Beato [...]. Le sentenze di beatificazione non sono definitive, infallibili, irrevocabili [...] È PERO SEMPRE TEMERARIO SOSTENERE IN UN DATO CASO CHE LA CHIESA ABBIA REALMENTE, IN UN TAL GIUDIZIO, ERRATO» (121). Ora mi sembra lecito di poter concludere che la nuova religione del Vaticano II ha affermato TEMERARIAMENTE che la Chiesa di Roma ha errato realmente nel giudizio di beatificazione di S. Simonino di Trento. Ebbene questa cancellazione è un’altra tappa nella via del cedimento, dell’abbandono e della capitolazione da parte cristiana e un’avanzamento del processo di infiltrazione e di penetrazione fino al vertice della Chiesa della Càbala giudaica. Ma Nostro Signore ci ha promesso «PORTÆ INFERI NON PRÆVALEBUNT ADVERSUM EAM»; umanamente parlando assistiamo allo scacco e alla sconfitta (come il Venerdì Santo contempliamo la morte e l’umiliazione dell’umanità di Nostro Signore Gesù Cristo), ma coll’occhio della fede crediamo nella vittoria gloriosa (come la Domenica di Pasqua contempliamo la Risurrezione di Nostro Signore Gesù Cristo): «Regnavit a ligno Deus»; «Surrexit vere, Alleluja!»
N O T E


(1) Cfr. La morale giudaica, in La Civiltà Cattolica, serie XV, vol. V, fase. 1022, 10 gennaio 1893, pag. 147.

(2) Cfr. D. ALIGHIERI, Divina Commedia, Paradiso, V, vv. 80 - 81.

(3) Cfr. P. OREGLIA, op. cit., pag. 146.

(4) Ibid., pag. 147.

(5) Ibid., pagg. 148-149.

(6) Cfr. Talmud, Trattato Baba Metsigna, fol. 114, Ed. d’Amsterdam 1645, e Trattato Barakouth fol. 88; MAIMONIDE, Trattato dell’Omicidio, cap. II, art. 2; Cfr. PRANAITIS, Christianus in Talmude Judeorum, Parte 1a, cap. II, pagg. 54-61, Petropoli.

(7) Cfr. P. OREGLIA, op. cit., pag. 150.

(8) Cfr. MAIMONIDE, Hilkhtoh Akum, X, 6; P. OREGLIA, op. cit., pag. 159.

(9) Cfr. Cit. in La Stampa, del 17 novembre 1991.

(10) Cfr. Sanhedrin 586, cit. in PRANAITIS, op. cit., part. 2, pagg. 76-77.

(11) Cfr. Abhodah Zarah, 54a, Baba Metsigna, cap. V, par. 6 pag. 14, cit. in PRANAITIS, op. cit., parte 2a pagg. 96-l00; La frode Babha Kama, 113b.

(12) Cfr. Babha Kama, 113b.

(13) Cfr. Babha Bathra, 54b.

(14) Cfr. Talmud, Trattato Baba Metsigna, fol. 111 op. cit., pag. 151.

(15) Cfr. Talmud, tom. 3, lib. 2, cap. IV, art. 5, pag. 279.

(16) Cfr. SEPHER MITZVOT, fol. 85, c. 2, 3, cit. in La Civiltà Cattolica, pagg. 156-157.

(17) Cfr. Sepher Or Israel, 177b.

(18) Ibid., pag. 160.

(19) Cfr. cit. in A. SAVINE, Le mystère du sang chez les juifs de tous les temps, Parigi 1890, pagg. 251-365.

(20) Cfr. A. MONNIOT, Le crime rituel chez les juifs, Ed. Tequi, Parigi 1914, pagg. 73-136.

(21) Cfr. L. FERRARO, El ultimo protocolo, Ed. A. A. Cultural, Madrid 1986, pagg. 37-76.

(22) Cfr. P. CONSTANT, Les Juifs devant l’Eglise et l'histoire, Parigi 1891, Ed. Arthur Savaete, pagg. 227-228.

(23) Cfr. La morale giudaica e il mistero del sangue, in La Civiltà Cattolica, serie XV, vol. V, fasc. 102, 12 gennaio 1893, pag. 269.

(24) Ibid., pagg. 270-272.

(25) Ibid., pag. 323, 6a ed. di Torino, Tip. Borri, 1874.

(26) Cfr. La Civiltà Cattolica serie II, vol. VIII, pag. 230 e ss.

(27) Cfr. La Civiltà Cattolica, pagg. 273-276.

(28) Ibid, pag. 278.

(29) Ibid., pag. 280.

(30) Cfr. Monumenta historica Germania Scriptorum, vol. VI, pag. 500.

(31) Cfr. BOLLANDISTI, vol. III di marzo, 588; e Monumenta ibid.

(32) Cfr. Monumenta ibid.

(33) Cfr. BOLLANDISTI ibid; pag. 591.

(34) Cfr. Parigi all’anno 1881, n. 15, e BOLLANDISTI 25 marzo, pag. 589.

(35) Cfr. Blanca Hispania illustrata, Tomo III, pag. 657.

(36) Cfr. RICHIERI Acta Senonensia Monum., XXV, pag. 324 ed altrove.

(37) Cfr. BARONIO n. 42 sopra quell’anno.

(38) Cfr. GIOVANNI DA LENT, De Pseudo Messiis, pag. 33.

(39) Cfr. BOLLANDISTI vol. VI di luglio, pag. 494.

(40) Cfr. LAURENT, Les affaires de Syrie, tom. II, pag. 326. Ed. di Parigi 1846.

(41) Cfr. CLUVERIO EPITOME Hist. pag. 541.

(42) Cfr. ANNAL. COLMAR, Monum. XVII, 191.

(43) Cfr. BOLLANDISTI, vol. II di aprile 1838.

(44) Cfr. BARONIO, n. 61. Acta Colmar. Monument. XVII, 210.

(45) Cfr. Radeurs Bavaria sanecta Tomo II, pag. 331. Monum. XVII, 415.

(46) Cfr. BOLLANDISTI, vol. II di aprile 697. Monum. XVII, 77. BARONIO 1287 n. 18.

(47) Cfr. BOLLANDISTI, vol. II, di aprile.

(48) Cfr. Ann. Colm., II, 30.

(49) Cfr. Monum., XI, 658.

(50) Cfr. Ann. Colm., II, 32.

(51) Cfr. Ann. Colm., II, 39.

(52) Cfr. BARONIO, 64.

(53) Cfr. RADERO 351.

(54) Cfr. Storia del B. Alberto di Simone Habiki, presso i BOLLANDISTI, vol. II di aprile.

(55) Cfr. Question Juive, pagg. 59-60.

(56) Ibid.

(57) Cfr. BARONIO, 31.

(58) Cfr. BARONIO, 31; BOLLANDISTI, vol. III di aprile 978.

(59) Cfr. S. HABIKI, op. cit.

(60) Ibid.

(61) Cfr. Bolland. 3 vol. di luglio 462.

(62) Cfr. BARONIO pag. 569.

(63) Cfr. Bolland. vol. 2 di aprile.

(64) Cfr. RADERO 3, 174.

(65) Cfr. Bolland. 1 aprile 3.

(66) Cfr. Bolland. 2 aprile 838.

(67) Cfr. Bolland. vol. 2 d’aprile 830.

(68) Cfr. Efele Scriptores, l. 138.

(69) Cfr. Bolland. vol. 2 aprile 839.

(70) Cfr. RADERO 2, 231; 3, 179.

(71) Cfr. S. HABIKI, op. cit.

(72) Ibid.

(73) Ibid.

(74) Ibid.

(75) Ibid.

(76) Ibid.

(77) Cfr. TENZEL, gennaio 1694.

(78) Cfr. TENZEL, giugno 1693.

(79) Cfr. Processo Parigi 1670, FELLER, giornale 1788, 2, 428.

(80) Cfr. LAURANT; Affaires de Syrie, op. cit.

(81) Cfr. CHIARINI, Teoria del Giudaismo, vol. I, pag. 355.

(82) Cfr. Amblagen der Suden, Leipsig, 1864.

(83) Cfr. Processo di Damasco, cit. in LAURENT, op. cit., pag. 301.

(84) Cfr. L’Egitto sotto Mehemed Ali di Hamont, Parigi 1843.

(85) Cfr. La Civiltà Cattolica, 23 gennaio. 1893, pagg. 281-286.

(86) Ibid. pag. 529.

(87) Ibid. pagg. 233-36.

(88) Per quanto riguarda la liceità della TORTURA leggasi: P. PALAZZINI, Enciclopedia Cattolica, Città del Vaticano, 1954, vol. XII, col. 342-343. «La liceità o meno della tortura si può presentare sotto due aspetti: quello dell’applicazione della tortura come pena, l’altro come mezzo di indagine. Non si può dubitare della liceità della tortura; come pena afflittiva supposta la liceità della pena di morte [...]. La questione della liceità dell’applicazione della tortura come mezzo di indagine giudiziaria, su individui già indiziati più o meno gravemente, allo scopo di carpirne la confessione giudiziaria, ha avuto soluzioni diverse. Per alcuni, [...] il bene comune può esigere che l’imputato venga sottoposto anche a mezzi costrittivi, quali la tortura [...]. Lo svantaggio di non riuscire a scoprire l’autore di un determinato delitto provocherebbe a volte danni ben maggiori alla società di quanti non ne possano venire dalla violazione della libertà nell'esigere e volere la manifestazione di un determinato individuo (J. DE LUGO, De iustitia et iure, disp. XXXVII, Ed. Fournialis, VII, Parigi, 1869, pag. 724). Tuttavia è fuor di dubbio, che anche in tal corrente di pensiero, per essere lecita la tortura deve essere contenuta entro limiti ben definiti [...] (cfr. S. ALFONSO M. DÉ LIGUORI, Th. mortuum, IV, cap. III a 3, n. 202, II)». Vi è stato inoltre il pronunciamento del Magistero pontificio che rendeva lecito l’uso della tortura (cfr. INNOCENZO IV, Bolla Ad extirpanda, 15. 5. 1252; CLEMENTE IV, Bolla Ne Inquisitionis, 13.1.1266 - CLEMENTE V, Decretali del Concilio di Vienna - URBANO IV, Bolla Ut negotium, 1262). Ed infine la pratica della Chiesa, che per secoli e secoli si è valsa della tortura come mezzo di indagine giudiziaria.

(89) Cfr. ESPOSITO - QUAGLIONI, op. cit., pagg. 12-32.

(90) Cfr. D. QUAGLIONI, Introduz. a: BATTISTA DE’ GIUDICI, Apologia judeorum invectiva contra Platinam, RR inedita, Roma 1987, pagg. 34-35.

(91) Cfr. Op. cit. pag. 49.

(92) Ibid. pag. 50.

(93) Cfr. P. CONSTANT, Les Juifs devant l'Eglise et l‘histoire, Savahete editeur, Paris 1898, pagg. 230-232.

(94) Cfr. PARENTE-PIOLANTI-GAROFALO, Dizionario di Teologia dommatica, Ed. Studium, Roma 1957, 4a ed., pag. 49.

(95) Cfr. P. CONSTANT, op. cit., pagg. 241-246.

(96) Cfr. A. ESPOSITO-D. QUAGLIONI, op. cit., pag. 75.

(97) Cfr. ROBERTI-PALAZZINI, Dizionario di Teologia morale, Ed. Studium, Roma 1968, 3 ed., voce martirio, pag. 962, vol. II.

(98) Cfr. Lev. 18, 21; 20, 2-5; Deut. 12. 31; 18. 9 ss. e spesso nei profeti.

(99) Cfr. I Reg. 16, 34; II Reg. 16, 3; 21, 6.

(100) Cfr. Mi. 6, 7, Ier. 7, 31; 19, 5; 32, 35; Ez. 16, 20 ss.

(101) Cfr. F. SPADAFORA, Dizionario biblico, Ed. Studium, Roma 1963, 3a ed., voce sacrificio, pag. 536.

(102) Cfr. E. SPADAFORA, op. cit.,

(103) Cfr. GER., 7, 31.

(104) Cfr. Lev. 18, 21; 20, 2-5; I Reg. 11, 7, Ier. 32, 35, ecc.

(105) Cfr. Bz. 16, 21.

(106) Cfr. F. SPADAFORA, op. cit. voce moloch, pag. 419.

(107) Cfr. 4 Re 16, 3,17,17.

(108) Cfr. I. SCHUSTER - G.B. HOLZAMMER, Manuale di storia biblica; il Vecchio Testamento, SEI, Torino 1951, pag. 794.

(109) Cfr. II-IV Re, XXIII, 10; Ger. XXXII, 35.

(110) Cfr. G. RICCIOTTI, Enciclopedia italiana Treccani, Roma 1951, vol. XXIII, voce Moloch, pag. 587.

(111) Cfr. Enciclopedia Italiana Treccani, vol. VII, voce BOLLANDISTI.

(112) Per quanto riguarda il martirio di Simonino cfr. BOLLANDISTI, vol. X degli Atti dei Santi, Tomo 3, 24 marzo.

(113) Cfr. A. ESPOSITO-D. QUAGLIONI, Processi contro gli ebrei di Trento, Cedam, Padova 1990, pagg. 71-72.

(114) Cfr. serie XI, vol.VIII, fasc. 752, (8 ott. 1881) - fasc. 753 (29 ott. 1881) - fasc. 754 (12 nov. 1881) - fasc. 755 (26 nov. 1881) - fasc. 756 (10 dic. 1881); Vol. IX, fasc. 757 (31 dic. 1881) - fasc. 758 (14 genn. 1882) - fasc. 759 (28 genn. 188") - fasc. 760 (11 febbr. 1882) - fasc. 761 (25 febbr. 1882); Vol. X, fasc. 761 (8 apr. 1882) - fasc. 763 (24 mar. 1882) - fasc. 766 (13 mag. 1882) - fasc. 767 (27 mag. 1882) - fasc. 768 (10 giu. 1882).

(115) Cfr. A. ESPOSITO-D. QUAGLIONI, op. cit., pagg. 61-63.

(116) Cfr. G. SABBATELLI Biblioteca Sanctorum, Città Nuova Ed., Roma 1962, vol. II, pagg. 1289-1293.

(117) Cfr. F. CASOLINI, Enciclopedia Cattolica, Città del Vaticano 1949, vol. II pag. 1406.

(118) Cfr. Mons. PAUL GUERIN, Le palmier séraphique, Bar-le-Duc edit., s. l. 1873, vol. IX, pagg. 515-16.

(119) Cfr. Mons. PAUL GUERIN, op. cit., Pagg. 518, 522-524.

(120) Cfr. I. ROGGER, Biblioteca Sanctorum, Ed. Città Nuova Roma 1968, pag. 1187.

(121) Cfr. ROBERTI-PALAZZINI, Dizionario di Teologia morale, Ed. Studium, Roma 1968, vol. I, pag. 188.
























CRONOLOGIA STORIOGRAFICA

- Anno 1071. A Blois, un bambino crocefisso poi buttato nel fiume. Il Conte Teobaldo fa bruciare gli ebrei colpevoli. -
1114. A Norwich in Inghilterra, Guglielmo, fanciullo di dodici anni, è attirato in una casa ebrea, fu crocifisso in mezzo a mille oltraggi il dì di Pasqua, e perché meglio rappresentasse Gesù Cristo sulla Croce, venne ferito al fianco. -
1160. A Glocester, gli ebrei crocifiggono un bambino. -
1179. A Parigi, il fanciullo Riccardo viene sacrificato nel Castello di Pontoise il Giovedì Santo; ed è onorato come Santo a Parigi. -
1181. A Parigi, San Rodberto, fanciullo, viene ucciso dagli ebrei verso le feste di Pasqua. -
1182. I giudei a Pontoise crocifiggono un giovanetto dodicenne, per cui vengono espulsi dalla Francia. A Saragozza, accade lo stesso a Domenico del Val. -
1236. Presso Hagenau, tre fanciulli di sette anni sono immolati dagli ebrei in odio a Gesù Cristo. -
1244. A Londra, un fanciullo cristiano viene martirizzato dagli ebrei; oggi si venera nella Chiesa di S. Paolo. -
1250. In Aragona, un fanciullo di sette anni viene crocefisso nel periodo della Pasqua ebraica. -
1255. A Lincoln, Ugo fanciullo rapito dagli ebrei viene nutrito fino al giorno del sacrifizio. Molti ebrei convengono da varie parti dell’Inghilterra, e lo crocifiggono, rinnovando in lui tutte le scene della Passione di N. S. come ci narrano Mathieu Paris e Capgrave. Weever ci fa sapere ancora che i giudei delle principali città d’Inghilterra rapivano fanciulli maschi per circonciderli, per flagellarli e per coprire il loro capo di spine. -
1257. A Londra, un altro fanciullo cristiano immolato dai giudei. -
1260. A Wessemburg, un fanciullo ucciso dagli ebrei. -
1261. A Pfortzeim Bade, una bambina settenne strozzata poi dissanguata ed annegata. -
1283. A Magonza, un bambino venduto dalla sua balia agli ebrei e da questi UCCISO. -
1285. A Monaco, un fanciullo viene dissanguato. Il suo sangue serve di rimedio agli ebrei. Il popolo brucia la casa dove gli ebrei si erano rifugiati. -
1286. A Oberwesel sul Reno, Wernher quattordicenne martirizzato per tre giorni con ripetute incisioni. -
1287. A Berna, Rodolfo giovanetto ucciso nella Pasqua dagli ebrei. -
1292. A Colmar, un fanciullo ucciso come sopra. -
1293. A Crems, un fanciullo immolato dagli ebrei, due degli uccisori sono puniti, gli altri si salvano corrompendo le autorità con l'oro. -
1294. A Berna, un altro fanciullo svenato dai giudei. -
1302. A Remken, lo stesso. -
1303. A Weissensee di Turingia, Corrado Scolaro, figliuolo di un soldato, dissanguato con incisioni alle vene. -
1345. A Monaco, il Beato Enrico crudelmente ucciso. -
1401. A Diessenhofen di Wurtemberg, un fanciullo di quattro anni comprato per tre fiorini e dissanguato dagli ebrei. Nel processo fatto per codesto assassinio, l’ebreo accusato confessò «che ogni sette anni tutti gli ebrei hanno bisogno di sangue cristiano. Un altro rivelò che il cristiano assassinato doveva essere minore di tredici anni. Un terzo disse che si servivano di quel sangue nella Pasqua; che ne facevano seccare una parte per ridurla in polvere; e che se ne servivano pei loro riti religiosi.-
1410. In Turingia, sono cacciati gli ebrei per delitti contro fanciulli cristiani. -
1429. A Rovensbourg, Luigi Von Bruck, giovanetto cristiano, viene sacrificato dai giudei mentre li serviva a tavola tra la Pasqua e la Pentecoste: il suo corpo viene trovato ed onorato dai cristiani. -
1454. In Castiglia, un fanciullo è fatto a pezzi ed il suo cuore cotto per cibo. Per questo ed altri simili delitti gli ebrei vengono poi cacciati dalla Spagna nel 1459. -
1457. A Torino, un giudeo è colto nell’istante medesimo, in cui sta per scannare un fanciullo.- 1462. Presso Inspruk, il Beato fanciullo Andrea nato a Rinn, viene dissanguato il 9 luglio dagli ebrei che ne raccolgono il sangue. -
1475. A Trento, il celebre martirio del B. Simoncino, di cui esistono i processi originali; dai quali affiora che gli ebrei di Trento, rei dell’assassinio rituale del B. Simoncino, ne rivelarono molte altre dozzine da loro e dai loro correligionari commessi allo stesso scopo rituale nel Tirolo, nella Lombardia, nel Veneto ed altrove in Italia, Germania, Polonia, ecc. ecc. -
1480. A Treviso, si commette un delitto simile al precedente di Trento. -
1480. Assassinio del B. Sebastiano da Porto Buffole nel Bergamasco. -
1480. A Motta di Venezia, un fanciullo viene immolato il Venerdì Santo. -
1486. A Ratisbona, sei fanciulli vittime degli ebrei. -
1490. A Guardia presso Toledo, un fanciullo crocefisso. -
1494. A Tyrman in Ungheria, un fanciullo rapito e dissanguato. -
1503. A Waltkirch in Alsazia, un fanciullo di quattro anni, venduto da suo padre agli ebrei per dieci fiorini, col patto che gli fosse restituito vivo dopo averne cavato sangue. Gli ebrei lo uccisero dissanguandolo. -
1505. A Budweys, fatto simile. -
1520. A Tyrnau ed a Biring, due fanciulli dissanguati. Perciò furono allora cacciati gli ebrei dall’Ungheria. -
1540. A Suppenfeld in Baviera , Michele di quattro anni torturato per tre giorni. -
1547. A Rave in Polonia, il figlio di un sarto sacrificato da due ebrei. -
1569. A Witow in Polonia, Giovanni di due anni venduto per due marchi all'ebreo Giacomo di Leizyka, è da lui crudelmente ucciso. Altri fatti simili accaduti a Bielko ed altrove. -
1574. A Punia in Lituania, Elisabetta di sette anni assassinata dall’ebreo Gioachino Smerlowiez il martedì prima della domenica delle Palme, il suo sangue vien raccolto in un vaso. -
1590. A Szydlow, un fanciullo scompare. Dopo alcuni giorni, viene ritrovato il cadavere dissanguato con incisioni e punture. -
1595. A Gostin, un fanciullo è venduto agli ebrei per essere dissanguato. -
1597. Presso Sryalow, un fanciullo ucciso. Col suo sangue gli ebrei aspergono la nuova Sinagoga per consacrarla. -
1650. A Caaden, un fanciullo di cinque anni e mezzo chiamato Mattia Tillich vi è assassinato l’11 marzo. -
1655. A Tunguch in Germania, un fanciullo assassinato. -
1669. A Metz, un fanciullo di tre anni rubato dal giudeo Raffaele Levi, è crudelmente assassinato. Il suo cadavere fu trovato orribilmente mutilato. Il reo venne arso vivo per sentenza del Parlamento di Metz il 16 giugno 1670. -
1803. Possiamo a buona ragione porre qui in primo luogo questa data 1803, poiché in quest’anno uscì la prima volta alla luce il libretto di Teofito. Esso vale storicamente più di molte altre autorità per dimostrare che gli ebrei sempre usarono, usano e debbono usare (se pure sono ebrei osservanti) il sangue cristiano nei loro riti. -
1810. Negli atti del Processo di Damasco, esiste una lettera di John Barcker ex-Console inglese in Aleppo dove si parla di una povera cristiana scomparsa da Aleppo. Tutti accusavano un ebreo, Raffaele d’Ancona, di averla scannata per raccoglierne il sangue. -
1827. A Varsavia, scompare un bambino cristiano nell’occasione della Pasqua ebrea. -
1831. A Pietroburgo, un fanciullo assassinato dagli ebrei a scopo rituale. Così sentenziarono quattro giudici. -
1839. A Damasco, si scopre alla dogana una bottiglia di sangue portata da un ebreo, il quale offre diecimila piastre perché si nasconda la cosa. -
1840. A Damasco il celebre processo per l’assassinio di Padre Tommaso da Calangiano Cappuccino e del suo servo cristiano uccisi dagli ebrei per scopo rituale. Gli ebrei furono condannati, benché poi graziati per danari. Quegli ebrei assassini erano quasi tutti italiani di Livorno. Il processo originale è negli Archivi di Parigi, successivamente venne stampato dal Laurent nel vol. II des Affaires de Syrie. -
1843. A Rodi Corfù, assassinio ebreo di bambini cristiani. -
1881. Ad Alessandria d’Egitto l’assassinio del giovane greco Fornarachi, di cui si occuparono tutti i giornali del 1881-1882. Il cadavere fu trovato dissanguato, tutto punzecchiato, e simile a statua di cera. -
1882. A Tisza Eszlar in Ungheria, una giovinetta di 14 anni è scannata nella Sinagoga dal sacrificatore ebreo. Più recentemente ancora nel 1891 fu trovato presso l'ebreo Buschoff, in Xanten nella Prussia Renana, il cadavere del fanciullo cattolico Giovanni Hegmann senza una goccia di sangue. Il Buschoff venne processato, ma poi assolto, grazie alla potenza dell’oro ebraico!

I sacrifici continuarono, altri cristiani furono barbaramente uccisi a scopo rituale, ma la grande ricchezza degli Ebrei, insabbiò i successivi casi.



LA SITUAZIONE IN ITALIA RELATIVA AL CULTO DEI MARTIRI FANCIULLI:
IL BEATO LORENZINO
DA MAROSTICA,
MARTIRIZZATO DUE VOLTE

Nella ridente cittadina veneta di Marostica, conosciuta in tutto il mondo per la storica partita a scacchi, le autoritá della Chiesa conciliare stanno realizzando, nella quasi indifferenza generale, l'ennesimo delitto nei confronti della religione cattolica.
Stiamo parlando della decisione del vescovo di Vicenza, Mons. Nonis, di proibire il culto multi secolare al Beato Lorenzino Sossio da Marostica. Il motivo? Il Beato Lorenzino é colpevole... di essere stato martirizzato dai Giudei.
Chi scrive é andato di persona sul posto per permettere ai lettori di essere informati dettagliatamente su questa vergognosa vicenda.
Il martirio del Beato Lorenzino


Sfogliamo insieme un opuscoletto scritto nel 1885 da Monsignor G. Ronconi, "Il Beato Lorenzino da Marostica nella Storia e nel Culto"(1), ristampato nel 1954 con 1' imprimatur del Vicario generale di Vicenza, don Francesco Snichelotto, quindi in piena regola con la disciplina ecclesiastica.

Mons. Ronconi inizia col narrare le vicende familiari del beato Lorenzino.

Siamo nel 1480: Giorgio Sossio, un umile carbonaio originario di Bassano del Grappa, si trasferisce nel paesino di Valrovina, sulle montagne sopra Bassano, appartenete al distretto di Marostica della Repubblica di San Marco. A Valrovina Giorgio Sossio sposa Maria dei Rosa. Nasce il loro primogenito che viene battezzato col nome di Lorenzino, pur essendo i suoi ignari del fatto che il piccolo avrebbe ricevuto, come il suo santo patrono, la palma del martirio.
"Era il Venerdí Santo: 5 aprile dell'anno 1485. Lorenzino - scrive il Monsignore - toccava l'etá di cinque anni. Si era allontanato alquanto dalla casa paterna con altri fanciulli (...) Smarrita la strada, vagando di sentiero in sentiero, s'internó in un bosco, perdendo ogni orientamento. (...) Nel giorno che la pietá cristiana consacra alla morte di Cristo, vagavano per quei luoghi degli ebrei, con il truce disegno di trovare tra i cristiani una vittima da sacrificare in odio a Cristo..." (2).
Mons. Ronconi continua descrivendo come i Giudei "lo videro e pensarono di fare il colpo sicuro (...) trascinandolo presso un antico e diroccato abituro, che ancor oggi si chiama Ca' Lugo. Spogliatolo delle vesti, l'appoggiarono con il dorso al tronco di una grossa quercia, gli tirarono indietro le braccia e poi gli legarono le mani e i piedi in forma di crocifisso" (3).

La furia degli aggressori si scatena sul piccolo cristiano: "La tenera età, le lacrime, i gemiti, lo spasimo di tutte le membra, non valsero a placare quei discendenti dei crocifissoti di Cristo, che inveirono ancor più verso il piccino, finché questi, mancandogli le forze, con il pallore mortale sul volto, piegò la dissanguata testa e morì. Allora, staccatolo dalla quercia lo seppellirono, coprendo con terra, sassi e fogliami l'insanguinato cadavere. Poi si dileguarono "(4).
La scena, continua il Ronconi, fu vista dall'alto di un colle vicino da un eremita che si precipitò sul luogo del martirio: "La terra era insanguinata e rosseggiante era la quercia e non molto lontano il cadavere del Fanciullo non bene coperto. Anzi un suo braccio, fuori dal terreno, era alzato in aria e pareva accennasse al cielo ove l'anima sua era salita a gloria immortale " (5). L'eremita avvisa un pastore che a sua volta "avvisò subito quelli di Valrovina che accorsero in massa (6). Tra lo strazio dei genitori, gli abitanti "inorriditi e in pari tempo sdegnati" recuperano il corpicino martoriato che viene sepolto nel cimitero "comune in quel tempo a Valrovina e a Marostica"(7).
L' omicidio rituale

A questo punto l'Autore interrompe la narrazione del martirio del Beato Lorenzino per ricordare che "l'uccisione di Lorenzino Sossio non era il primo caso del genere. Dieci anni prima, cioè nel 1475 - precisa Mons. Ronconi - gli Ebrei avevano trucidato nel Trentino, durante la Settimana Santa un bambino di circa due anni e mezzo chiamato Simone.
(...) Inoltre anche nella diocesi di Bressanone, nel villaggio Rinnese, un altro fanciullo, chiamato Andrea, venne martirizzato dagli stessi ebrei e per gli stessi fini, e gli fu concessa dalla S. Sede Messa propria e Ufficio. Altri fanciulli ancora subirono la stessa fine, come si può vedere nel Bollario di Benedetto XIV"(8).
Dunque i tre piccoli martiri, il Beato Lorenzino, San Simonino di Trento e il Beato Andrea da Rimi, sono stati tutti uccisi dagli Ebrei durante la Settimana Santa. Perché? E' la stessa domanda che si pose don Giuseppe Pavani, l'autore del libretto "S. Domenichino del Val, chierichetto martire" (9), un altro fanciullo ucciso dai giudei durante il Sacro Triduo: "Ma perché tante uccisioni di fanciulli e di bambini cristiani? Perché - spiegava don Tavani, rivolgendosi ai piccoli chierichetti - gli ebrei in certi loro riti tenebrosi facevano uso di sangue cristiano, e preferivano a questo scopo il sangue di piccoli innocenti " (10).
Si tratta dell'omicidio rituale praticato dagli Ebrei nel corso dei secoli: uccidere dei fanciulli cristiani in occasione di certe festività per usare poi il loro sangue in alcuni riti talmuduci. Prima di continuare la lettura della vita del Beato Lorenzino è bene precisare le cose a riguardo di questo argomento, basandoci essenzialmente su due documenti: il primo si riferisce a uno studio de La Civiltà Cattolica, l'autorevole rivista dei Gesuiti, il secondo a uno studio di Monsignor Umberto Benigni, storico di talento, fondatore del Sodalitium pianum auspicato da San Pio X per poter applicare concretamente le indicazioni contenute nella enciclica Pascendi contro gli adepti del Modernismo.
11 documento della Civiltà cattolica

Nel 1893 La Civiltà cattolica (quando era ancora cattolica) pubblicò un'importante studio sull'omicidio rituale giudaico ripreso poi, anche recentemente, da alcune riviste cattoliche. In questo studio, dopo aver esaminato i processi relativi all'uccisione di San Simonino a Trento nel XV secolo e all'omicidio del padre cappuccino Tommaso da Calangiano a Damasco nel XIX secolo, La Civiltà cattolica scrive:
"Orbene, se si raffrontano i due processi, nel primo dei quali son otto e nel secondo sedici i rei convinti e confessi, oltre a buon numero di testimoni, tutti giudei, vedrassi con meraviglia come, malgrado la distanza di quattro secoli che li divide, le confessioni e le testimonianze deposte in essi quanto al rito e all'uso del sangue cristiano si corrispondono a capello"...

1°) Dai due processi comparati insieme risulta con evidenza che l'assassinio di un cristiano non solamente è riputato lecito, ma è comandato ai giudei dalla legge talmudico-rabbinica. siccome già vedemmo nel precedente articolo, in cui riportammo le stesse parole del Talmud e dei dottori ebrei.
2°) Lo scopo del detto assassinio non è solamente far onta a Cristo e danno al cristianesimo, sebbene anche a questo si miri; ma è soprattutto adempiere un dovere reliigoso, qual è celebrare degnamente le due feste del Purim e della Pasqua, facendo uso in esse del sangue cristiano. Laonde il processo di Damasco ci fa sapere che i giudei, mentre scannavano il P. Tommaso, erano festanti, come
quelli che credevano di fare con quell' assassinio cosa graditissima a Dio e meritoria di vita eterna.
3°) Nelle feste del Purim, per avviso dei rabbini e degli altri giudei processati, si può far uso del sangue di qualsivoglia cristiano, ma per le feste Pasquali vuol essere il sangue di un fanciullo che non abbia oltrepassato i sette anni di età, e la cui immolazione scusi quella dell' agnello.
4°) Le azimelle, giudaicamente ammanierate con quel saporetto di sangue cristiano, si regalano nelle feste del Purim ai non giudei, massime a quei cristiani che fossero (così per modo di dire) conoscenti ed amici; ma nelle feste pasquali si mangiano per ben sette giorni dai soli giudei.
5°) Questo è il segreto del solo padre di famiglia. cui spetta introdurre nella pasta degli azimi,
all' insaputa della moglie e dei figlioli, un pò di sangue o fresco o coagulato e ridotto in polvere.
ó°) Egli deve altresi nella cena pasquale versare qualche goccia di quel sangue nel vino che mesce alla famiglia e benedirne anche la mensa (Oh che cara benedizione!).
7°) Il sangue è migliore e il sacrificio del fanciullo è più accetto a Dio, (come affermava nel processo di Trento il Rabbino Mosè vecchio di 80 anni), quando si fa nei giorni più prossimi alla Pasqua.
8°) Perché il sangue di un bambino cristiano sia acconcio al rito e proficuo alla salute dell' anima giudaica, conviene che il bimbo muoia tra i tormenti, come appunto accadde all' innocente Simoncino e a tanti altri uccisi a punta di spilli, o tagliuzzati a membro a membro, o crocifissi. (...)
11°) L' uso rituale e il mistero del sangue solo si trova scritto nei codici orientali, mentre negli occidentali venne soppresso per tema dei governi cristiani, e sostituito dalla pratica e tradizione orale.
- 12°) Finalmente il detto rito è generale presso gli ebrei osservanti della loro legge (talmudica), e rimonta ai primi secoli del cristianesimo.
Tali sono in sostanza le confessioni concordi dei rabbini e degli altri giudei esaminati in gran numero nei due processi di Trento e di Damasco "(11).
La testimonianza dei rabbini convertiti

La Civiltà cattolica prosegue citando "l'autorità di tre altri Rabbini convertiti al cristianesimo, cioè di Paolo Medici, di Giovanni da Feltre e di Teofito o Neofito monaco moldavo. (...) Paolo Medici - continua la rivista dei Padri Gesuiti - nella sua opera intitolata Riti e costumi degli ebrei (a pag. 323 6° ediz. di Torino - Tip. Borri 1874) confermò le frequenti uccisioni dei fanciulli cristiani; Giovanni da Feltre dichiarò solennemente innanzi al potestà di Milano l'uso che i giudei facevano del sangue cristiano (cf. La Civiltà cattolica Serie II vol. VIII, p. 230 e segg.); e Teofito ne spiegava il mistero nelle sue Rivelazioni scritte in lingua moldava e rese di pubblica ragione nel 1803 (...) tradotte in italiano dal Prof. N. F. S. e pubblicate a Prato nel 1883 sotto il seguente titolo Riti ebraici della moderna Sinagoga (...).
L'ex-Rabbino moldavo (...) schiettamente confessa il rito sanguinario e l'uso che egli stesso, prima della sua conversione, aveva fatto del sangue cristiano, e le sue confessioni mirabilmente concordano con le deposizioni di altri rabbini e giudei processati a Trento, in Damasco e altrove".
La Civiltà cattolica continua a riportare la terribile testimonianza dell'ex-rabbino imitatore di S. Paolo che da feroce persecutore dei cristiani divenne zelante difensore della religione contro i suoi ex-correligionari: "Codesto segreto del sangue, egli dice, non è conosciuto da tutti gli ebrei, ma dai soli Laham (dottori) o rabbini, e dagli scribi e farisei, che però si chiamano conservatori del mistero del sangue (...). Questi solo a voce lo comunicano ai padri di famiglia; i quali lo tramandano a quel figliolo che conoscono più capace del segreto, atterendolo con orrende minacce dallo svelarlo altrui" (...) "Quando io pervenni - continua Teofito - all' età di 13 anni, il mio padre, presomi in disparte, da solo a solo, dopo avermi istruito e sempre più inculcato l'odio contro i cristiani, come cosa da Dio comandata, fino ad ammazzarli e raccogliere il sangue... Figlio mio, mi disse, (dandomi un bacio) ti ho fatto il più intimo mio confidente ed un altro me stesso; e messami una corona in capo, mi diè la spiegazione del mistero... ".
"Il che conferma - prosegue ancora La Civiltà cattolica - quanto dicemmo nel precedente articolo, cioè che l'uccisione dei cristiani e l'uso del loro sangue è un precetto della legge talmudica, un dovere di coscienza, un rito religioso... ". 'Gli ebrei - concludendo a riferire la testimonianza dell' ex rabbino moldavo - sono più contenti quando possono ammazzare bambini; perché sono innocenti e vergini, e quindi perfetta figura di Gesù Cristo; e li ammazzano nella Pasqua, acciocché possano meglio rappresentare la passione di Gesù Cristo".
Vi è poi un'altro aspetto importante, sottolinea ancora La Civiltà cattolica, che spinge i giudei ad "avere tanta sete di sangue cristiano": le prescrizioni della Cabala, che promette guarigioni e altri benefici praticando superstizioni e sortilegi, che prevedono appunto l'uso del sangue cristiano
Lo studio di Monsignor Benigni.

Anche Monsignor Umberto Benigni, nella sua monumentale Storia sociale della Chiesa (12), tratta del problema dell'omicidio rituale giudaico. Col rigore dello storico serio inizia a definire la natura e i caratteri distintivi dell'omicidio rituale, cioé "una vera cerimonia cultuale", che lo differenzierebbe da altri "omicidi commessi in seguito all' odio inveterato degli ebrei contro il nome cristiano" senza "una mentalità rituale" (ad esempio il martirio di S. Stefano e di tutti gli altri cristiani uccisi dai giudei durante i primi secoli della Chiesa).
Mons. Benigni suddivide gli omicidi rituali in due categorie: impliciti e espliciti. Implicito è "il supplizio di un cristiano messo a morte dagli Ebrei durante la Settimana Santa, in memoria e in odio della Passione di Cristo, soprattutto se questo martirio riproducesse le diverse fasi della flagellazione, del' incoronazione di spine e la crocifissione del Redentore ...con la persuasione di fare cosa grata a Dio". Sarebbe invece un omicidio rituale esplicito "se il sangue del martire o uno dei suoi organi fossero utilizzati in una cerimonia giudaica, officiale o superstiziosa o per un qualsiasi fine di propiziazione ".
Prima di continuare la sua investigazione, il prelato fa notare che "l'omicidio rituale può non essere necessariamente né sempre l'effetto di un odio personale" riferendosi (come già indicato dai rabbini convertiti citati da La Civiltà cattolica) alla pratica di certe sette ebraiche; quindi "questa pratica superstiziosa non è assolutamente comune a tutti gli ebrei da cui deriva ( per gli ebrei delle sette incriminate) una distinzione facile a fare, tra un odio comune a tutti i loro correligionari e la loro superstizione particolare".
Mons. Benigni esamina allora la lunga lista degli omicidi rituali più famosi: da quello commesso a Blois nel 1071 sino a quello del 1791 in Transilvania, percorrendo una settantina di casi registrati in tutti i Paesi europei.
La palma del martirio riconosciuta dalla Chiesa

Tra tutti questi episodi di bambini martirizzati, la Santa Chiesa, nella sua proverbiale prudenza, solamente in alcuni casi ha elevato le vittime agli onori degli altari (questo non significa che la Chiesa non ritiene gli altri fanciulli come martiri, ma che si limita a dire che quelli beatificati lo sono sicuramente; come a Lourdes dove su oltre 2.500 guarigioni riconosciute dai medici come miracolose, le autorità ecclesiastiche hanno considerato come veri miracoli solamente 62 casi).Essi sono, oltre al Beato Lorenzino, di cui torneremo a parlare tra non molto:
- San Domenichino del Val, crocifisso con chiodi alle mani e ai piedi nella Settimana Santa del 1250 a Saragozza; il corpo era venerato nella cattedrale dove una lapide ammoniva: "Questa Santa Chiesa Metropolitana volle qui deposta la salma del bimbo Domenico ... Sottoposto all'estremo supplizio qui a Saragozza dietro ordine della Sinagoga degli ebrei fu confitto con chiodi a una parete e infine gli fu trapassato da un lato il petto con una spada. Sofferse gloriosamente il martirio il dì XXXI Agosto MCCL" (13). Nel 1805 Pio VIII confermava il culto; festa il 31 agosto. Il card. Merry del Val apparteneva alla stessa famiglia del Santo.
- il Beato Andrea, seviziato nel 1462 nel paesino tirolese di Rinn, vicino a Innsbruck, particolarmente venerato in tutto il Tirolo; Benedetto XIV nel 1755 confermava il culto, concedendo un ufficio liturgico proprio; festa il 12 luglio.
- San Simonino, martirizzato a Trento nel 1475, di cui esistono i processi originali dai quali appare che gli Ebrei di Trento, responsabili dell'omicidio rituale di S. Simonino, ne rivelarono molte altri commessi dai giudei allo stesso scopo rituale in Tirolo, in Lombardia, nel Veneto e in altri luoghi dell'Italia, della Germania, della Polonia, ecc. Il suo nome è inserito nel Martirologio romano, in data 24 marzo: "Il nono delle calende d'aprile a Trento la passione di San Simone, fanciullo, trucidato crudelmente dai Giudei, autore di molti miracoli". Roma concesse una Messa e un Ufficio proprio (14).
- il Beato Cristobal della Guardia, "l'infame sacrilegio fu eseguito nella Settimana Santa del 1491 " a Toledo, beatificato da Pio VII nel 1805, festa il 26 settembre.
Inoltre vi è un culto multi secolare locale per:
- il Beato Riccardo, immolato il giovedì santo del 1179 nel castello di Pointoise, in Francia; in seguito al processo fu riconosciuto il martirio ed è venerato tra i santi della arcidiocesi di Parigi il 25 marzo (15).
- il Beato Ugo di Lincoln, martirizzato in Inghilterra nel 1225. Nel Medioevo fu composta l'opera sacra Passio pueri Hugonis de Lincolna (16).
- il Beato Werner, immolato dagli Ebrei nel 1287, a Oberwezel, nella diocesi di Treveri, festeggiato il 19 aprile (17).
- il Beato Enrico, "crudelmente martirizzato" a Monaco nel 1345, venerato nella diocesi.
- il Beato Sebastiano da Porto Buffole nel Bergamasco, ucciso ritualmente nel 1480. - il Beato Simonino, ucciso a Vilna, in Lituania nel 1592; sul suo corpo si contarono più di 170 ferite.
Altri argomenti

Dopo aver esaminato questa lunga lista di delitti di fanciulli cristiani attribuiti a omicidi rituali giudaici, Mons. Benigni passa a quello che chiama "la critica" della questione, argomentando come:
1) nessuno possa negare che "l'ebraismo, sottomesso alla lettera e allo spirito del Talmud, abbia realmente vissuto in un'atmosfera di odio implacabile contro i cristiani"; inoltre in "un'epoca di più rudezza e di ferocità"non è sorprendente che "certe sette giudee più fanatiche" abbiano potuto praticare "l'omicidio religioso, in forma più o meno rituale;
2) pur ammettendo che tra le centinaia di casi elencati ve ne siano alcuni dubbi quanto alla loro veridicità, sembra impossibile di pensare che "tutti e ciascuno tra le centinaia di fatti raccolti dalla storia ... siano falsi assolutamente in blocco ", tanto più che emergono delle "linee caratteristiche" comuni che "hanno tutta l'apparenza della realtà".
Esaminando poi gli argomenti dei "difensori della cattiva causa ebraica" secondo i quali alcuni papi non avrebbero creduto all'esistenza dell'omicidio rituale ebraico, Mons. Benigni taglia corto: "Un Papa parla come Papa quando ci dice , ma quando asserisce di non credere all'omicidio rituale, parla come uomo, si tratta solamente di una ".
E allora Monsignor Benigni considera proprio tutti gli atti pontifici relativi al culto dei fanciulli martiri, annotando che:
1) "La Santa Sede non ha mai fatto dichiarazioni neganti il fatto dell'omicidio rituale ".
2) "A più riprese, solennemente, la Santa Sede ha riconosciuto la realtà storica del delitto implicitamente rituale (cioè l'assassinio di un fanciullo cristiano in occasione della Settimana Santa, per un rinnovamento dei supplizi della Passione di Cristo sul corpo del martire) ".
"E questo spirito - prosegue il prelato - come questo parere della Roma papale, appare alle intelligenze oneste, competenti e informate, come il verdetto stesso della storia". Mons. Benigni termina con le ultime obiezioni relative all'omicidio rituale esplicito (l'uso del sangue per i riti segreti): "Noi ameremmo, per l'onore dell'umanità, poterne negare categoricamente la realtà: ma contro vi sono due fatti gravi".
Il primo è che questa accusa cristiana lanciata contro i giudei è millenaria, costante e si è "perpetuata e rinnovata" nel corso dei secoli: ritroviamo qui il giudizio de La Civiltà Cattolica, sulla molteplicità dei casi incriminati e l'omogeneità degli elementi che li caratterizzano, malgrado epoche e nazioni differenti. Il che fà appunto supporre che si tratta dell'osservanza di un qualcosa di ben definito, e rigorosamente precisato.
Inoltre, continua Mons. Benigni, vi è un altro elemento determinante (anch'esso già messo in luce dalle colonne del La Civiltà Cattolica) relativo all' uso del sangue cristiano per "dei fini extra-rituali ", come rimedio medicinale. "Gli Ebrei del Medio Evo raccolsero ...questa orientale, e poi greco-romana di usare il sangue umano come "rimedio" medicinale; l'adottarono, come del resto adottarono tutte le superstizioni dell'alchimia, dell'astrologia, dell'occultismo, che fanno uso del sangue umano. I filtri magici a base di sangue cristiano abbondarono per gli incantesimi, divinazioni, scoperte dei segreti della natura".
Il Benigni arriva dunque alla conclusione della sua investigazione: l'uso di sangue cristiano da parte dei giudei "sarebbe difficile negarlo categoricamente davanti la moltitudine di testimonianze raccolte attraverso le epoche. Queste testimonianze in effetti potrebbero contraddirsi quanto alfine ricercato dall'omicidio: gli uni ci hanno visto la finalità del (medicinale), gli altri hanno creduto all'intenzione rituale; ma tutti concordano quanto a questo fatto tangibile e per conseguenza incontenstabile dell'uso fatto dai Giudei di sangue cristiano'
"Ecco le ragioni che ci impediscono di credere assolutamente finita in senso negativo questa questione dell'omicidio propriamente rituale tra i giudei ".
Evidentemente nei casi dei fanciulli beatificati, i Sommi Pontefici hanno riconosciuto come causa del delitto non un semplice uso superstizioso del sangue cristiano, essendo "questi fanciulli uccisi in odio al cristianesimo e che sono, da tempo imme-morabile, in qualche città o diocesi in possesso del culto pubblico con la scienza, con la tolleranza o addirittura con la positiva approvazione degli Ordinari ", come insegnò Benedetto XIV nel suo Bollario (tomo IV, costituzione 43).
Il culto al beato Lorenzino

Dopo questa lunga precisazione - mi auguro sufficiente (18) - sul fatto storico dell'omicidio rituale e dell'uso del sangue cristiano da parte dei Giudei, ritorniamo alla vita del Beato Lorenzino, illustrando la propagazione del suo culto.
Mons. Ronconi sottolinea il fatto che anche "nel cimitero deve era stato sepolto, il cadavere del piccolo martire fu trovato con un braccio sopra la terra e la mano alzata verso il Cielo" (19).
Per ben due volte il braccio fu sepolto ma ogni volta tornava a uscire da terra rivolto al cielo. La seconda volta addirittura sopra la terra vi era "il corpo del piccolo Martire con la solita mano destra alzata" (20) che sprigionava una gran luce.
Il corpo risultava incorrotto. La popolazione allora esclamò: "Questo è il corpo di un Santo che Dio vuole glorificare: portiamolo in chiesa, collochiamolo in un luogo dove si possa tributargli onore e venerazione" (21).
Ma in quale chiesa portarlo? Valrovina, Marostica e Bassano si contendevano la preziosa reliquia. Si caricò allora il corpicino su un carro trasportato da due giovenche "le quali dovevano essere lasciate libere di andare dove l'istinto le avesse condotte" (22).
La Provvidenza li condusse in direzione di Marostica, tra il tripudio dei fedeli di quella città. Le giovenche si arrestarono nei pressi della chiesa francescana di S. Sebastiano: era il 28 aprile del 1485.
Da allora il corpo, rimasto incorrotto sino ad oggi, fu venerato con grande fede dal popolo cristiano.
Quando le leggi empie dei "liberatori" napoleonici fecero chiudere tutti i conventi con le loro chiese, il corpo del Beato Lorenzino fu trasportato dalla chiesa conventuale alla vicina Pieve dedicata a S. Maria Assunta, fuori dalle mura cittadine, dove è tuttora (ma non per molto, come vedremo), mentre la mano destra fu concessa alla chiesa parrocchiale di Valrovina.
Il Ronconi sottolinea come nel corso dei secoli la Chiesa approvò il culto popolare, spontaneo, genuino che fu sempre attribuito al fanciullo martire. Ventiquattro vescovi della diocesi avevano "riconosciuto e approvato il culto al Martire bambino" (23).
Nel 1602 Mons. Corner, vescovo di Padova, "ordinò la raccolta degli atti necessari per la canonizzazione" ma una volta arrivato a Roma morì e la causa non ebbe luogo.
Finalmente "nel 1867 a Roma fu pubblicato il decreto che confermava (perché ad immemorabili) il culto al B. Lorenzino ". Pio IX concesse anche "al clero vicentino e padovano l' Ufficiatura propria del Beato, fissando la festa liturgica il 15 aprile e la festa esterna cittadina la seconda domenica dopo Pasqua" (24).
In occasione del IV centenario del martirio (1885) presenziò alle funzioni il cardinale Patriarca di Venezia.
La potente intercessione del Santo fanciullo

Il culto al piccolo martire continuò e aumentò col passare dei secoli. Durante le ultime, terribili giornate della seconda guerra mondiale, quando il Nord Italia era sconvolto dalle bombe angloamericane e dalle scorribande delle bande partigiane, la popolazione di Marostica si strinse attorno al suo Santo pronunciando un voto solenne: "O beato Lorenzino, salvaci, salvaci ... salvaci dai pericoli della guerra e quanto prima una cappella sorgerà al tuo nome perché si dica ai nostri figli quanto è potente la tua piccola mano e quanto ami i tuoi devoti. O B. Lorenzino, salvaci... ".
"Il Beato Lorenzino - annota il Ronconi - esaudì l'accorata e umile supplica dei suoi fedeli devoti. Marostica con i suoi abitanti rimase illesa in mezzo all'uragano ...e i Marosticensi mantennero la promessa" (25).
Fu così progettata e costruita immediatamente una nuova cappella laterale nella parrocchiale di S. Maria Assunta per ospitare il corpicino sempre incorrotto del Martire.
L'inaugurazione avvenne nell' aprile del 1947: la descrizione lasciataci dal Ronconi è commovente e la riportiamo interamente per sottolineare il contrasto con le direttive delle attuali autorità ecclesiastiche.
La data dell'inaugurazione fu fissata alla "seconda domenica dopo Pasqua, festa annuale del beato. Fin dalla domenica in Albis (la prima dopo Pasqua), 13 aprile, cominciarono i preparativi delle solenni onoranze con predicazioni e preghiere. In quei giorni, tra i fedeli che gremivano la Chiesa, particolare commozione suscitò la traslazione dell'urna... Portato da quattro reduci, il corpo del Beato attraversò la Chiesa e fu deposto nella Sua nuova dimora. Fu un momento indimenticabile quello in cui l'Arciprete Don Casto Poletto, visibilmente commosso, rievocando i tristi momenti della guerra, rivolse il primo e pubblico ringraziamento al piccolo Martire, che tanto aveva fatto per i cittadini di Marostica.
Le solennità cominciarono il venerdì sera con l'arrivo di S. E. Mons. Socche Vescovo di Reggio Emilia (ex vicario di Marostica) ... Al sabato sera, tra una festa di luci e di suoni, arrivò anche il vescovo diocesano S. E. Mons. Zinato... La domenica 20 aprile, tra un popolo stipatissimo e proveniente anche dai paesi vicini, pontificò solennemente il vescovo diocesano. Nel pomeriggio, dopo i vesperi pontificali, dinanzi all' urna del Beato Martire, informa solenne, il voto fu sciolto" (26).
Nei libri devozionali del vicentino si possono trovare il triduo di preghiere al Beato ("...offristi il Tuo tenero corpo all'ira nefanda dei nemici di Cristo...") e la "Preghiera dei bambini al B. Lorenzino Sossio" ("...per lo strazio delle Tue membra purissime, che i perfidi giudei martoriarono in odio al nome cristiano...") (27).
A Marostica la cappella contenente l'urna del martire è sempre stata meta dei fedeli, gente semplice animata da una grande fede, che amava lasciare ceri e fiori in onore del Santo fanciullo. La processione annuale manifestava la profonda devozione popolare, con le strade gremite in onore del martire, in una profusione di luci e canti. A Valrovina nella chiesa parrocchiale i fedeli veneravano il prezioso braccio destro del Santo e si assiepavano ogni anno nel luogo del martirio, in mezzo ai boschi, dove una cappellina ricorda il tragico evento. Sia a Marostica che a Valrovina una strada comunale è dedicata al "Beato Lorenzino", così pure la scuola materna adiacente alla chiesa di Marostica.
Il revisionismo storico dei modernisti

Oggi le cose sono cambiate e rischiano di peggiorare ulteriormente.
Quello che state per leggere è stato visto e sentito in prima persona dal sottoscritto, andato sul posto per interpellare il "popolo di Dio" di Marostica e Valrovina che sta soffrendo impotente davanti alla prevaricazione del clero conciliare.
Sulle prime la popolazione mi guardava con diffidenza, pensando che fossi uno dei preti "revisionisti" che vogliono eliminare il culto del B. Lorenzino. Addirittura una signora sessantenne, vedendomi scattare delle foto, mi aveva redarguito dalla finestra e poi, vedendomi devoto al "loro" santo, era corsa a cercare un santino per farmene omaggio. La perpetua mi spiega che il vescovo ha iniziato con abolire la processione annuale ("che era proprio bella, con dei luminari stupendi"), poi il parroco ha fatto togliere ceri e fiori dalla cappella dove si conserva l'urna e l'urna stessa non si apre più per permettere di venerare il corpicino incorrotto e adesso vogliono addirittura portare via il corpo! "Vogliono portarci via il nostro santo, fate qualcosa! Se può scriva a Roma... ".
Chiedo il motivo di tanto accanimento... "Sono gli ebrei che protestano: ogni anno quando facevamo la processione, il vescovo di Vicenza riceveva telefonate da ebrei di mezza Italia: Milano, Roma, Firenze ... Ma noi non preghiamo San Lorenzino per fanatismo (alludendo probabilmente all'accusa di antisemitismo, ndr), ma perché è il nostro santo, lo abbiamo sempre pregato... " raccontandomi poi la devozione delle mamme, gli ex-voto, la pietà popolare, sincera, profonda, frutto della Tradizione cattolica. A Valrovina le scene si ripetono: fotografando la celletta costruita dove un tempo sorgeva la casa dei Sossio, i vicini di casa mi guardano con sospetto e poi iniziano a protestare per il disegno di sopprimere il culto al Beato: "Mi hanno sempre insegnato che sono stati gli ebrei a ucciderlo, là nel bosco. Adesso dicono che non è vero... " barbotta un settantenne. E una vispa signora quarantenne sfida la pioggia (pioveva a dirotto) pur di cercare le chiavi della chiesa e permettermi di venerare il braccio miracoloso.
La reliquia è esposta in una cappella laterale: è impressionante vedere questo piccolo, esile braccio rimasto incorrotto dopo tanti secoli. Mi preme allora giungere sul luogo del martirio "ma guardi che è nel bosco, non si può arrivare in auto" mi spiegano. Mi inoltro nel bosco su una strada sterrata per circa due chilometri, poi sono costretto a proseguire a piedi per un altro chilometro, sotto la pioggia.
Mi trovo finalmente di fronte alla cappellina sorta sul luogo esatto del martirio. Ai suoi piedi vi sono fiori freschi e ceri accesi: la fede popolare resiste malgrado i cattivi pastori. Dietro la robusta cancellata che protegge la celletta rimango esterefatto nel vedere un pannello col disegno di grande prato con delle farfalle svolazzanti e una piccola immagine del B. Lorenzino in gloria. La Provvidenza ha voluto che poco tempo dopo dei benemeriti ignoti rimuovessero il pannello, ridando alla luce l'affresco originale che rappresenta il fanciullo crocifisso su un albero attorniato da due giudei (riconoscibili dai tratti somatici, in particolare dal setto nasale) che lo seviziano con delle tenaglie ed altri strumenti. Evidentemente il pannello con le farfalle è più ecumenico...
Tornato a Marostica incontro il parroco, avvolto in un completino grigio-topo. Gioco al turista ignaro e chiedo chi sia il santo contenuto nell'urna: "non è un santo, si tratta di una mistificazione storica", rammaricandosi di come "a Trento sia stato più facile" (!!!) (riferendosi all'abolizione del culto di S. Simonino). Allora la Chiesa ha sbagliato nel beatificarlo? `Il vescovo lo vuol far togliere (SIC!), bisogna obbedire".
Il veto della Sinagoga

Per la verità, l'abolizione del culto del B. Lorenzino non è una iniziativa personale del vescovo vicentino, quanto piuttosto di una decisione romana che ha già colpito gli altri piccoli martiri.
A Trento, il vescovo Gottardi con un decreto del 28.05.1965 "sospendeva qualsiasi forma di culto pubblico" di San Simonino, trafugando il corpo del martire dall'urna esposta nella chiesa di San Pietro, per poi nasconderlo; un giurista lo ha definito un vero e proprio occultamento di cadavere. L'urna è stata poi messa in un angolino con dentro un beffardo cartello che, discolpando da ogni responsabilità gli Ebrei, riporta tra l'altro: "Serie ricerche storiche hanno smentito tale versione dei fatti... ", invitando comunque a pregare San Simonino (ma se non è santo perché bisogna pregarlo?) per "quanti sono ingiustamente perseguitati". La rivista paolina Jesus recentemente ha trattato dell'argomento parlando di un"falso beato" (28).
Anche nel paesino tirolese di Rinn, nel 1985, le reliquie del Beato Andrea (un tempo esposte sotto l'altar maggiore) sono state fatte rimuovere dal vescovo diocesano, Mons. Stecher, perchè "La Chiesa aveva commesso un pesante errore nel beatificare il fanciullo di Rinn..." (!!!) (29) e poste in fondo alla chiesa, dietro una squallida lapide che informa che Andrea è stato rapito da sconosciuti (!) e che la colpa è stata ingiustamente attribuita ai Giudei (30). Sono spariti i numerosi ex voto e sulla roccia dove fu martirizzato la sua statua è stata sostituita da una di Gesù orante. Il culto è vietato, ma ogni anno i cattolici tirolesi si riuniscono nella chiesetta di Rinn per pregare il Martire.
A Marina di Massa la parrocchia di Poveromo-Ronchi era dedicata a S. Domenichino: anche qui il vescovo locale ha provveduto, nel dicembre 1970, all'epurazione, cancellando ogni riferimento al Santo spagnolo; in un'opera di propaganda filo-ebraica si legge: "E' soppresso, solo in questo anno, il culto di Domenichino del Val, pseudo-santo epseudo-martire" (31). Nell'estate del 1990 si constatava ancora la devozione popolare per San Dominichino e allora il parroco riceveva del vescovo di Massa, Carrara e Pontremoli una incredibile lettera riportata del Corriere della Sera: "Deve scomparire, nell'ambito della pietà popolare, ogni riferimento al bimbo spagnolo. A suo tempo si potrà modificare anche il nome della parrocchia "(32) . Nella missiva si vietava anche la diffusione dei santini recanti l'immagine del piccolo martire.
Il Corriere della Sera, dopo aver sottolineato che "I parrocchiani sono sconcertati. Erano affezionati alla piccola, stupenda chiesetta che portava il nome del martire", ammetteva che "il martire non sarebbe gradito alle comunità ebraiche nazionali ed estere ".
Stranamente a Marostica le cose sono andate per le lunghe, anche se fin dal 1972 la rivista Shalom chiedeva a gran voce la soppressione del culto del Beato Lorenzino (33).
E' eloquente il fatto che le comunità ebraiche abbiano richiesto e ottenuto dalla gerarchia cattolica di sopprimere il culto ai fanciulli cristiani uccisi dai giudei, dopo aver chiesto e ottenuto durante il Concilio Vaticano II di essere discolpati dall'accusa di deicidio.
Se infatti il Vaticano modernista è pronto a riconoscere il popolo ebraico non responsabile della crocifissione di Nostro Signore, andando così contro la Sacra Scrittura, il Magistero, e la Storia, perché non negare anche gli omicidi rituali ebraici e quindi il martirio di questi piccoli cristiani?
Così i gerarchi conciliari, da buoni fratelli minori, non fanno altro che imitare i loro fratelli maggiori, procurando un secondo martirio a questi Santi Fanciulli.
Fermiamo questa empietà!

Davanti al progetto di eliminare il culto pubblico del Beato Lorenzino invitiamo i lettori a indirizzare al vescovo di Vicenza e al parroco di Marostica delle lettere di protesta, sollecitando il mantenimento del culto multi secolare al Martire in ossequio alla verità storica e alla fede cristiana. Le lettere potranno essere indirizzate a:

S.E.R. Mons. Nonis
Curia Vescovile 36100 - Vicenza e al:
M.R. Parroco
Chiesa S. Maria Assunta 36063 Marostica (VI).

La bella orazione del Postcommunio della Messa propria del Beato Lorenzino ci aiuti a impegnarci con fiducia e fermezza per la difesa della religione cattolica dagli assalti dei suoi nemici esterni ed interni:
"O Dio, per il cui disprezzo gli empi giudei inflissero un genere di crudelissima morte all'innocente fanciullo e martire Lorenzino, concedi ai tuoi fedeli che venerano piamente la Sua memoria in terra, di conseguire il frutto della Tua passione in cielo" (34).
NOTE:

(1) Mons. G. Ronconi, "Il Beato Lorenzino da Marostica nella Storia e nel Culto", Tip. Ars et Religio, Vedelago (TV) 1954.
(2) Mons. G. Ronconi, op. cit., pag. 10 (3) Mons. G. Ronconi, op. cit., pag. 11 (4) Mons. G. Ronconi, op. cit., pag. 11 (5) Mons. G. Ronconi, op. cit., pag. 12. (6) Mons. G. Ronconi, op. cit., pag. 13. (7) Mons. G. Ronconi, op. cit., pag. 13. (8) Mons. G. Ronconi, op. cit., pag. 14.
(9) Don G. Pavani, "S. Domenichino del Val, Chierichetto Martire ", Ed. Piccolo Clero, Parma 1963. (10) Don G. Pavani, op. cit., pag. 18.
(11) "La morale giudaica e il mistero del sangue", in La Civiltà cattolica , serie XV, vol. V, fase. 102 del 12 gennaio 1893, pag. 269 e seguenti.
(12) Mons. Umberto Benigni, "Storia sociale della Chiesa", ed. Vallardi, Milano 1922, vol. IV, t. I, app. III, pag. 369 e seguenti.
(13) Don G. Pavani, op. cit., pag. 42.
(14) Per il martirio di S. Simonino rimandiamo alla lettura della "Storia del Beato Simone da Trento, compilata sui processi autentiti istituiti contro gli Ebrei e sopra altri documenti contemporanei dal Sac. Giuseppe Divina - Parroco di S. Pietro - Canonico Onorario della Cattedrale di Trenta ", Trento 1902, Tip. Ed. Artigianelli, Vol. 1 e II.
(15) Albert Monniot, "Le crime rituel chez les les Juifs", Paris Terqui 1914, pag. 146

(16) Henri Desportes, "Le mystere du sang chez les Juifs de tous les temps", Paris Savine 1890, pag. 105.
(17) Albert Monniot, op. cit., pag. 159.
(18) Chi fosse tentato a rifiutare l'evidenza storica può riflettere anche sulla notizia riportata dai maggiori quotidiani nazionali (non sospetti di antisemitismo) della strage nella moschea di Hebron lo scorso anno in occasione della festa ebraica del Purim ad opera del terrorista giudeo B. Goldstein. repubblica del 4.03.94 scriveva: "Per i coloni più fanatici è tutto scritto nei sacri testi. Massacrando decine di nemici inginocchiati in preghiera il dottor Goldstein non ha fatto altro che tradurre nella realtà il precetto di Dio... " e cioè sacrificare degli uomini proprio il giorno del Purim. Il Corriere della Sera del 4.03.95 ricordava inoltre che "Nel '92, a due anni dalla strage della spianata del Tempio, 20 arabi uccisi e 20 feriti, il bollettino ciclostilato del Kach era uscito con un editoriale dal titolo , ricordando appunto i settanta buoi che venivano sacri reati durante la festa del Succot. I buoi, in questo caso, erano i dimostranti palestinesi ". Su Il Corriere della Sera del 4.03.1994 si legge inoltre che il Goldstein, di professione medico, durante la guerra del Libano "si rifiutò categoricamente di curare i non ebrei".
(19) Mons. G. Ronconi, op. cit., pag. 16.

(20) Mons. G. Ronconi, op. cit- pag. 17.

(21) Mons. G. Ronconi, op. cit., pag. 17.

(22) Mons. G. Ronconi, op. cit., pag. 18.

(23) Mons. G. Ronconi, op. cit- pag. 28.

(24) Mons. G. Ronconi, op. cit., pag. 29.

(25) Mons. G. Ronconi, op. cit., pag. 33.

(26) Mons. G. Ronconi, op. cit., pag. 37.

(27) Mons. G. Ronconi, op. cit., pag. 60.

(28) Jesus, gennaio 1995, pag. 66.
(29) Le Chardonnet, N. 54 - Marzo 1990.
(30) Kaplan Gottfried Melzer, "Das selige Kind Andreas von Rinn", Durach 1989, pag. 83.
(31) Di Nola, "Antisemitismo in Italia 19621 1972 ", Vallecchi Editore 1973, pag. 168.
(32) Il Corriere della Sera del 21.07.1990.
(33) Shalom, luglio/agosto, M. Nardello, Il presunto martirio del beato Lorenzino Sossio da Marostica, in Archivio Veneto, serie V, vol XCV, 1972

(34) Mons. G. Ronconni, op. cit. pag. 56.










 
Messaggio della Madonna a La Salette Rivelazioni di Maria SS riguardanti i nostri tempi





Melania quello che sto per dirti ora, non sarà sempre un segreto: lo puoi pubblicare nel 1858. I sacerdoti, i ministri di mio Figlio con la loro vita cattiva, con le loro irriverenze e le loro empietà nel celebrare i santi Misteri, con l’amore per il denaro, l’amore per gli onori ed i piaceri, i sacerdoti sono diventati cloache di impurità. Si, i preti provocano la vendetta e vendetta pende sulle loro teste. Guai ai preti ed alle persone consacrate a Dio che, con la loro infedeltà e la loro vita cattiva crocifiggono di nuovo mio Figlio! I peccati delle persone consacrate a Dio gridano al cielo e richiamano vendetta ed ora ecco la vendetta alle loro porte giacchè non si trova più alcuno che invochi misericordia e perdono per la gente; non ci sono più anime generose, ora non c'è più, nessuno degno di offrire la Vittima Immacolata all’Eterno in favore del mondo. Dio colpirà in una maniera senza pari! Guai agli abitanti della terra! Dio vuoterà la sua ira e nessuno sarà in grado di sfuggire a cosi tanti mali tutti in una volta. I capi, i condottieri del popolo di Dio, hanno dimenticato la preghiera e la penitenza, e il demonio ha ottenebrato le loro menti; esse sono divenute quelle stelle erranti che l’antico diavolo con la sua coda trascinerà alla rovina. Dio permetterà all’antico serpente di seminare divisioni tra i governanti, in tutte le società e in tutte le famiglie; si subiranno sia punizioni fisiche che morali. Dio abbandonerà gli uomini a se stessi e manderà castighi uno dopo l’altro per più di 35 anni. La società è alla vigilia dei più terribili flagelli e dei più grandi eventi; ci si deve aspettare di essere governati da una verga di ferro e di bere il calice dell’ira di Dio. Che il Vicario di mio Figlio: il Sovrano Pontefice Pio IX non lasci Roma dopo il 1858; che egli sia fermo e generoso faccia la battaglia con le armi della Fede e dell’amore Io sarò con Lui. Che si guardi a Napoleone; il suo Cuore è doppio! e quando egli vorrà essere Papa e Imperatore allo stesso tempo, Dio lo abbandonerà. Egli è quell’aquila che desiderando di alzarsi sempre più, cadrà sulla spada che lui voleva usare per forzare le popolazioni ad esaltarlo. L’ltalia sarà punita per la sua ambizione nel volere scuotersi il giogo del Signore dei Signori; così essa sarà consegnata alla guerra; sangue scorrerà da tutte le parti; le chiese saranno chiuse o dissacrate; preti e religiosi saranno cacciati; essi saranno messi a morte e ad una morte crudele. Molti abbandoneranno la Fede e il numero dei sacerdoti e dei religiosi che si separeranno dalla vera religione sarà grande; persino dei vescovi saranno trovati tra queste persone. Che il Papa stia in guardia contro gli operatori di miracoli, giacchè è venuto il tempo in cui avverranno i più straordinari prodigi sulla terra e in cielo. Nell’anno 1864, Lucifero, insieme ad un gran numero di demoni saranno sciolti dall’inferno; a poco a poco essi aboliranno la fede, e questo anche in persone consacrate a Dio; essi li accecheranno al punto tale che senza una grazia speciale, queste persone prenderanno lo spirito di questi angeli cattivi; un numero di case religiose perderanno completamente la fede e causeranno la dannazione di molte anime. Libri cattivi abbonderanno sulla terra e gli spiriti di oscurità spargeranno da ogni parte un universale rilassamento in tutto ciò che concerne il servizio di Dio. Essi avranno un grandissimo potere sulla natura; ci saranno chiese per servire questi spiriti.(“Setta di satana” - n.d.r.) La gente sarà trasportata da un posto all’altro da questi spiriti cattivi, e persino i sacerdoti, perchè essi non avranno vissuto secondo lo spirito buono del Vangelo, che è spirito di umiltà, carità e zelo per la gloria di Dio. I morti e i giusti saranno fatti risorgere (cioè:questi morti assumeranno l’aspetto di anime giuste che una volta vissero sulla terra, con lo scopo di sedurre gli uomini più facilmente; questi cosiddetti morti risuscitati, che non saranno altro che il demonio sotto queste facce, predicheranno un altro Vangelo, contrario a quello vero di Gesù Cristo negando l’esistenza del paradiso... Tutte queste anime appariranno unite ai loro corpi; "Aggiunta di Melania.").Ci saranno straordinari prodigi dovunque, perchè la vera Fede è stata spenta ed una falsa luce illumina il mondo. Guai ai principi della Chiesa che saranno occupati solo ad accumulare ricchezze su ricchezze a difendere la propria autorità ed a dominare con orgoglio! Il Vicario di mio Figlio dovrà soffrire molto, perchè per un po’ la Chiesa sarà data a grandi persecuzioni. Sarà l’ora delle tenebre; la Chiesa passerà una spaventosa crisi. Dimenticata la santa fede di Dio, ogni individuo vorrà guidarsi da solo ed essere superiore ai suoi pari. L’autorità civile ed ecclesiastica sarà abolita. l’ordine e la giustizia saranno calpestati sotto i piedi. Si vedranno solo omicidi, odio, gelosia, menzogna e discordia, senza amore per la patria e per la famiglia. Il Santo Padre soffrirà molto. Io sarò con lui fino alla fine per ricevere il suo sacrificio. I malvagi faranno vari attentati alla sua vita senza riuscire ad accorciare i suoi giorni; ma ne lui ne il suo successore vedranno il trionfo della Chiesa di Dio. I governanti civili avranno tutti lo stesso scopo, che sarà quello di abolire e far sparire ogni principio religioso, per far strada al materialismo all’ateismo allo spiritismo e a vizi di tutti i tipi. Nell’anno 1865, l’abominazione sarà vista nei luoghi santi; nei conventi, i fiori della Chiesa diverranno putridi e il diavolo si stabilirà come re di tutti i cuori. Per coloro che sono a capo di comunità religiose stiano in guardia con le persone che devono ricevere perchè il diavolo userà tutta la sua malizia per introdurre negli Ordini religiosi persone date al peccato, giacchè disordini e amore ai piaceri carnali saranno sparsi su tutta la terra. La Francia, l’Italia, la Spagna e l’Inghilterra saranno in guerra; sangue scorrerà per le strade; il francese combatterà col francese, l’italiano con l’italiano; poi ci sarà una guerra generale che sarà spaventosa. Per un po’ Dio non si ricorderà più della Francia e dell’Italia, perchè il Vangelo di Gesù Cristo non è più conosciuto. I malvagi sguinzaglieranno tutta la loro malizia; persino nelle case ci saranno omicidi e mutui massacri. Con il primo fulmineo colpo della sua spada, le montagne e tutta la natura tremeranno di spavento, perchè i disordini e i crimini degli uomini stanno squarciando la volta dei cieli. Parigi sarà bruciata e Marsiglia inghiottita; un numero di grandi città saranno scosse e inghiottite dai terremoti; tutto sembrerà perduto; si vedranno solo assassini, si udranno strepito di armi e bestemmie. I giusti soffriranno molto; le loro preghiere la loro penitenza e le loro lagrime saliranno fino al cielo e tutto il popolo di Dio chiederà perdono e misericordia e chiederà il mio aiuto ed intercessione. Allora Gesù Cristo, per un atto della sua giustizia e per la sua grande misericordia verso i giusti, comanderà ai suoi Angeli di mettere a morte tutti i suoi nemici. In un colpo i persecutori della Chiesa di Gesù Cristo e tutti gli uomini dediti al peccato periranno e la terra diventerà come un deserto. Poi ci sarà la pace, la riconciliazione di Dio con gli uomini; Gesù Cristo sarà servito, adorato e glorificato; la carità fiorirà ovunque. I nuovi re saranno il braccio destro della Santa Chiesa che sarà forte, umile, pia, povera, zelante imitante le virtù di Gesù Cristo. Il Vangelo sarà predicato ovunque e gli uomini faranno grandi passi nella fede, perchè ci sarà unità tra gli operai di Gesù Cristo e gli uomini vivranno nel timor di Dio. Ma questa pace tra gli uomini non durerà molto: 25 anni di raccolti abbondanti faranno dimenticare loro che i peccati degli uomini sono la causa di tutti i guai che capitano sulla terra. Un precursore dell’Anticristo, con le sue milizie prese da molte nazioni, muoverà guerra contro il vero Cristo, il solo Salvatore del mondo; egli spargerà molto sangue e cercherà di annullare il culto di Dio per essere considerato come un Dio. La terra sarà colpita da castighi di ogni genere (oltre alla peste e alla carestia, che saranno diffuse -“aggiunta di Melania"); ci saranno guerre fino all’ultima guerra, che sarà poi mossa dai dieci re dell’Anticristo, re che avranno un disegno comune e saranno gli unici governanti del mondo. Prima che questo accada, ci sarà una specie di falsa pace nel mondo; la gente penserà solo a divertirsi; i malvagi si lasceranno andare a ogni sorta di peccato; ma i figli della Santa Chiesa, i figli della vera fede, i veri miei imitatori, cresceranno nell’amore di Dio e nelle virtù a me più care. Felici le anime umili guidate dallo Spirito Santo! Io combatterò con loro fino a che essi raggiungeranno la pienezza della maturità. La natura implora vendetta a causa degli uomini e trema di spavento, aspettando quello che deve accadere alla terra macchiata di crimine. Trema, terra e tu che professi di servire Gesù Cristo mentre interiormente tu adori te stesso, trema! Perchè Dio ti consegnerà al suo nemico, perchè i luoghi santi sono in uno stato di Corruzione: molti conventi non sono più le case di Dio, ma pascoli per Asmodeo e la sua gente. Sarà in questo periodo che l’Anticristo nascerà da una monaca ebrea, una falsa vergine che sarà in comunicazione con l’antico serpente, maestro d’impurità; suo padre sarà un Vescovo (in francese: Ev.); alla nascita vomiterà bestemmie, avrà denti; in una parola, questo sarà il demonio incarnato; emetterà grida terrificanti, farà prodigi, vivrà di impurità. Egli avrà fratelli che, benchè non demoni incarnati come lui, saranno figli del male: all’età di dodici anni saranno notati per le prodi vittorie che otterranno; presto essi saranno ognuno a capo di eserciti, assistiti da legioni dell’Inferno. Le stagioni cambieranno, la terra produrrà solo frutti cattivi; i corpi celesti perderanno la regolarità dei loro movimenti; la luna rifletterà solo una tenue luce rossastra; l’acqua ed il fuoco determineranno moti sconvolgenti alla sfera della terra, facendo inghiottire montagne e città; ecc. Roma perderà la fede e diverrà la sede dell ‘Anticristo. I demoni dell’aria, insieme all’Anticristo opereranno grandi prodigi sulla terra e nell’aria, e gli uomini diverranno ancora più pervertiti. Dio avrà cura dei suoi servi fedeli e degli uomini di buona volontà; il Vangelo sarà predicato dovunque; tutti i popoli e tutte le nazioni conosceranno la verità. Io rivolgo un pressante appello alla terra; faccio appello ai veri discepoli di Dio che vive e regna nei cieli; faccio appello ai vari imitatori di Cristo fatto uomo, l’unico vero Salvatore degli uomini; faccio appello ai miei figli ai miei vari devoti, coloro che mi si sono donati così che io possa condurli dal mio divino Figlio, coloro che io porto come se fossero nelle mie braccia coloro che hanno vissuto nel mio spirito. Infine, faccio appello agli Apostoli degli ultimi tempi, i fedeli discepoli di Gesù Cristo che hanno vissuto nel disprezzo del mondo e di se stessi, in povertà e umiltà, in disprezzo e silenzio in preghiera e mortificazione, in castità e in unione con Dio, in sofferenza e sconosciuti al mondo. E’ ora per loro di emergere e di venire ad illuminare la terra. Andate, mostrate di essere i miei cari figli; io sono con voi ed in voi, purchè la vostra fede sia la luce che vi illumina in questi tempi cattivi. Possa il vostro zelo rendervi famelici della gloria e dell’onore di Gesù Cristo. Combattete, figli della luce! Voi, i Pochi che vedono a questo proposito, giacchè il tempo dei tempi, la fine delle fini, é vicina. La Chiesa sarà eclissata; il mondo sarà in costernazione. Ma ci sono Enoch ed Elia, pieni dello spirito di Dio; essi predicheranno con il potere di Dio e gli uomini di buona volontà crederanno in Dio, e molte anime saranno confortate; essi faranno un grande progresso per virtù dello Spirito Santo e condanneranno gli errori diabolici dell’Anticristo. Guai agli abitanti della terra! Ci saranno guerre sanguinose e carestie; pesti e malattie contagiose; ci saranno spaventosi acquazzoni e moria di animali; tuoni che demoliranno città; terremoti che inabisseranno paesi; voci saranno sentite nell’aria; gli uomini batteranno la testa contro il muro; essi invocheranno la morte, ma la morte costituirà il loro tormento; il sangue scorrerà da tutte le parti. Chi potrebbe farcela se Dio non accorcia il tempo della prova? Al sangue, alle lagrime, alle preghiere dei giusti, Dio diverrà meno severo; Enoch ed Elia verranno messi a morte: la Roma pagana sparirà; il fuoco del cielo cadrà e consumerà tre città. Tutto l’universo sarà colpito dalla paura e molti si lasceranno sedurre, perchè essi non adorano il vero Cristo vivente in mezzo a loro. E’ ora, il sole si sta oscurando; solo la fede sopravviverà. Il tempo è vicino; l’abisso si sta aprendo. Ecco il re dei re delle tenebre. Ecco la bestia con i suoi sudditi, sedicente salvatrice del mondo. In orgoglio, egli si leverà verso il cielo per andare su fino in Paradiso; ma egli sarà soffocato dal respiro di San Michele Arcangelo. Egli cadrà, e la terra che per tre giorni sarà stata in continuo cambiamento, aprirà il suo petto infiammato; egli sarà gettato per sempre con tutti i suoi seguaci negli eterni abissi dell’inferno. Allora, l’acqua e il fuoco purificheranno la terra e consumeranno le opere dell’orgoglio degli uomini, e ogni cosa sarà rinnovata. Dio sarà servito e glorificato. IL “Segreto” vero e proprio finisce qui. II “Segreto” che la Madonna de La Salette ha voluto che Melania e Massimino lo facessero conoscere a tutta la gente. Chi lo medita con serietà, vi troverà una viva attualità, la chiave, anzi, del mistero dei nostri tempi. Ci sarà di incoraggiamento il sapere della devozione di Santi e grandi Apostoli contemporanei per questa Apparizione riflettendo che i Santi hanno per le cose di Dio un intuito del tutto particolare e illuminato. Pensiamo a un Pio IX, a S.Giovanni Bosco, a S.G.Murialdo, al S.Curato d’Ars, alla santa M.Sofia Barat, a Paolina M. Jaricot ad Annibale M. di Francia, a Mons. Daniele Comboni che, il 2 luglio 1968, sulla Montagna de La Salette fece l’Atto di consacrazione della Nigrizia alla Madonna. La Vergine Piangente de La Salette, che ha fatto udire la sua voce sulle alte solitudini delle Alpi, preannunziando tempi tristi per la Chiesa e per il mondo, vuole essere di aiuto per noi affinchè il passaggio di Dio non sia di giustizia ma di misericordia.